Antonella Appiano

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Antonella Appiano (1955 – vivente), giornalista e conduttrice televisiva italiana.

Incipit di Clandestina a Damasco[modifica]

Damasco, giovedì 21 luglio 2011

Seguo Hisham che cammina veloce nei vicoli stretti e pieni di gente del suq Hamiddye. Procede senza esitazioni, evitando ragazzini che trascinano carretti zeppi di merci, venditori ambulanti, donne formose che ondeggiano lente nelle abayye nere – i loro lunghi vestiti tipici – e si fermano in gruppo a chiedere il prezzo di un velo, l'hijab, o un sandalo dorato. Imbocchiamo una via fiancheggiata da botteghe di stoffe. Sovrastando suoni e rumori, da qualche parte, arriva la voce inconfondibile di Feiruz che canta «Eh, fi amal», 'sì, c'è speranza'. È sera, l'aria si è rinfrescata. Coppiette e famiglie passeggiano senza meta mangiucchiando pistacchi e datteri ripieni. Passiamo davanti a un hammam, e riesco a vedere di sfuggita il barrani, il cortiletto interno con belle lampade colorate, panchine e una grande fontana.

Bibliografia[modifica]

  • Antonella Appiano, Clandestina a Damasco. Cronache da un Paese sull'orlo della guerra civile, Castelvecchi, 2011. ISBN 9788876156380

Altri progetti[modifica]