René Laurentin

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

René Laurentin (1917 – vivente), presbitero, scrittore e teologo francese.

  • Teresa di Lisieux fu una delle fonti del filosofo Henri Bergson, nell'ultima tappa della ricerca in cui trovò Dio grazie alla testimonianza dei mistici. (da Teresa di Lisieux. Vita e attualità, tradotto da L. Bianchi, Queriniana, 1997)

La Madonna [modifica]

  • Il Cristo non le [a Maria] concede nemmeno le soddisfazioni della maternità secondo la carne, per quanto legittime siano.
  • Maria ha condiviso l'oscura condizione della fede che è quella degli altri redenti.
  • Non si può affermare che la redenzione di Maria sia di un'altra specie della nostra, perché è la stessa redenzione di Cristo, ma nella sua suprema attuazione e con delle modalità proprie di anticipazione e perfezione.
  • Se essa è nostra regina, anche noi regneremo con Cristo; Maria non ci è superiore che per esserci più vicina.

[René Laurentin, La Madonna : questioni di teologia, traduzione di Margherita Ricatti di Ceva, Morcellania, 1964]

Lourdes[modifica]

  • Attraverso le apparizioni di Lourdes, Nostra Signora ha voluto restaurare in noi l'amore dei poveri e della povertà, un amore ingegnoso e liberatore.
  • Conversione: questa è la parola che esprime più specificamente il senso del pellegrinaggio.
  • L'avvenimento di Lourdes presenta un ordine, un'armonia che vieppiù si impongono man mano che si penetra.
  • La messa ed il Corpo di Cristo sono diventati il centro stesso del pellegrinaggio a Lourdes.
  • La metà del XIX secolo vede infatti il trionfo del regno del denaro sul regno medioevale dell'onore e delle tradizioni.
  • La preghiera di Bernadette è contagiosa.
  • La Vergine è colei nella quale nessun peccato ha rimpicciolito l'amore.
  • Lourdes non delude, benché il miracolo vi resti eccezione.
  • Noialtri peccatori oscilliamo pericolosamente tra durezza e complicità nei confronti degli altri.
  • Non c'è vero amore per il peccatore senza odio per il suo peccato.
  • Non si comprende il peccatore attraverso il peccato, perché il peccato non è una tecnica positiva: nella sua essenza è privazione, assenza, nulla; è peccato nell'esatta misura in cui decapita il bene dell'atto compiuto. Non è dunque fattore di comprensione ma di oscurità.
  • Se il cielo sceglie quel che non esiste secondo il mondo non è per il gusto gratuito di beffarsi del mondo.
  • Si è capaci di misericordia nella misura in cui si sa di essere oggetto di misericordia.

[René Laurentin, Lourdes. Cronaca di un mistero, traduzione di Rino Camilleri, Mondadori, 1996]

Altri progetti[modifica]