Agide IV

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Il re di Sparta Agide IV in un'incisione di Walter Crane.

Agide IV (265 a.C. circa – 241 a.C.), re di Sparta.

Attribuite[modifica]

  • [Ultime parole mentre veniva condotto al patibolo, vedendo una delle guardie piangere di compassione] Buon uomo, cessa di piangermi; seppur perisco in questo modo infame e ingiusto, sono migliore di questi che mi uccidono. (citato in Plutarco, Vita di Agide, 20, 1; traduzione di Carlo Carena, Mondadori, 1981)
  • [Altra versione delle ultime parole] Non piangere per me, amico: proprio una morte così ingiusta e illegale mi rende superiore ai miei carnefici. (citato in Plutarco, Apophthegmata Laconica, 216 D; traduzione di Giuseppe Zanetto, Adelphi, 1996, ISBN 978-88-459-1208-5)

Altri progetti[modifica]