Scipione detto anche l'Africano

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Scipione detto anche l'Africano

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Scipione detto anche l'Africano

Lingua originale italiano
Paese Italia, Francia
Anno 1971
Genere commedia, storico
Regia Luigi Magni
Sceneggiatura Luigi Magni
Produttore Turi Vasile
Interpreti e personaggi

Scipione detto anche l'Africano, film italo-francese del 1971, regia di Luigi Magni.

Frasi[modifica]

  • Che ha fatto Scipione per la Repubblica? Niente? E allora, famose du' passi indietro ne la Storia. Pijamo le Guerre Puniche. Ve ricordate le botte che v'hanno dato ne la prima? E perché ve l'hanno date? Perché nun ce stavo io. E allora annamo alla seconda, alla Trebbia, al Trasimeno, a Canne. Lì ce stavo, ma perché seguitavamo a perde? Perché nun comannavo io! [...] Roma s'è sarvata solo quanno ho preso la situazione in mano io! (Scipione)
  • Scipione può rivede' un trattato di pace, 'na dichiarazione de guerra. Nun rivede un libro mastro. (Scipione)
  • Ave Roma e ave a te, Giove, Ottimo e Massimo, Giove Capitolino. Presso la quercia de li antichi progenitori pecorari io te invoco, oh nume. Se è privilegio de li eroi discore a tu per tu co' li numi, sorti fori Giove, e discoremo. (Scipione)
  • Omo, sei incontentabile. (Giove)
  • Scipione nun dorme. Chi nun dorme pensa, e chi pensa rompe li contrappesi... (Catone)
  • Solo quanno laggiù se farà chiaro, dietro quelli tetti, quanno se risente er carro de Fetonte che annuncia er giorno, allora il vecchio s'addorme, perché, così, è passata un'artra notte, e, pe' 'n artro giorno, nun ze more più. (Madre di Catone)
  • Certo, voi mette Scipione co' 'sti quattro ladroni che reggono la Repubblica? Ma Scipione è grande, invece le repubbliche, pe' sta' in pace, devono esse' fatta di gente piccola. (Catone)
  • Nun ve montate la capoccia, e ricordateve chi sete. Ma quale civiltà, romani? Pe' tirà su 'na casa che nun fosse 'na catapecchia avete dovuto ricorre a li greci (però prima je avete dovuto mena'). I ritratti, le pitture a sguazzo, i pupazzi de marmo e de bronzo, li nonni morti a mezzo busto... quelli ve li sete fatti fa' da li etruschi (a forza di sganassoni). Quanno, poi, s'è trattato de scrive' du righe de storia patria, avete dovuto pija' in ostaggio 'n artro greco, Polibio, perché a Roma quello che sa scrive' mejo, sì e no, sa fa la firma. Dice "C'avemo Plauto che scrive le commedie!"... un par de ciufole. Ma che scrive Plauto? Plauto copia, copia le commedie dei greci e dice che le ha inventate lui. Per cui, 'a giovanotti, io ve sto pe' dà 'na gran brutta notizia: tutta 'sta civiltà, 'sta coltura vostra non è altro che bottino de guerra. (Catone)
  • Scipione è finito! So' questi l'amici tui? Io li conoscevo, erano pure li mii. Fatte conto, questo chi è? È Marco Valerio? Nossignore! Marco Valerio è morto e sotterrato a Zama! 'Sto ber zitello chi è? È Curio Sestilio? Nossignore, Scipio'! Curio Sestilio nun po' regge er bicchiere pe' via che la lama de un carro falcato je ha stroncato le mano. E queste chi so'? So' le donne d'Africa che ce facevano da magna' e ce fasciavano le ferite dopo er combattimento e, la notte, facevano l'amore con noi piano piano pe' non facce male, perché eravamo tutt'a pezzi? Queste chi so', Scipio'? Queste so' mignotte! (Massinissa)
  • Me pare de esse' un postero di me stesso. Ma nun me sarò sopravvissuto? (Scipione)
  • La vita è fatta de momenti brutti, ma nun te preoccupa', poi viene sempre er momento peggio. (Giove)
  • 'Na vorta t'odiavo, e l'odio basta pe' tenesse insieme. Poi pure l'odio more e, quando nun c'è più nemmanco l'odio, te vie' 'na voglia de pace, de nun fa più gnente... (Emilia)
  • L'amore è fatto de cose piccole, è fatto anche de miserie, forse per gente piccola, e tu sei grande, sei troppo. Come se fa a volette bene? Scipio', sei fastidioso. (Emilia)
  • Embé, che te credevi? Questa non è l'ideale Repubblica de Platone, è la città fangosa de Romolo. (Catone)
  • Basta esse' come l'artri. Mejo mai, ma peggio è inutile. (Catone)
  • Ingrata patria, non avrai le mie ossa. (Scipione)

