A che punto è la notte (miniserie televisiva)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

A che punto è la notte

Miniserie TV

Immagine Einzelne Kerze.JPG.
Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno

1994

Genere giallo, poliziesco
Episodi 2
Regia Nanni Loy
Soggetto dall'omonimo romanzo di Fruttero & Lucentini
Sceneggiatura Laura Toscano, Franco Marotta, Nanni Loy
Rete televisiva Rai 2
Interpreti e personaggi

A che punto è la notte, miniserie televisiva del 1994 con Marcello Mastroianni, Max von Sydow e Angela Finocchiaro, regia di Nanni Loy.

Episodio 1[modifica]

  • Dovrete venerare gli Arconti della luce, non quelli delle tenebre. Dovrete fare i conti con l'Apocalisse! Quid noctis? A che punto è la notte? Il guardiano della notte, fedeli, è anche il custode dei suoi misteri e delle sue… [una bomba esplode] (Don Pezza)
  • Un attentato al plastico a Santa Liberata, dottore, tra via Santi Apostoli e Silvio Pellico, angolo Martiri Cristiani. Ha presente dov'è il parrucchiere Gino? Quello che costa un sacco per mesciarli? (Pietrobono)
  • Santamaria: Ma lei è nuovo? Come si chiama?
    Orrù: Orrù.
    Santamaria: Orrù?
    Orrù: Orrù Bonari. Agente Scelto.
    Santamaria: E scelto da chi?
  • [Al telefono] Topolino, topoletto, | zum pa pa | si nasconde sotto al letto | zum pa pa | e la madre poveretta | zum pa pa. Eh, signora, se non gli canta questo è naturale che non s'addormenta. E vabbe', mica è La traviata. Grazie, eh. Appena posso, vengo. (Sostituto Procuratore De Palma)
  • Il punto di partenza che non ci fa partire è che non si sa come sia stato ucciso. Come sia saltato in aria. (Santamaria)
  • Santamaria: Eeeh il cerchio si stringe! Basta trovare il movente e ce ne andiamo a casa.
    Pietrobono: Si con la neuro.
  • Poliziotto: Nome, Cognome, generalità e motivo della visita.
    Testimone: Motivo della visita? Ma se c'avete trascinato voi qui!
  • Thea: Lei è mai stato innamorato?
    Santamaria: Quasi sempre.
    Thea: Corrisposto?
    Santamaria: Quasi mai.
  • Pietrobono: Io posso dire quello che penso se lei però non mi fa del male?
    Santamaria: Dipende.
  • Pietrobono: Io adesso lo confesso, un po' m'è passata. Però io ho avuto per lei un'attrazione. Ma c'ho pensato tanto. Ma questa attrazione esercitata da un capo, sull'umile sottoscritta Pietrobono, ma è dovuta al grado o alle qualità morali e fisiche? Eh? Per le qualità fisiche, insomma. Lei sembra mio padre. Tutto sciupacchiato.
    Santamaria: Sciupacchiato un par di palle.

Episodio 2[modifica]

  • Arcivescovo di Torino: Topos viene da greco e significa: un posto. Anche se, secondo l'eresia agnostica, non è un semplice luogo ma "Il luogo per eccellenza". Il pleroma. La sfera suprema in cui tutte le potenze, gli Arconti, gli Eoni si riuniscono.
    Santamaria: Insomma, una specie di vertice.
    Arcivescovo di Torino: Si, esatto. Invece secondo il Leisegang, topos potrebbe diventare un numero.
    Santamaria: Io non capisco.
    Arcivescovo di Torino: Vede nel sistema greco, le lettere dell'alfabeto corrispondevano a dei numeri. Ogni parola poteva essere tradotta in una cifra di cui la gematria, cioè la scienza mistica dei numeri e delle lettere scopriva gli arcani significati.
  • Arcivescovo di Torino: Lei Dottore ha il sentimento del misteri.
    Santamaria: Io ci campo con i misteri, ma anche lei mi sembra.
    Arcivescovo di Torino: Ogni Eresia è basata sull'idea di un mistero. Di un segreto. Nell'eresia agnostica sarebbe dovere degli affiliati peccare, commettere i più atroci delitti o praticare la magia nera.
  • Pietrobono: Secondo te l'amore esiste? Eh?
    Thea: Esiste.
    Pietrobono: Com'è? Cioè dico per esempio adesso in questo momento, tu cosa provi?
    Thea: Quello che senti dentro è una cosa così enorme e non importa che ci vai a letto o non ci vai. E poi succede tutto in un momento.
    Pietrobono: Come... un interruttore. C'è un click?
    Thea: Sì, una specie, sì.
    Pietrobono: Ah, scusa e perché certi trovano subito questo interruttore e tutti gli altri stanno tutto il tempo a tastare il muro?
    Thea: Mah non lo so, è il caso.
  • Io faccio questo mestiere da trent'anni. E se uno gironzola annusando i cattivi odori di tutti i cantoni, alla fine un po' di merda gli resta appiccicato addosso. (Santamaria)

Explicit[modifica]

Ma possibile che l'interruttore lo trovano tutti. S'innamorano tutti. Tranne la sottoscritta. (Pietrobono)

Altri progetti[modifica]