Sandro Curzi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Alessandro Curzi, detto Sandro (1930 – 2008), giornalista e politico italiano.

Citazioni di Sandro Curzi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • [Alida Valli] L'ho amata sul serio. Quando ha compiuto 80 anni le ho mandato tante rose, come non le ho mandate mai a nessuno.[1]
  • Le radici di una collettività possono essere minate se tutto è mercato, dalla salute alle scelte della politica.[2]

Da Sandro Curzi

Intervista di Claudio Sabelli Fioretti, Sette, citato in Interviste.sabellifioretti.it, 20 marzo 2001.

  • Noi comunisti siamo di estrema attualità. Marx diceva: proletari di tutto il mondo unitevi. E invece si sono uniti i ricchi, i finanzieri. È la globalizzazione.
  • Nel mio palazzo abitavano tutti fascisti. Il 25 luglio 1943 diventarono tutti antifascisti e buttarono dalla finestra tricolori, quadri di Mussolini, orbaci. Per poco non diventai fascista io.
  • Tutti giocano a correre a destra. Rutelli dice di essere contro l'aborto. Io conoscevo un altro Rutelli.
  • [Su Walter Veltroni] Ha fatto tutto troppo velocemente: carriera, lettura dei libri, cambiamenti. È stato il responsabile stampa e propaganda del Pci. Come fa a dire di non essere mai stato comunista?
  • [Sulla possibile nomina a senatore a vita] A me piace fare un po' il gigione come Montanelli. Come lui voglio morire da giornalista. Il senatore a vita poi è proprio una cosa da grattarsi. Il Senato lo rifiuto per scaramanzia. Mi sa di morte.

Citazioni su Sandro Curzi[modifica]

  • Curzi il comunista, senza nessuna macchia nel passato, falce e martello fin da quando portava i calzoni corti. Nessun cedimento. Se è vero quello che dicono i voltagabbana, cioè che soltanto i cretini non cambiano idea, Curzi è il Cretino ad honorem. Felice di esserlo, perché la sua idea della coerenza è diversa da quella corrente. Comunista ma non intollerante. (Claudio Sabelli Fioretti)

Note[modifica]

  1. Citato in Corriere della Sera, 23 aprile 2006.
  2. Da un'intervista di Paolo Conti, "Combatto contro il cancro e contro ogni accanimento", Corriere della Sera, 24 gennaio 2007.

Altri progetti[modifica]