Dialoghi[modifica]

  • Scipione: Padri senatori, lo sapete tutti che Catone è er difensore de li costumi antichi, ma state attenti, perché Catone esagera! Vede sempre er male dapertutto. Ve ricordate quanno li legionari tornarono da la Grecia? Erano partiti zozzi, luridi, co' certe barbe che manco li caproni. Vinsero, tornarono, e tutta Roma se incanto' a guardalli. Belli, puliti, co' le ganasse vellutate. E questo perché? Perché li lupi de Roma avevano imparato dai civilissimi greci a usa' er rasore. Che te fa allora Catone? Zompa in piedi su li rostri e je strilla: "Froci! Sete diventati tutti froci!".
    Catone: E insisto. Chi se fa la barba nun è omo!
  • [Fermando l'Asiatico, che sta seguendo il fratello che esce dal Senato]
    Catone: A more'... 'ndo vai?
    Scipione Asiatico: Co' mi' fratello. Se sorte lui...
    Catone: Vabbè, ma lui è l'Africano. Tu sei l'Asiatico... voi mette'?
  • Giove: Che te credi, a Scipio'? Pure Dio piagne!
    Scipione: Annamo bene annamo... ma allora, scusa, che differenza c'è fra noi due?
    Giove: Che io so' eterno e tu no. Tu, a un certo punto, schiatti, cali er sipario, io no. Io me la godo in sempiterno 'sta buffonata. Alegro, Scipio'! La vita è bella proprio perché finisce!
    Scipione: Bella filosofia...
  • Scipione: Ahò, Emlia'! Io 'sti cinquecento talenti nun l'ho mai visti! Me devi crede'!
    Emilia: E quando c'ho creduto io? È Roma che ce deve crede'!
  • Scipione Asiatico: Scusa se metto bocca, ma nun se invita la gente a cena se uno, poi, deve parti'. Non è coretto.
    Emilia: Ma a te chi se l'è mai insognato de invitatte a cena? Ahò, ma che famija...!
  • [Rimproverando il fratello che si ingozza insieme agli schiavi] Scipione: Ma come? Nel momento in cui l'occhi de Roma ce stanno addosso e Catone ce sta a spubbica' davanti a tutti, tu che fai? La butti a fagioli?
    Scipione Asiatico: Cor sellero.
    Scipione [Contrariato] : ...cor sellero!
  • [Dopo che Scipione ha strappato i libri coi resoconti della spedizione] Catone: Che hai rotto li libri?
    Scipione: Voi m'avete rotto li contrappesi... stamo pari.
  • Carneade di Cirene: Non te la prendere, Scipione. Arcesilao nega ogni valore all'opinione volgare. Se qualche cosa è degna dell'aspirazione del saggio, questa non può essere che la scienza. Tuttavia, la scienza è irraggiungibile, e all'uomo è preclusa la vera conoscenza delle cose. Di qui il dilemma: o una scienza che ci trascende, o una opinione che è inferiore a noi. Il saggio non può che rifiutare ambo i termini di questa alternativa, poiché l'assenso e la fede sono, per lui, un male. Trattenere l'assenso non è umano, e, senza adesione, l'azione è impossibile. Vedi, dunque, Scipione, come lo scetticismo escluda ogni condotta di vita.
    Scipione: Vedo, vedo... nun c'ho capito gnente...
  • Scipione: Fuori! Ma addirittura da 'sta città. Tempo ventiquattr'ore devi lascia' Roma.
    Carneade di Cirene: E il motivo?
    Scipione: ...nun te capisco quanno parli!
    Carneade di Cirene: O forse ci sono cose, nella libera Repubblica Romana, che non si possono dire?
    Scipione: A Roma se po' di' tutto, tutto quello che se capisce! Quello che nun se' capisce nun ze po' di' perché nun ze deve di'! Nun è onesto!
  • Scipione: Io, oggi, ve restituisco er bene supremo.
    Schiavo 2: E che è 'sto bene supremo, ahò?
    Scipione: La libertà! [Porge la mano a uno schiavo] Baciate qui.
    Schiavo 2: Ma 'n sarebbe meglio lascia' le cose come stanno?
    Scipione Asiatico: E se capisce! Questi, ormai, stanno sur fagiolo!
  • Scipione: Oggi, oh senato scordarello, è l'anniversario della battaglia de Zama!
    Aulo Agelio: Porca mignotta! E chi ce pensava più?
