Śiva Saṃhitā

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Śivasaṃhitā)
Jump to navigation Jump to search

Śiva Saṃhitā, testo dell'induismo (XVI-XVIII sec.).

  • All'interno del corpo esiste il Monte Meru e i sette continenti, i laghi e gli oceani, le montagne, le pianure e i protettori di queste pianure. (II.1)
Within this body exist Mount Meru, the seven continents, lakes, oceans, mountains, plains, and the protectors of these plains.[1]
  • Solo la conoscenza impartita dal guru porta alla liberazione; diversamente essa è debole e non dà frutti, ed è causa di molte afflizioni. (III.11-14)
[Only] knowledge imparted from the guru's mouth is productive [of liberation]; otherwise it is fruitless, weak, and the cause of much affliction.[2]
  • Quando la Dea dormiente è risvegliata per la grazia del guru, tutti i cakra vengono attraversati rapidamente. (IV.12-14)[3]
  • È necessario, secondo la Tradizione, | contraendo il condotto spermatico | aspirare fortemente l'umore rosso | affinché esso risalga nel corpo dell'adepto. (IV.81)[4]
  • Poiché lo sperma è la Luna | e l'umore rosso il Sole; | è l'unione di entrambi | che aspira all'interno di sé | il vero yogin! (IV.84)[4]
  • Poiché Io, Shiva, sono lo sperma | e l'umore rosso è la mia Shakti: | quando i due si fondono, Io mi unisco a Lei! | Chi sa ciò si realizza; | il suo corpo diviene quello di un dio! (IV.87)[4]
  • Tra l'ano e l'organo virile si trova il centro di base, il Mūlādhāra, che è come una matrice, uno yoni (organo femminile). Là è la 'radice' a forma di bulbo ed è là che si trova l'energia fondamentale Kuṇḍalinī avvolta tre volte e mezza su se stessa. Come un serpente, essa circonda il punto di partenza delle tre arterie principali tenendosi in bocca la coda proprio davanti all'apertura dell'arteria centrale (suṣumnā). (V.75-76)[5]

Note[modifica]

  1. Citato in Georg Feuerstein, Tantra, the path of ecstasy, Shambala publications, 1998, p. 61.
  2. Citato in Georg Feuerstein, Tantra, the path of ecstasy, Shambala publications, 1998, p. 88.
  3. Citato in Mircea Eliade, Lo Yoga. Immortalità e libertà, a cura di Furio Jesi, traduzione di Giorgio Pagliaro, BUR, 2010, p. 232.
  4. a b c Citato in Jean Varenne, Il tantrismo, traduzione di Milvia Faccia, Edizioni mediterranee, 2008.
  5. Citato in Alain Daniélou, Śiva e Dioniso, traduzione di Augusto Menzio, Ubaldini Editore, 1980, p. 131.

Altri progetti[modifica]

Voci correlate[modifica]