Thomas de Quincey

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Thomas de Quincey

Thomas de Quincey (1785 – 1859), scrittore e giornalista inglese.

Citazioni di Thomas de Quincey[modifica]

  • Non si fa mai consapevolmente una cosa per l'ultima volta senza una certa tristezza nel cuore.[1]
  • Perché se un uomo si lascia andare una volta a un assassinio, presto comincerà a non farsi grande scrupolo di rubare, e dal rubare arriverà a bere, a non rispettare il giorno festivo, e di qui all'inciviltà e alla negligenza.[2]

Il postale inglese[modifica]

Incipit[modifica]

Roberto Barbolini[modifica]

LA GLORIA DEL MOVIMENTO
Vent'anni o poco più, prima che io mi iscrivessi ad Oxford, Mr. Palmer, all'epoca deputato di Bath, aveva realizzato due cose molto difficili da ottenere sul nostro piccolo pianeta, la Terra, per quanto possano esser tenute in poco conto dagli eccentrici abitanti delle comete: aveva infatti inventato le diligenze postali e si era sposato con la figlia di un duca. Egli, perciò, come grand'uomo, valeva almeno il doppio di Galileo, giacché questi ha certamente inventato (o scoperto, il che è la stessa cosa) i satelliti di Giove, fra tutte le cose esistenti di sicuro le più simili alle diligenze postali per ciò che riguarda le due pretese capitali di velocità e puntualità, ma, d'altro canto, non gli riuscì di sposare la figlia d'un duca.
[Thomas de Quincey, Il postale inglese (The English Mail Coach), traduzione di Roberto Barbolini, Cappelli editore, Bologna 1994]

Fruttero & Lucentini[modifica]

Venti e più anni prima che io entrassi a Oxford, Mr. Palmer, allora membro del Parlamento per la circoscrizione di Bath, compì due imprese una più difficile dell'altra: inventò le diligenze e sposò la figlia di un duca[3].
[Thomas de Quincey, La diligenza inglese citato in Fruttero & Lucentini, Íncipit, Mondadori, 1993]

Citazioni[modifica]

  • Ogni gioia [...] anche la più rapinosa – questa è la triste legge della terra – può recare con sé dolore, o paura di soffrire. (p. 42)

Incipit di alcune opere[modifica]

I delitti della Ratcliffe Highway[modifica]

Innanzitutto qualche parola sulla scena dei delitti. La Ratcliffe Highway traversa uno dei quartieri più caotici e pericolosi della Londra portuale, nell'East End. A quei tempi poi, e cioè nel 1812, non esisteva in città altra polizia che la Detective Police di Bow Street: ammirevole certo nell'assolvimento dei suoi particolari compiti, ma del tutto inadeguata alle necessità della capitale.[4][5]

L'assassinio come una delle belle arti[modifica]

Il lettore avrà forse sentito parlare di una «Società per l'Incremento del Vizio», di un «Club Fuoco dell'Inferno» fondato nel secolo scorso da Sir Francis Dashwood, eccetera. Fu poi a Brighton, credo, che nacque una «Società per la Soppressione della Virtù», ben presto soppressa a sua volta. Ma oggi a Londra, mi spiace dirlo, ne esiste una di carattere anche più atroce, i cui membri si definiscono conoscitori dell'assassinio, ma che ben si potrebbe chiamare di incoraggiamento all'assassinio stesso[4].

Le confessioni di un mangiatore d'oppio[modifica]

Spesso mi è stato chiesto come, e attraverso quali serie di passi, divenni consumatore d'oppio.[6]

Suspiria de profundis[modifica]

Nel 1821 come collaborazione ad un periodico e nel 1822 come volume a sé, comparvero le Confessioni di un oppiomane. Scopo di quell'opera era di rivelare parte della grandiosità che è potenzialmente insita nei sogni umani. Per quanto possano essere coloro in cui questa facoltà di sognare in modo splendido esiste allo stato latente, non ve ne sono forse molti in cui essa è sviluppata. Chi parla di buoi, sognerà probabilmente buoi; e le condizioni della vita umana che aggiogano una così grande maggioranza a una quotidiana esperienza incompatibile con molta elevatezza di pensiero, spesse volte neutralizzano il tono di grandiosità nella facoltà riproduttiva del sogno anche per coloro le cui menti sono popolate di immagini solenni.

[Thomas de Quincey, Suspiria, traduzione di Renata Barocas, Garzanti, 2018]

Citazioni su Thomas De Quincey[modifica]

  • De Quincey, in certe notti di minuzioso terrore, si immerse nel cuore di labirinti, ma non coniò la sua impressione di unutterable and self-repeatig infiniteis (inesprimibili e ripetentisi infinitudini) in favole paragonabili a quelle di Franz Kafka. (Jorge Luis Borges)

Note[modifica]

  1. Da Confessioni di un oppiomane.
  2. Da L'assassinio come una delle belle arti, traduzione di Massimo Bontempelli, Istituto editoriale italiano, Milano, 1916.
  3. De Quincey paragona curiosamente l'invenzione della diligenza inglese alla scoperta dei satelliti di Giove da parte di Galileo. Conviene ricordare che Pascal, da parte sua, inventò nel 1661 gli omnibus a cavalli di Parigi.
  4. a b Citato in Fruttero & Lucentini, Íncipit, Mondadori, 1993.
  5. Questo vertiginoso resoconto di un fatto di cronaca fu scritto da De Quincey quindici anni dopo L'assassinio come una delle belle arti e pubblicato come «poscritto» al medesimo.
  6. Citato in Giacomo Papi, Federica Presutto, Riccardo Renzi, Antonio Stella, Incipit, Skira, 2018. ISBN 9788857238937

Bibliografia[modifica]

  • Thomas de Quincey, Il postale inglese (The English Mail Coach), traduzione di Roberto Barbolini, Cappelli editore, Bologna, 1994.

Altri progetti[modifica]