    Marco Claudio Marcello: Che te devo di'... io, co' 'ste ricorrenze...
    Quinto Fabio Massimo: Sì, e io pure quelle de mi' moje me scordo, capirai!
    Senatore decrepito [A un altro senatore decrepito] : Io sono rincoglionito... mi meraviglio di te che sei un ragazzo!
  • Catone: No, no io voglio soltanto appurà chi de voiartri due è Scipione ... A.
    Scipione: E allora nun so' io, perché io megalomane come so' firmo sempre pe' lungo e per esteso: Publio Cornelio Scipione detto anche l'Africano e qualche volta me pare pure corto.
    Scipione Asiatico: E io? Dietro la firma aggiungo sempre: parentesi Asiatico da nun confondese con l'Africano che nun so' io, chiusa la parentesi.
  • Scipione [Porgendo il gladio al fratello] : Tie'.
    Scipione Asiatico: Che devo fa'?
    Scipione: ...romanamente!
    Scipione Asiatico: No... 'sti gesti saranno belli, ma io non li ho mai capiti.
    Scipione: Uno Scipione non sopravvive al disonore!
    Scipione Asiatico: Ma io sopravvivo benissimo a tutto!
  • Scipione: Qui non c'è posto pe' li bugiardi, li profittatori, li ladruncoli... questi nun so' ommini, so' nani! Nani, Cato'. Daje sempre sotto a li nani!
    Catone: Scipio'... ma proprio a me me doveva capita' 'sto casino? Ma che è 'sto destino infame? Che me ne frega a me, dopotutto? Ma chi so' io? La nemesi storica? Er dio de la vendetta?
    Scipione: Ahò! Ma perché? Nun je vorresti da' sotto?
    Catone: A chi?
    Scipione: A 'sta brutta genia...!
    Catone: Ah... a li nani...! Annamo, va...
  • Scipione Asiatico: Li Scipioni c'avranno tutti i difetti...
    Emilia: No "c'avranno". Ce li hanno, ce li hanno...
  • [All'arrivo di Sempronio Gracco alla villa degli Scipioni, latore di un ordine di Catone] Giove: Qui se compie un destino Scipio', ma no er tuo, quello de tu' fija, Cornelia se sposerà Sempronio Gracco e da grande sarà tanto virtuosa quanto da regazzina è sciacquetta, purtroppo resterà vedova ancora giovane, l'ommini faranno a cazzotti, ma lei gnente. Vivrà nella memoria de sto pupazzo de Sempronio e penserà solo alli fiji, che saranno Tiberio e Caio Gracco. Adesso a te sti nomi.. nun te dicono gnente, ma 'r mondo a venire se ricorderà in sempiterno delli fratelli Gracchi, tribuni della plebbe e amici der popolo, che pe' via de sta amicizia l'uno e l'altro saranno assassinati come carogne.
    Scipione: E il nome de'li Scipioni?
    Giove: Eeh, quello continuerà! E continuerà pe' via de quer grugnetto amaro: ecco'o lì [Indicando il fratello minore di Emilia, cognato di Scipione ma ancora ragazzino], quello a forza de bazzicà casa vostra.. nun se pijerà Cornelia ma se pijerà il nome di 'i Scipioni e appetto a lui chi se ricorderà più de tu' padre Scipione Ispanico? De tu' nonno Scipione Barbado? Chi se ricorderà più de quer poveraccio de tu' fratello, capirai, Scipione Asiatico? Ar mondo resteranno soltanto due Scipioni: te, l'Africano, e lui: Publio Cornelio Scipione detto anche l'Emiliano. Tu l'hai sconfitta Cartagine? Lui la distruggerà e ce butterà 'r sale sopra.
    Scipione: Me' coioni!
    Giove: Eh, e che te credi che er mondo finisce co' te? Er mondo non finisce mai Scipio', omo dopo omo, giorno dopo giorno, p'ariva' 'ndove? Non se sà.
  • Catone: Oggi hai voja a esse' qualcuno... pure se sei Scipione, sei omo de li tempi novi. E questi, padri coscritti, è inutile che se lo nasconnemo, so' tempi di gente piccola, so' tempi de nani!
    Massinissa: Io non so' d'accordo.
    Catone: E sai a me quanto me ne frega...!
  • Schiavo 3: E che je dico a Emilia?
    Scipione: Dije che la ringrazio perché m'ha aperto l'occhi ma proprio pe' questo nun la posso più vede'.

Altri progetti[modifica]