Regno Unito

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Bandiera del Regno Unito

Citazioni sul Regno Unito.

  • Metteremo insieme le varie nazioni del nostro Regno Unito. Ho sempre creduto nel governare con rispetto. In questo parlamento rispetterò la mia parola e realizzerò il più velocemente possibile la devolution che tutti i partiti hanno concordato per il Galles, la Scozia e l'Irlanda del Nord. (David Cameron)
  • Un bambino nato oggi nel Regno Unito ha più di dieci possibilità di essere ammesso in un ospedale psichiatrico che all'università... Ciò può essere preso come un'indicazione sul fatto che stiamo in effetti facendoli piuttosto impazzire che educarli in modo appropriato. Forse è il nostro modo di educarli che li fà impazzire. (Ronald Laing)

Kwame Nkrumah[modifica]

  • C'è un certa aura di fascino attorno alla monarchia britannica, la cui influenza è impalpabile ma molto reale. Azzarderei quasi il pensiero che a stento ci sia qualche serio antimonarchico in Gran Bretagna. Sembra che non ci sia alcuna consapevolezza di alcunché di paradossale in una democrazia altamente evoluta che conserva una monarchia ereditaria. Se io fossi un britannico che vive nel Regno Unito, forse la penserei allo stesso modo. Sono però un africano, membro di un paese solo di recente spezzato le catene che lo legavano alla Gran Bretagna. Avevamo tuttavia mantenuto il legame con la monarchia, ma il nostro orientamento verso il continente d'Africa lo ha reso un anacronismo.
  • C'è una tendenza a dimenticare che l'evoluzione della Gran Bretagna verso la democrazia non fu del tutto pacifica. Poco più di trecento anni fa fecero decapitare un re, fecero la loro rivoluzione borghese e instaurarono Cromwell come dittatore. I legami feudali non vennero completamente spezzati, e ci volle un ulteriore rivoluzione più di due secoli dopo, con i suoi conseguenti sommovimenti sociali, per ottenere la base di quella democrazia parlamentare che i britannici di oggi erroneamente credono sia merito intrinseco al loro carattere nazionale.
  • I britannici, per quanto amino atteggiarsi a sognanti idealisti che hanno ottenuto un impero inconsapevolmente, sono secondo la mia esperienza i più testardi realisti. Sanno che l'Africa dovrà inevitabilmente essere governata dagli africani, e vogliono uscire da questa faccenda nel miglior modo possibile.
  • Non riesco a capire come mai così tante persone nel Regno Unito continuano a rifiutarsi d'ammettere che l'industria locale fu volutamente scoraggiata in molte loro colonie. Dopo tutto, imparano nei loro libri scolatici di storia che gli americani si lamentarono della stesso genere di cose nel settecento. Anche a loro non era permesso fabbricare qualsiasi prodotto che avrebbe potuto competere con le industrie del paese metropolitano. Se i coloni americani avevano dei fondati motivi di malcontento, allora perché noi no? Perché l'Africa no?

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]