Gianfranco Funari

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Gianfranco Funari (1932 – 2008), conduttore e personaggio televisivo.

Citazioni di Gianfranco Funari[modifica]

  • Fini? Tutta carta argentata, dentro nun c'è manc'a cioccolata. (da un'intervista del programma televisivo Le Iene, Italia 1,  Data? Data?)
  • Io non sono stato mai donnaiolo, le donne che ho incontrato erano omaiole. (dall'intervista di Gigi Marzullo, Sottovoce, Rai Uno, 1999)
  • L'amore vero è dei principi, non mi riferisco ai nobili, ma ai principi dei sentimenti, delle sensibilità, della fantasia, della creatività, dell'espressione, del calore... si nun sei principe di queste cose te poi accoppià, nun te poi innamorà. (dall'intervista di Gigi Marzullo, Sottovoce, Rai Uno, 1999)
  • Se uno è stronzo, non je posso dì stupidino – si crea delle illusioni – je devi dì stronzo! (da  Trasmissione? Trasmissione?, Rai Tre,  Data? Data?)
  • Stronzo! A chi 'o dici 'o dici, cogli sempre nel segno. (da Matrix, Canale 5,  Data? Data?)
Secolo XIX, 4 aprile 1992
  • È finita la politica da salotto. Una volta la gente diceva: governo ladro. Adesso dice il nome del ladro, il nome del partito e che cosa ha rubato.
  • Il talento è amico della violenza e della crudeltà in trasmissione.
  • Voglio rimanere sempre libero. Voglio sempre stare dalla parte della gente.
12 round, programma Rai 2, 17 dicembre 2007
  • Noi italiani abbiamo nella coda il veleno dell'avverbio dubitativo.
  • Non sono un giornalista, sono un giornalaio io.
  • Nel mio cammino ho calpestato parecchie merdacce e non mi son mai pulito le scarpe.

Altri progetti[modifica]