Stojan Zagorcinov

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Stojan Zagorcinov (1889 – ?), scrittore bulgaro.

L'ultimo giorno[modifica]

Incipit[modifica]

GLI OTROTZI
FALÒ NEL BOSCO

Nel settimo anno del suo regno, dopo la battaglia di Russokastro, lo zar Joan Alessandro, come aveva stabilito alla fine della primavera con l'imperatore Andronico, celebrò sontuosamente le nozze di suo figlio Michele Asen con la principessa Maria di Bisanzio. Per tutta la settimana, sulle rive della Tungia, presso Odrin, lo Zar tenne banchetto con un'allegria e uno sfarzo mai visti, né dai bulgari né dai bizantini.

Citazioni[modifica]

  • Il destino di ogni uomo è segnato da Dio. Con la preghiera, io lavoro nel campo di Dio, come l'agricoltore ara, semina e miete sui campi della terra. Io non sono da più dei seminatori e lui non è da meno di me. (p. 207)

Bibliografia[modifica]

  • Stojan Zagorcinov, L'ultimo giorno (Den poslednij), traduzione di Hanna Mirecka e Aurora Beniamino, Edizioni Paoline, 1978.