Reimund Schnabel

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Reimund Schnabel (-), scrittore e storico tedesco.

  • Privo di qualsiasi legame etico ed umanitario, il potere di Hitler era immorale. Le SS ubbidivano a ogni ordine del Führer – anche l'ordine di omicidio di massa – realizzandolo senza scrupoli. Il potere delle SS, per grazia di Hitler, era un potere senza morale. (Reimund Schnabel, dalla prefazione alla prima edizione tedesca del 1956 de Il disonore dell'uomo)

Il disonore dell'uomo[modifica]

Incipit[modifica]

Il materiale documentario sullo sviluppo delle SS (Schutz-Staffel) dai primordi sino alla presa di potere di Hitler era scarsissimo. Ma la cosa non ha importanza essenziale per questo lavoro, perché l'attività della Schutz-Staffel nei confronti di tutta la popolazione incomincia praticamente soltanto nel 1933 e trova il suo fondamento legale nel decreto di Hitler sulla nomina del Reichsführer SS a capo della polizia tedesca (1933) (D3). Non è certamente esatto che la duplice funzione di Himmler come Reichsführer SS e capo della polizia tedesca costituisse semplicemente una «unione personale». Dal materiale di questo e degli altri capitoli risulta che si trattava effettivamente di una unione reale e che la «unità del partito e dello Stato», continuamente proclamata da Hitler, si rivela innanzi tutto e con estrema coerenza nelle SS e nella polizia.

Citazioni[modifica]

  • Trattando delle azioni delle SS, soprattutto nella letteratura straniera, questa organizzazione viene identificata molto spesso con l'intero popolo tedesco e i suoi delitti vengono addebitati molto spesso a tutta la Germania. (p. 43)

Bibliografia[modifica]

  • Reimund Schnabel, Il disonore dell'uomo, Macht ohne Moral, traduzione di Herma Trettl, Paperbacks Lerici, Milano 1966.