Brad Gilbert

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Brad Gilbert

Brad Gilbert (1961 – vivente), allenatore di tennis ed ex-tennista statunitense.

Citazioni di Brad Gilbert[modifica]

  • Agassi si muove più veloce fra un punto e l'altro di quanto alcuni giocatori facciano durante i punti. Sarebbe il testimonial perfetto per l'industria del caffè.[1]
  • Andy ha grandi abilità e la sua mobilità è fantastica, ancora meglio sull'erba. Resta un ottimo ribattitore. Il suo più grande problema è vincere sei set contro due dei top-3.[2]
  • [Su Roger Federer] È il più giovane trentunenne che io abbia mai visto, ed in generale sta giocando meglio rispetto ad un anno fa. I suoi movimenti ed il suo equilibrio sono maestosi sull'erba, e sa variare lo spin sui suoi colpi come nessun altro. Ha il miglior colpo d'approccio della storia e la sua specialità che preferisco è la demi-voleé da fondo.[2]
  • [Su Novak Đoković] Ha la capacità di "restringere" il campo con il suo equilibrio e la sua flessibilità, ma è molto di più di un giocatore capace solo di difendersi benissimo. La sua risposta è migliorata a tal punto che riesce sempre a piazzare la racchetta sul più letale dei servizi. Probabilmente la parte del suo gioco più sottostimata è la sua nuova seconda di servizio. Non ha paura nei punti importanti e sembra sempre migliorare.[2]
  • [Su Janko Tipsarević] Il barbuto serbo è un altro che è esploso tardi dopo aver preso parte alla vittoria in Davis nel 2010. Ha un buon servizio considerato la non incredibile altezza ed è molto veloce, capace di colpire la palla in corsa in modo esplosivo da entrambi i lati. Un ragazzo brillante ed interessante che ha passato gran parte della carriera attorno alla 50esima posizione del ranking, quindi dovrebbe essere d'ispirazione per gli altri.[2]
  • Il servizio di RF è straordinario, è in grado di trovare tutti gli angoli possibili. È incredibile vedere quante prime palle riesce a mettere in campo. Riesce a farti male al servizio più di qualsiasi altro giocatore della storia di questo sport. Pete Sampras, ad esempio, aveva un servizio eccezionale, e batteva più forte di RF, ma quest’ultimo riesce a trovare i vari angoli del rettangolo di battuta come il lanciatore Greg Maddux [ex giocatore americano di baseball], e attua lo schema servizio-dritto meglio di chiunque altro.[3]
  • Il tennis ti fa crescere in fretta. Puoi avere diciotto, diciannove anni o persino più giovane e competere in un torneo Challenger, in Turchia o in Asia e non hai nessun amico con te. Se passi al professionismo e non fai dei buoni risultati, non è un sport in cui qualcuno ti dice "Sono dispiaciuto per te". Non c'è nessun salario garantito come nel baseball o nel football.[4]
  • [Su Serena Williams] La miglior prima nella storia del tennis femminile, grande mobilità ed enorme potenza da ogni dove. Come Venus anche lei ha molto fiducia sull'erba e piazza un vincente ad ogni colpo un po' più corto.[2]
  • La persona che preferisco veder giocare è Caroline Wozniacki perché molta gente dice che non ha armi e che non è una dominatrice. Invece è una grande incassatrice, lavora duro in ogni match e dà il 100%.[5]
  • Tomic riesce a vedere cose che altri non vedono.[6]
  • Una delle più grandi qualità di Rafa è la capacità di adattarsi. Arriva dalla stagione sulla terra – nuovamente dominata – ed è subito capace di cambiare il suo gioco per l'erba, il che include giocare più vicino alla linea di fondo ed appiattire i suoi colpi. Sembra usare la prima settimana per arrivare dove vuole con la seconda. Nonostante la potenza da fondo, è uno dei migliori giocatori di voleé, dotato di un tocco delicato.[2]
  • Uno dei motivi per cui Jo è così piacevole da guardare sta nel fatto che non si è mai sicuri su cosa possa succedere. Tra tutti i top ten è quello più propenso ad alternare momenti di gran tennis con altri da dimenticare. Punti di forza sono la prima di servizio ed il diritto, la risposta al servizio una debolezza.[2]
Brad Gilbert: "Negli USA servono più campi in terra rossa", Ubitennis.com, 25 ottobre 2012
  • Più dell'80% dei top 10, dal '68 ad oggi ha speso almeno metà della preparazione allenandosi sulla terra: questo è un dato che darei ai tanti allenatori, e che forse dimenticano.
  • La terra ti da la disciplina giusta, ti insegna come costruire il colpo. La velocità sulla terra non ti viene regalata, e impari a scambiare, cosa che i campi veloci oppure indoor non ti insegneranno mai.
  • Gli scambi più lunghi migliorano la tua capacità nel prendere decisioni, ti da pazienza e forza mentale. Sulla terra poi ci possono essere rimbalzi anomali, palle particolari, e questo fa adattare i colpi a più situazioni. Infine capisci davvero cosa siano i tagli e gli effetti, e sai che per chiudere il punto c'è una sola cosa da fare: variare.

Citazioni su Brad Gilbert[modifica]

  • [Sul perché della scelta di Brad come allenatore] Brad ha costruito una carriera sulla vittoria di match che avrebbe dovuto perdere. Io ho fatto l'esatto contrario. (Andre Agassi)
  • Brad mi ha insegnato come si gioca una partita a tennis. È il miglior allenatore della storia. (Andre Agassi)
  • Ha scritto un libro intitolato Winning Ugly, che più o meno vuol dire Come vincere da carogne. Credo che possa bastare. Ha fatto della scorrettezza un'arte. Era un McEnroe col talento di Bottazzi. Ha mantenuto l'atteggiamento borioso-dittatoriale anche da allenatore. (Andrea Scanzi)
  • Non ti meriti di giocare sul mio stesso campo! [...] Sei il peggiore. Il peggiore! (John McEnroe)

Note[modifica]

  1. Citato in Piero Pardini, Citazioni a bordo campo, Ubitennis.com, settembre 2008.
  2. a b c d e f g Dall'intervista I campioni secondo Gilbert, traduzione di Bianca Mundo, Ubitennis.com, 26 giugno 2012.
  3. Citato in Michele Gasperini, Brad Gilbert: "Federer ha il miglior servizio della storia", Ubitennis.com, 27 agosto 2015.
  4. Citato in Piero Pardini, Citazioni a bordo campo, Ubitennis.com, agosto 2008.
  5. Citato in Daniele Vallotto, È Wozniacki la preferita di Brad Gilbert, Ubitennis.com, 23 aprile 2011.
  6. Citato in Teo Gallo, La bomba Tomic, Ubitennis.com, 29 giugno 2011.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]