Anton Giulio Bragaglia

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Anton Giulio Bragaglia (1890 – 1960), regista, critico cinematografico e saggista italiano.

Fotodinamismo futurista[modifica]

  • Abbiamo liberato dunque la fotografia dei due suol più colossali difetti: perché essi toglievano ai risultati fotografici ogni valore scientifico – almeno per l'errore bestialissimo dell'istantanea – e ogni valore d'arte per la brutalità della copia del reale. (p. 18)
  • L'istantanea fotografica o pittorica ridicolmente uccide i gesti vivi contraendoli e immobilizzando uno dei cento mila loro fuggevoli stati. (p. 23)
  • Noi ricerchiamo la essenza interiore delle cose: il puro movimento, e preferiamo tutto in moto, perché, nel moto, le cose dematerializzandosi, si idealizzano, pur possedendo ancora, profondamente un forte scheletro di verità. È in questo che consiste il nostro fine, è in questo che noi vogliamo elevare la fotografia sino a quelle altezze, dove oggi essa tende impotentemente, perché è priva degli dementi necessari alla elevazione – dati i criteri ordinativi che la conformano precisa riproduttrice della realtà – e perché, per un'altra parte, giace dominata da quel ridicolo e bestiale elemento negativo che è l'istantanea, apparsa sino ad ora come una grande potenza scientifica, mentre è assurdità ridicolissima. (p. 35)

Bibliografia[modifica]

  • Anton Giulio Bragaglia, Fotodinamismo futurista, Einaudi, Torino, 1970

Altri progetti[modifica]