Povia

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Povia a Sanremo, 2009

Giuseppe Povia (1972 – vivente), cantautore italiano.

Citazioni di Povia[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Per me che due gay o due lesbiche possano adottare un figlio non è affatto giusto. [...] Il bambino chi chiamerà papà? [...] Gay non si nasce. Lo si diventa in base a chi frequenti, a quello che ti insegnano da piccolo. [...] Come quei bambini che mamma e papà picchiano e loro per perversione vogliono essere picchiati. [...] Anche se ognuno è libero di pensarla come vuole. Comunque io so quello che dico. Anch'io ho avuto una fase gay. [...] È stato quando avevo 18 anni. È durata sette mesi, poi l'ho superata. E ho anche convertito due miei amici che credevano di essere gay e invece adesso sono sposati e hanno anche dei figli.[1]
  • Il punto è che il messaggio che si vuole trasmettere nella canzone è che gay non si nasce, ma lo si diventa in base a chi si frequenta; esattamente il contrario rispetto a quanto sostengono le associazioni in causa. Questo messaggio, credo, questa prospettiva diversa di considerare l'omossessualità sia stato ciò che, al di là di tutto, ha scatenato il discontento tra le associazioni per la difesa dei diritti degli omossessuali. Io stesso sapevo che un testo simile avrebbe scatenato simili reazioni...[2]
  • [Sulla canzone Centravanti di mestiere dedicata ad Alberto Gilardino] Gliel'ho dedicata simbolicamente, perché me lo ricordo quando ha esordito nel Piacenza a 17 anni. È un giocatore pulito, non fa polemica e non cerca mai di fingere. L'ho scelto per quello, è un centravanti di mestiere perché a volte rimane nell'ombra tutta la partita e all'ultimo dà una svolta alla gara.[3]
  • I due più grandi fenomeni che mettono contro i popoli contro i popoli sono il razzismo e l'antirazzismo: due delle più grandi piaghe che permettono al potere di andare avanti.[4]
  • L'Unità d'Italia (1861) e l'Unità €uro-pea (2002) sono la stessa cosa. La crescita del Nord è l'impoverimento e lo sfruttamento del Sud.[5]

Citazioni tratte da canzoni[modifica]

I bambini fanno "oh..." la storia continua...[modifica]

Etichetta: Target, 2006, prodotto da Angelo Carrara.

  • Ecco cosa c'è che non ti ricordi (può darsi) Comunque è stato bello amore (amarsi) (da Ecco cosa c'è, n. 4)
  • Finché tu | cerchi la passione | troverai solo il frutto | non l'Emozione. (da Fiori, n. 6)
  • Il sesso... cerca la tormenta, è chiaro che poi dopo si spaventa. (da Il Sesso e L'amore, n. 8)
  • Spettinata sai che per averti... farei le carte false, quelle che alla fine ci rimetti... ma non è importante. (da Spettinata, n. 10)
  • Ti starei vicino nei momenti di crisi e lontano quando me lo chiedi... (da Vorrei avere il becco, n. 11)
  • Più o meno come fa un piccione, lo sò che è brutto il paragone, però vivrei con l'Emozione di dare fiducia a chi mi tira il pane. (da Vorrei avere il becco, n. 11)
  • Ti prenderò la mano e sopra una carrozza ti porterò a ballare... Perché sarò il tuo re e non dimenticare che nelle scelte umane un re si può sbagliare. E se succederà, ti prego, non lo odiare. (da T'insegnerò, n. 13)
  • Ma tu sei scemo, quando dici che Ruggero con Simone, non avranno mai una vera relazione perché non potranno mai avere un figlio. (da Ma tu sei scemo, n. 16)

La storia continua... la tavola rotonda[modifica]

Etichetta: Target, 2007, prodotto da Angelo Carrara.

  • L'amicizia dice tutto in faccia e non ha paura di far male per fare bene. (da L'amicizia, n. 1)
  • [...] a un amico che è furbo e scorretto preferisco un nemico ma onesto | perché un nemico almeno mi può insegnare che non devo essere come lui. (da L'amicizia, n. 1)

Centravanti di mestiere[modifica]

Etichetta: Mamadue Records, 2009, prodotto da Giuseppe Povia, Cesare Chiodo e Gigi Liviero.

  • Sono un centravanti di mestiere, oggi bisogna vincere da tre giornate non segno perché mi si è ristretta la porta succede a tutti, e succede sempre: quando non gira, non gira niente. (da Centravanti di mestiere, n. 9)
  • Sono un centravanti di mestiere, la difesa avversaria mira alle caviglie: quando sei un pericolo ti prende le misure, e raddoppia le marcature, perché quando vuoi far bene ci si mettono in tanti a non farti andare avanti. (da Centravanti di mestiere, n. 9)
  • Siamo alla fine ma l'orgoglio mi sorregge, perché il mio spirito è di Dio ma il mio culo è solo mio. (da Centravanti di mestiere, n. 9)

Note[modifica]

  1. Dall'intervista di Costanza Rizzacasa d'Orsogna, Confessioni: Giuseppe Povia, menestrello dalla doppia personalità, Panorama.it, 17 luglio 2005.
  2. Dall'intervista di Chiara Bigi, Povia: le polemiche per "Luca era gay"? Hanno fatto bene al disco, 4 minuti.it, 30 marzo 2009.
  3. Citato in Paolo Bardelli e Augusto Ciardi, Gilardino ispira Povia, Guerin Sportivo, agosto 2009, p. 31.
  4. Citato in Rachele Nenzi, Stupri di Colonia, Povia: "Peggio del razzismo ​solo l'antirazzismo", il Giornale.it, 7 gennaio 2016.
  5. Da un post sulla pagina ufficiale di Facebook.com, 17 marzo 2016.

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]