Al 2023 le opere di un autore italiano morto prima del 1953 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Vittoria Aganoor

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Vittoria Aganoor

Vittoria Aganoor Pompilj (1855 – 1910), poetessa italiana.

Citazioni Di Vittoria Aganoor[modifica]

  • È mezzogiorno, | balena il mare; | sui colli e al piano | un uniforme | tedio. Alla vampa | canicolare | Napoli dorme || È mezzanotte, | sovra il sereno | golfo, alle rive | tra pianta e pianta | l'argento piove. | La luna è in pieno; | Napoli canta. (Napoli-Posillipo[1])

Incipit di Leggenda eterna; Intermezzo; Risveglio[modifica]

Sotto la luna i mille cavalieri,
come a squillo che chiami alla raccolta,
vanno, volano, ansanti, a briglia sciolta,
curvi sul crine dei cavalli neri.
Ciechi, folli, non vedono, sui vaghi
poggi, il grappolo offrirsi dalle viti,
né i casolari lampeggiar gl'inviti
di pace, in riva agli assopiti laghi.
No, no, no! Solo, luminoso, alato,
bello d'una terribile bellezza,
con voce di comando e di carezza
chiama il sogno da tanti anni sognato.

Citazioni su Vittoria Aganoor[modifica]

  • Con non minore effusione di sentimenti poetici [di Elizabeth Barrett] seppe esprimere l'intensità dell'amore coniugale una eccellente nostra poetessa: Vittoria Aganoor Pompilj, i cui versi intitolati: «Al marito» sono quanto di meglio abbia prodotto su tale argomento la dolce poesia, quella che proviene dal cuore. Si può anzi dire che i detti versi dell'Aganoor siano una mirabile sintesi della missione che viene adempiuta su questa terra dalle mogli ideali. (Carlo Mascaretti)

Note[modifica]

  1. Citato in Nuove liriche, Nuova Antologia, Roma, p. 139

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]