Benedetta Tobagi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Benedetta Tobagi

Benedetta Tobagi (1977 — vivente), giornalista e scrittrice italiana.

Citazioni di Benedetta Tobagi[modifica]

  • A parte un ristretto manipolo di collaboratori di giustizia, da decenni i neofascisti vecchi e nuovi negano strenuamente - a dispetto delle evidenze giudiziarie e storiche - ogni coinvolgimento nello stragismo e i legami con i servizi segreti. Si atteggiano a giustizieri, soldati in guerra, una minoranza vessata, coraggiosa, romanticamente solidale.[1]
  • In Italia esiste una vivacissima subcultura di destra che, oltre a idealizzare il fascismo, nega il coinvolgimento – largamente provato – dell’estrema destra nelle stragi. E addirittura sin dagli anni Settanta si nasconde dietro lo slogan della “strage di Stato”, quindi i neri non c’entrano.[2]

Incipit di Come mi batte forte il tuo cuore[modifica]

— Mi perdoni la domanda, ma lei...
— Forse non lo sa, ma ha un cognome illustre...
— Tobagi? Come il giornalista?
— Lei è per caso parente?
— Quel Tobagi?
Sì.
Sì, era mio padre.

Note[modifica]

  1. Da Una luce sulla strage di Bologna, Rep.repubblica.it, 1 agosto 2018.
  2. Da intervista di Simonetta Fiori, Piazza Fontana storia infinita di un processo, la Repubblica, 7 giugno 2019, pp. 36-37

Bibliografia[modifica]

  • Benedetta Tobagi. Come mi batte forte il tuo cuore. Storia di mio padre, Einaudi, 2009. ISBN 9788806198886.

Altri progetti[modifica]