Simon Boccanegra

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Una scena dell'opera presso la Städtische Oper Berlin

Simon Boccanegra, opera lirica in tre atti musicata da Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave e (seconda versione) Arrigo Boito.

  • Vieni a mirar la cerula
    Marina tremolante;
    Genova torreggia
    Sul talamo spumante;
    Là i tuoi nemici imperano,
    Vincerli indarno speri...
    Ripara i tuoi pensieri
    Al porto dell'amor. (Amelia: atto I, scena II, pp. 20-21)
  • Vieni a me, ti benedico
    Nella pace di quest'ora,
    Lieto vivi e fido adora
    L'angiol tuo, la patria, il ciel! (Fiesco: atto I, scena V, p. 24)
  • [Ai genovesi] Fratricidi!!!
    Plebe! Patrizi! Popolo
    Dalla feroce storia!
    Erede sol dell'odio
    Dei Spinola, dei D'Oria,
    Mentre v'invita estatico
    Il regno ampio dei mari,
    Voi nei fraterni lari
    Vi lacerate il cor.
    Piango su voi, sul placido
    Raggio del vostro clivo,
    Là dove invan germoglia
    il ramo dell'ulivo.
    Piango sulla mendace
    Festa dei vostri fior,
    E vo gridando: pace!
    E vo gridando: amor! (Doge: atto I, scena XII, pp. 38-39)
  • Tu al cospetto del ciel e al mio cospetto
    Sei testimon. - Sul manigoldo impuro
    Piombi il suon del mio detto:
    Sia maledetto! e tu ripeti il giuro. (Doge: atto I, scena XII, p. 41)

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]