Yelizaveta Alekseyevna Tarakanova

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Principessa Tarakanova)
Jump to navigation Jump to search
Princess Tarakanova, in the Peter and Paul Fortress at the Time of the Flood,
Konstantin Flavitsky, 1864

Yelizaveta Alekseyevna Tarakanova (1753 – 1775), pretendente al trono russo, conosciuta anche come Aly Emetey (principessa di Vlodomir).

Citazioni su Yelizaveta Alekseyevna Tarakanova[modifica]

  • Ed ecco che Orloff, ora, è lì davanti a lei, a Pisa, dove si è trasferita da Siracusa. È il trionfo per la Tarakanova, e non soltanto per quanto riguarda l'appoggio che potrà avere come pretendente al trono di Russia. Per lei è anche il trionfo del sentimento. Ama Orloff e ne è «rispettosamente» riamata, al punto che, quando egli «osa» finalmente chiederla in moglie, le dice: «Potete voi, una Romanov, sposare un povero, semplice, anonimo Oroloff?» (Konstantin Flavitsky)
  • È possibile, quindi, possibilissimo, che la storia della giovane donna sia vera, che ella possa «pretendere» il trono di Russia. Questa possibilità interessa politicamente molti grandi personaggi di tutti gli stati europei, e più di tutti i polacchi, che vogliono «liberarsi» di Re Stanislao imposto alla Polonia dalla sua matrigna Caterina. (Konstantin Flavitsky)
  • La giovane donna si fa chiamare principessa Tarakanova. Ha fatto la sua comparsa, quasi improvvisamente, due anni prima a Parigi col nome di Aly Emetey, principessa di Vlodomir, andando ad abitare uno dei più bei palazzi dell'isola di Saint-Louis. (Konstantin Flavitsky)
  • Orloff è davanti a lei, piega il ginocchio per salutarla, come se si trovasse davanti alla sua regina e nello stesso tempo la guarda fissamente, come affascinato: «Altezza», mormora poi. «Vi chiedo perdono per tanto ritardo... Avrei voluto correre subito da voi, dopo aver ricevuto la vostra lettera, ma ne sono stato impedito...»
    «L'importante è che ora siate qui», risponde la giovane donna, con un lieve sorriso, e dalla mano che l'altro sta baciandole, un fremito le giunge al cuore, al cervello. (Konstantin Flavitsky)

Altri progetti[modifica]