René Char

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
La firma di René Char

René Char (1907 – 1988), poeta francese.

Citazioni di René Char[modifica]

  • La poesia non ha memoria. A me è richiesto di andare sempre avanti – nell'ignoto.[1]

Fogli d'Ipnos. 1943-1944[modifica]

  • Agire da primitivo e prevedere da stratega.
  • Il frutto è cieco. Chi vede è l'albero.
  • Il poeta, conservatore degli infiniti volti di ciò che vive.
  • L'eternità non è gran che più lunga della vita.
  • La lucidità è la ferita più prossima al sole.
  • Prateria, sei lo scrigno del giorno.
  • Resistenza è solo speranza.
  • Un uomo senza difetti è una montagna senza crepacci. Non m'interessa.

Note[modifica]

  1. Citato in Risposta a colloquio con Martin Heidegger, traduzione di Carlo Tatasciore, Guida, Napoli, 1992, pp. 267-268. ISBN 978-88-6042-258-3

Bibliografia[modifica]

  • René Char, Fogli d'Ipnos. 1943-1944, traduzione di Vittorio Sereni, Einaudi, Torino, 1968.

Altri progetti[modifica]