Tony Blair

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Tony Blair

Anthony Charles Lynton Blair (1953 – vivente), politico britannico.

Citazioni di Tony Blair[modifica]

  • [Su Giulio Tremonti] È il ministro europeo più colto che abbiamo.[1]
  • È vero che talvolta la mia testa pensa in modo conservatore, specialmente riguardo l'economia e la sicurezza, ma il cuore batte sempre per il progressismo, e l'anima è e sarà sempre quella del ribelle. (dall'introduzione a Un viaggio)
  • [Dopo la morte del calciatore] Tutti noi sappiamo che George Best è stato probabilmente il più dotato dei calciatori della sua generazione, uno dei più grandi calciatori che il Regno Unito abbia mai prodotto.[2]
Intervista di Lorenzo Fazzini, Il progresso ha bisogno di fede, in Avvenire, 10 marzo 2011
  • La storia della Chiesa mostra che essa crea una cornice in cui è possibile amare in maniera "esagerata" ed essere esempi eccezionali di misericordia, sacrificando se stessi.
  • I santi, infatti, hanno mostrato che la religione rende possibile il rischio di vivere ai margini e fare in modo che la speranza sia la sola sicurezza.
  • Credere, soprattutto, permette di perdonare.
  • In quest'epoca la conoscenza religiosa sia vitale per l'armonia internazionale.
  • Ho avuto la possibilità di coltivare una passione più grande della politica: la religione.
  • La divisione tra ragionamenti laici e religiosi è molto meno ampia di quanto presumiamo.
  • Un disabile, quando contrasta l'eutanasia, adotta un argomento laico o religioso riferendosi al valore di ogni vita umana?
  • Quando qualcuno si proclama ateo, il Dio in cui dice di non credere forse non ha niente a che fare con quello in cui crede una matura fede cattolica.
  • Dialogare dimostrerebbe pure che, come Benedetto XVI ha fatto forse meglio di chiunque altro, ragione e fede sono profondamente a fianco l'una dell'altra.
I "laicisti"? Sono "orologiai" ciechi di un "relativismo" disumano, in Avvenire, 4 aprile 2008
  • La fede "corregge", in modo necessario e vitale, la tendenza dell'umanità al "relativismo".
  • La fede è un credere "vivo", non fermo in un'epoca nella storia, ma che si muove col tempo, con la ragione, migliorata dalle scoperte scientifiche e tecnologiche, non in "antitesi" ad esse, e dirige tali scoperte verso fini umani.
  • La fede risponde al desiderio umano più fondamentale, irresistibile, "irreprimibile" di fare del bene, di migliorarsi, di pensare e agire oltre i limiti degli egoismi umani.
  • Sono d'accordo che non devi essere religioso per essere buono – è vero –, ma non si può separare la religione dall'idea di fare del bene, una verità del tutto diversa dalla prima.

Note[modifica]

  1. Citato in Tony Blair: «Giulio? È il più colto», Corriere della sera, 9 gennaio 2009.
  2. Citato in È morto il calciatore George Best, Corriere.it, 11 novembre 2005.

Bibliografia[modifica]

  • Tony Blair, Un viaggio, traduzione di Ilaria Katerinov, Rizzoli, Milano, 2010. ISBN 8817043141

Altri progetti[modifica]