Vladimiro Giacché

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Vladimiro Giacché (1963 – vivente), saggista italiano.

Citazioni di Vladimiro Giacché[modifica]

  • [...] forse [bisogna] anche smetterla di considerare l'Unione Europea come un feticcio intangibile e un destino ineluttabile. Soprattutto quando chi la dirige, nella sua cecità ideologica, si pone in contrasto così stridente con gli interessi dei popoli europei.[1]
  • [L'equivalenza tra mercato e concorrenza] è oggi diventata addirittura un articolo di fede. Ma è falsa. In verità, il «mercato», cioè il modo di produzione capitalistico, ha in sé una dialettica immanente di concorrenza e monopolio. Infatti, quando i margini di profitto tendono a ridursi per effetto della concorrenza, le imprese ricorrono a due generi di rimedi, spesso combinati tra loro. Da un lato gli accordi (cosiddetti «di cartello») tra imprese al fine di concordare la politica dei prezzi. Dall'altro l'acquisizione di altre imprese, che consente tra l'altro di eliminare concorrenti e di aumentare il proprio potere di mercato. [...] In definitiva, non solo non esistono mercati perfettamente concorrenziali, ma tra concorrenza e monopolio non c'è contraddizione: è la concorrenza stessa che crea i monopoli.[2]
  • Il 9 novembre [1989] «crolla» il Muro di Berlino. In verità si tratta dell'apertura anticipata del confine (originariamente prevista per il 10 novembre), causata da una maldestra risposta data in conferenza stampa dal membro del Politburo della Sed, Günther Schabowsky. Il giornalista dell’Ansa Riccardo Ehrman aveva chiesto notizie sulle modalità e – soprattutto – sui tempi dell’apertura. La risposta di Schabowsky fu «subito», radio e televisioni la ritrasmisero e masse di cittadini tedesco-orientali si precipitarono al confine per verificare di persona la veridicità della dichiarazione. La pressione divenne insostenibile e alla fine le guardie di confine aprirono i varchi quella notte stessa. Cadde così, in maniera grottesca – e senza alcuno spargimento di sangue – uno dei simboli della guerra fredda in Europa.[3]

Note[modifica]

  1. Da Farla finita con questa Europa, ilfattoquotidiano.it, 5 ottobre 2010.
  2. Da La fabbrica del falso: strategie della menzogna nella politica contemporanea, DeriveApprodi, Roma, 20082, p. 99. ISBN 978-88-6548-015-1
  3. Da Anschluss. L'annessione: l'unificazione della Germania e il futuro dell'Europa, Imprimatur editore, Reggio Emilia, 2013, p. 7. ISBN 978-88-6830-080-7

Altri progetti[modifica]