Víctor Jara

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Victor Jara)
Jump to navigation Jump to search
Víctor Jara
La tomba di Víctor Jara al Cimitero Generale di Santiago del Cile

Víctor Lidio Jara Martínez (1932 – 1973), cantautore, musicista, regista teatrale e poeta cileno.

  • Canto, che cattivo sapore hai | quando devo cantar la paura | paura come quella che vivo | come quella che muoio, paura | di vedermi fra tanti e tanti | momenti di infinito | in cui il silenzio e il grido | sono i fini di questo canto | ciò che ho sentito e che sento | farà sbocciare il momento
Canto, qué mal me sabes | cuando tengo que cantar espanto. | Espanto como el que vivo | como el que muero, espanto. | De verme entre tantos y tantos | momentos de infinito | en que el silencio y el grito | son las metas de este canto. | Lo que veo nunca vi. | Lo que he sentido y lo que siento | harán brotar el momento... (Testo scritto nello stadio di Santiago del Cile poco prima di essere ucciso.[1])

Citazioni tratte da canzoni[modifica]

  • Adesso voglio vivere insieme a mio figlio e mio fratello la primavera che tutti costruiamo giorno per giorno. Non mi spaventano le minacce, padroni della miseria: la stella della speranza continuerà ad esser nostra. (da Vientos del pueblo, 1973)
  • L'Indocina è quel luogo al di là del vasto mare dove fanno scoppiare i fiori col genocidio e il napalm. La luna è un'esplosione che fonde tutto il clamore, il diritto di vivere in pace. (da El derecho de vivir en paz, 1971)
  • Herminda de la Victoria morì senz'aver lottato e dritta andò alla gloria col petto trapassato. Gli spari dei mandanti uccisero quell'innocente piangevano fratelli e madri in mezzo a tutta la gente. (da V. Jara, A. Sieveking, Herminda de la Victoria, 1972)

Note[modifica]

  1. Citato in Estadio Chile - Víctor Jara, antiwarsongs.org, 17 maggio 2006.

Altri progetti[modifica]