Detenuto in attesa di giudizio

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Detenuto in attesa di giudizio

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Detenuto in attesa di giudizio

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1971
Genere drammatico
Regia Nanni Loy
Sceneggiatura Sergio Amidei, Emilio Sanna
Produttore Gianni Hecht Lucari
Interpreti e personaggi

Detenuto in attesa di giudizio, film italiano del 1971 con Alberto Sordi, regia di Nanni Loy.

Frasi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • [Lasciando il cantiere in Svezia] Vado in Italia! Vado in Italia! (Giuseppe Di Noi)
  • Signor Di Noi vuole accomodarsi un momento in ufficio? È una semplice formalità... (Doganiere)
  • Ma come è possibile che potete fare quello che fate?! (Giuseppe Di Noi) [In carcere mentre viene chiuso in cella]
  • Ma chi è sto Franz Kaltenbrunner? Io non ho mai avuto a che fare con i tedeschi... aaaah sì, forse durante la guerra nel '43. Una volta ai castelli romani c'hanno fermato a un posto di blocco... E c'era quel tedesco che m'ha perquisito e m'ha sbattutto dentro a una stalla, e m'ha dato un sacco di botte. Vuoi vedere che è lui Franz Kaltenbrunner? Fosse morto per le botte che m'ha dato! (Giuseppe Di Noi) [Pensieri dopo aver scoperto di essere accusato della morte di un certo Franz Kaltenbrunner]
  • Diciamo la verità, è buono! Anche mamma lo faceva così, quand'ero bimbo... (Giuseppe Di Noi) [In carcere mentre mangia un'orrenda minestra con baccalà]
  • [Lungo il percorso verso l'ufficio del giudice all'interno del carcere] Di Noi dal giudice! ...Di Noi dal giudice! ...Di Noi dal giudice! (Guarda carceraria)
  • Tutto a posto! Ha fatto una buona vacanza? (Doganiere) [Rivolto a Giuseppe Di Noi all'uscita dall'Italia]

Dialoghi[modifica]

  • Giuseppe Di Noi: Scusi secondino...
    Guardia carceraria: Secondino una cippa di cazzo: superiore!
    Giuseppe Di Noi: Superiore? E a chi? A me?
  • Funzionario carcerario: Signora Di Noi, suo marito non è più nel carcere di San Vittore ma è stato trasferito in quello di Regina Coeli.
    Ingrid Di Noi: Ma non c'è più neppure a Regina Coeli, è stato trasferito!
    Funzionario carcerario: E dove?
  • Guardia carceraria: Se non la pianti ti sbatto in cella di punizione!
    Giuseppe Di Noi: Perché, questa cosa è? [riferendosi alla sua cella]

Altri progetti[modifica]