Velardiniello

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Velardiniello o Bennardiniello (XVI° secolo), poeta italiano.

Citazioni di Velardiniello[modifica]

  • Voccuccia de nu pierzeco apreturo,[1] | mussillo de na fica lattarola,[2] | s'io t'aggio sola dinto de quist'uorto, | nce pozza restà muorto | si tutte sse cerase non te furo[3] || Tanto m'affacciarraggio[4]pe ste mmura, | fin che me dice: «Intra ne la scola».[5] | S'io t'aggio sola dinto de quist'uorto, | nce pozza restà muorto | si tutte sse cerase non te furo. || E ssi na vota entrar me ce assecuro, | tu non me ne farraje cchiù cannavola.[6] | S'io t'aggio sola dinto de quist'uorto, | nce pozza restà muorto | si tutte sse cerase non te furo. || E ssi nce saglio ncoppa de ssa noce, | tutta la scogno[7]pe sta Santa Croce! | Ahimmé ca coce!,[8] te farraggio dire, | e bene resentire | te potarraie, ma nun auzà[9]la voce.[10]

Note[modifica]

  1. Di una pesca spiccace, facile a staccarsi dal nocciolo.
  2. Labbruccio di un fico da latte. La traduzione è in La poesia in dialetto, nota 2, p. 558.
  3. Se non ti rubo tutte queste ciliege.
  4. Affaccerò.
  5. Entra nella scuola. (Entra e insegnami. La traduzione è in La poesia in dialetto, nota 2, p. 558.)
  6. Gola. (Tu non potrai più beffarti di me. La traduzione è in La poesia in dialetto, nota 2, p. 558.)
  7. Ne smallerò, ne sguscerò una ad una tutte le noci!
  8. Ahimè come brucia! La traduzione in La poesia in dialetto, p. 559.
  9. Alzare.
  10. Traduzione e note di A. Serrao. Da E. Malato, La poesia dialettale napoletana, testi e note, prefazione di Gino Doria, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 1960, 2 voll., vol I, p. 129; in La poesia in dialetto, Storia e testi dalle origini al Novecento, a cura di Franco Brevini, Mondadori, Milano, 1999, vol I, pp. 558-559.

Altri progetti[modifica]