Renzo Barbieri

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Renzo Barbieri (1940 – 2007), scrittore, sceneggiatore ed editore italiano.

Incipit di L'uomo della Rolls[modifica]

Erano le cinque del pomeriggio, ora di punta.
Miriadi d'automobili fluivano lungo la grossa arteria di Brodway riversandosi in Times Square come cavallette impazienti. Dagli uffici della Midtown frotte di impiegati e funzionari uscivano all'aperto e si mescolavano con la folla eterogenea, di ogni razza e colore, in corsa verso le stazioni del subway e le fermate degli autobus.
D'un tratto, al quarantatreesimo piano di un incombente grattacielo, il cristallo di una finestra esplose in schegge e la figura di un uomo, a braccia e gambe allargate, precipitò nel vuoto.
Un'ombra nera, un ragno sempre più gigantesco sopra le teste delle centinaia di frettolosi passanti.
Fu l'urlo a richiamare la loro attenzione, ma prima che qualcuno intuisse la tragedia si era già spento sul marciapiede in una poltiglia di carne e sangue e gli era subentrato, moltiplicato da mille voci, l'urlo della folla.

Bibliografia[modifica]

  • Renzo Barbieri, L'uomo della Rolls, Tascabili Bompiani, Milano 1991.

Altri progetti[modifica]