Bernardo Clesio

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Bernardo Clesio (1485 – 1539), cardinale italiano.

Ritratto di Bernardo Clesio.
Bartholomäus Bruyn, olio su legno di quercia, Kunsthistorisches Museum di Vienna.

Citazioni su Bernardo Clesio[modifica]

  • De i miracoli, signore, che fa la bontà d'Iddio, sono testimoni i voti che gli si porgono; di quegli che escono del valor de gli uomini fanno fede le statue che si gli consacrano; e de l'amore che la cortesia de i principi porta a i buoni ingegni, siamo certi per l'opre che si gli intitolano, come ora io intitolo a voi la Cortigiana. (Pietro Aretino)
  • Io so che la bontà vostra, signore, non fa punto di torto a la benignità di le stelle che vi infusero nel reale de l'animo il cortese di quelle grazie con le quali tuttodì vi insegnorite de gli altrui cori e de l'altrui menti. Ma se inverso di me che sono di sì poco merito usate ogni termine di liberalità e di mansuetudine, di che sorte devono essere gli ufici che la nobiltà de la vostra natura fa in pro di quegli che per cagione de le loro virtù sono degni d'ogni onore? [...] È vero che mi son dato a scrivere le cose di Cristo, ma la grazia in far ciò è tutta sua; ch'io per me ho talmente inebriato lo spirito nel liquore che distilla il sugo di sì dolce lezione, che più tosto ne vorrei essere lo inventore che risplendere ne gli ori. (Pietro Aretino)
  • Questa città di Trento è soggetta nel temporale e nello spirituale al suo Vescovo. Il Re dei Romani, Conte del Tirolo, tiene permanentemente nella città un Capitano suo rappresentante. La rendita annua del vescovado ascende a dodici mila Scudi d'oro. La città è posta in una pianura nella valle fra scoscesi monti, in riva allo Adige, sopra il quale sta un ponte in legno a sette archi abbastanza bello. Ha circa mille case, alcuni bellissimi edifizi e molte vie regolari, con ampie piazze, ha molti palazzi, fra i quali primeggia per bellezza e grandiosità il vescovile. Fu questo palazzo fatto costruire da Bernardo Clesio, antecessore al presente Vescovo. È diviso in due parti, la nuova e la vecchia. Così è pieno di svariati adornamenti, che chi lo visita, è duopo confessi, non aver veduto in altro luogo palazzo più bello ed ornato, come io devo spontaneamente dirlo. (Angelo Massarelli)

Altri progetti[modifica]