Robert Fisk

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Robert Fisk (1946 – vivente), giornalista britannico.

Incipit di Cronache mediorientali[modifica]

Quando era bambino mio padre mi portava ogni anno sui campi di battaglia della Prima Guerra Mondiale, quella che H.G. Wells aveva definito "la guerra che metterà fine a tutte le guerre." Partivamo ogni anno con la nostra Austin Mayflower e procedevamo sobbalzando lungo strade sconnessedella Somme, di Ypres e di Verdun. a quattordici anni, sapevo a memoria i nomi di tutte le battaglie, Bapaume, Hill 60, High Wood, Passchendaele.... Avevo visitato tutti i cimiteri, camminato in tutte le trincee ormai coperte dall'erba, toccato gli elmetti arrugginiti dei soldati inglesi e i corrosi mortai tedeschi esposti nei musei della zona. Mio padre era stato un soldato della Grande Guerra, aveva combattuto nelle trincee della Francia a causa di un colpo di pistola sparato in una città che non aveva mai sentito parlare, Sarajevo. E quando tredici anni fa è morto, all'età di novantatré anni, ho ereditato tutte le medaglie che aveva conquistato nelle sue campagne. Su una di esse è rappresentata una vittoria alata e sul rovescio sono incise le parole: "La Grande Guerra per la Civiltà".  dalla prefazione? dalla prefazione?

Bibliografia[modifica]

  • Robert Fisk, Cronache Mediorientali, traduzione di Enrico Basaglia, Alessandra Costa, Antonietta Torchiana, Bruna Tortorella, Il Saggiatore, 2009. ISBN 978-885650049-3

Altri progetti[modifica]