A mente fredda

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

A mente fredda

Immagine A_Kultúra_és_Tudomány_Palotája._Fortepan_75020.jpg.
Titolo originale

The Coldest Game

Lingua originale inglese
Paese Polonia
Anno 2019
Genere spionaggio, thriller, drammatico
Regia Łukasz Kośmicki
Sceneggiatura Łukasz Kośmicki
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

A mente fredda film del 2019, con Bill Pullman, regia di Łukasz Kośmicki.

Incipit[modifica]

Nei primi anni '60, i rapporti Usa - Unione Sovietica erano i peggiori del periodo della guerra fredda. Dopo la Rivoluzione Cubana, le truppe Sovietiche erano a soli 160 km dalla Florida. Nell'ottobre del 1962, il Presidente Kennedy venne informato dei silos costruiti a Cuba e dell'aumento dell'attività militare sovietica. Sembrava si stessero preparando per una guerra. Una guerra globale nucleare. (Testo in sovrimpressione)

Frasi[modifica]

  • Il nostro palazzo svetta su tutta Varsavia, ha 46 piani, 3288 stanze, teatri, piscine e un museo della tecnologia. In quanto direttore del Palazzo della Cultura e della Scienza, vorrei accogliere i nostri ospiti con dei prodotti della tradizione locale. Benvenuti e buona serata. Secondo la tradizione si incomincia con il pane e con il sale. (Direttore)
  • Lottiamo per la libertà del genere umano. La verità può appartenere solo a noi. (Generale Krutov)
  • Dio protegge i bambini, gli ubriachi e gli Stati Uniti, come si suol dire. (Agente Stone)
  • La storia della Polonia è molto complicata perché stiamo tra i tedeschi e i russi e lottiamo per la libertà. Ero un comunista prima della guerra, e ne vado fiero. Ma non ho mai creduto in Stalin. Mai. E ora, questi servi sovietici, hanno dato a me nella mia nazione, l'incarico di Direttore del loro Palazzo della Cultura. A me. Un Colonnello dell'esercito clandestino. (Direttore)
  • Benvenuto a Varsavia o come la chiamiamo la "Parigi del Nord". (Direttore)
  • Noi crediamo nel valore dell'uomo. Mentre a loro interessa solo il suo prezzo. Non andremo mai d'accordo. (Generale Krutov)
  • C'è un indovinello su due fratelli. Uno mente sempre l'altro dice sempre la verità. Li incontri a un bivio stradale e ti serve sapere come si arriva in città. La soluzione è: chiedere a uno di loro quale strada suggerirebbe di prendere l'altro fratello e poi tu prendi la strada opposta. (Joshua)
  • La sconfitta non è sconfitta se la condividiamo con il nemico. (Generale Krutov)

Dialoghi[modifica]

  • Joshua: Secondo te cosa è nato per prima, l'uovo o la gallina? Consideriamo per quello che sono. Da una parte abbiamo uno strano animale piumato e dall'altra la forma più perfetta e aerodinamica mai creata in natura. La risposta è... Semplicemente ovvia, no?
    Tassista: Aah, fa sembrare tutto semplice, Professore. Forse con lei capirei anche mia moglie. Quindi era l'uovo e non la gallina?
    Joshua: Dipende.
    Tassista: Da cosa?
    Joshua: Dipende se si parla di colazione o di cena.
  • Dottore: Stavo per somministrargli una flebo, quando il professor Mansky ha preso l'alcol disinfettante e se l'è bevuto. La sua reazione è stata a dir poco fuori dal comune, lui si è calmato e si è concentrato. Ipotizzo che gli servono degli agenti psico attivi per bloccare la comunicazione fra i dentriti neuronali del suo cervello. L'alcol l'ha rimesso in sesto. Ha portato la sua attività cerebrale a quella di una persona normale.
    Donald: E quindi di solito non è normale?
    Dottore: Allo stesso modo in cui Einstein non era normale.
  • Joshua: Non so proprio cosa è successo oggi. Lui ha fatto la sua mossa, e io ho pensato a 8.900 risposte. Ultimamente non gioco molto a scacchi.
    Agente Stone: È stato bravo Professore, ora cerchi di riposare.
    Joshua: Poteva diventare un Rousseau [Gambetto Rousseau] o la Difesa dei 2 cavalli. Sa qual è la differenza? Non c'è differenza, e questo che mi preoccupa.
  • Generale Krutov: Probabilmente sapete chi sono.
    Direttore: Sì, compagno.
    Generale Krutov: Bene. Ciò che dicono è vero. Il nome di un uomo lo precede. E quello che avete sentito si di me è vero. Beh, forse sono anche peggio.
  • Generale Krutov: Lei sarà il migliore padrone di casa per i nostri ospiti?
    Direttore: Questa è la Polonia. L'ospitalità scorre nelle nostre vene.
  • Joshua: Solo le undici di sera, non di giorno. Cosa è successo?
    Agente Stone: In che senso cosa è successo?
    Joshua: Il direttore mi ha portato la colazione.
    Direttore: Buongiorno! Una bella colazione. Voilà!
    Joshua: E abbiamo fatto uno scambio culturale.
    Direttore: Il succo migliore per la colazione non viene dalle arance, ma dalle… patate. [Mostra una bottiglia di Vodka]
    Joshua: Che ne è stato della partita?
    Agente Stone: Ha vinto lei professore.
    Joshua: Ho vinto io?
    Agente Stone: È stato fantastico. Lo chiamano KO classico. Gavrylov si è arreso dopo 32 mosse. All'inizio, ha sacrificato un cavallo per l'alfiere di Gavrylov.
    Joshua: E poi ho sacrificato il mio alfiere per il suo cavallo.
    Agente Stone: Poi ha mangiato la regina e subito dopo lui ha mangiato la sua.
    Joshua: Io ho rinunciato al mio cavallo e Gavrylov ha sacrificato il suo alfiere e siamo rimasti entrambi con una torre.
    Agente Stone: Allora se lo ricorda.
    Joshua: No, per niente. Posso prendere una birra, per favore?
  • Agente Stone: Sa forse sto iniziando a capire.
    Joshua: Cosa?
    Agente Stone: Lei. Ha sacrificato la torre e l'altro alfiere. È rimasto impassibile alle sue contromosse. E non ha attaccato nessuno dei suoi pezzi. Tutti pensavano che fosse impazzito. Ma poi, ha fatto una mossa... e tutto ha avuto senso.
  • Direttore: I sovietici hanno aspettato dall'altra parte del fiume per mezzo anno. Mezzo anno... senza aiutarci mai. Guardavano i tedeschi e i tedeschi...Cristo, come si dice, "ci hanno prosciugato"? Cazzo. Joszek tu non puoi immaginare, c'erano cadaveri ovunque. Ho perso la fede.
    Joshua: Io non posso immaginare le cose che ai visto. Forse solo in parte, ma se pensi all'intera partita un sacrificio iniziale può darti grande forza per dopo.
    Direttore: Io ho perso la mia anima. È un mondo matto Joszek, bisogna sempre fare attenzione.

Altri progetti[modifica]