Dirk Bogarde

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Dirk Bogarde

Dirk Bogarde, pseudonimo di Derek Jules Gaspard Ulric Niven van den Bogaerde (1921 – 1999), attore, cantante e scrittore britannico.

Citazioni di Dirk Bogarde[modifica]

  • Con Visconti sapevo di essere nelle mani di un maestro. Do ai registi quello che ho. Sono una palla di argilla nelle loro mani, ma mi piace provare le cose a modo mio oltre che al loro. Con Visconti facevi quello che diceva, e basta. Era un gigante in tutto.
“With Visconti, I knew I was in the hands of a master. I give directors what I have. I'm a ball of clay in their hands – but I like to try things my way as well as theirs. With Visconti you did what he said, and that was it. He was a giant in everything.[1]
  • Judy Garland e Roddy McDowall erano i miei amici, ma ho visto Hollywood quando stava raschiando il fondo. Era un periodo infelice per persone infelici in un luogo infelice. Non ho mai avuto molto tempo per la mentalità del produttore di Hollywood. A conti fatti, i buoni film vengono realizzati da un gruppo di amici a dispetto dei cosiddetti registi. Questo mestiere è stato violentato e saccheggiato da produttori immorali, registi senza talento e dai grandi nomi delle star.
Judy Garland and Roddy McDowall were my chums there, but I saw Hollywood when it was scraping bottom. It was an unhappy time for unhappy people in an unhappy place. I've never had a great deal of time for the Hollywood-producer mentality. When you boil it down, the good films get made by a bunch of chums in spite of the so-called film makers. This business has been raped and pillaged – by unethical producers, talentless directors and the big star names.[2]
  • Non vedo il senso nell'entrare in una stanza da solo per sei ore e uscire pensando di essere una lattina di latte condensato. Questo mi sembra l'approccio sbagliato alla recitazione. E ho scoperto che ogni attore di Metodo chiede sempre "perché" ma non chiede mai "come". Dicono sempre: "Qual è la mia motivazione?" Dico che la tua motivazione è la tua busta paga, tutto qui. Ma recita, cazzo. Leggono come pappagalli o borbottano; non proiettano. Quando dico che la telecamera fotografa il pensiero, lo fa, ma è una concentrazione totale sull'immedesimarsi con il tuo personaggio. Se non lo fai, se il pensiero non c'è, la telecamera riprenderà solo un cranio vuoto.
I do not see the point in going into a room on your own for six hours and coming out thinking you're a tin of condensed milk. That seems to me the wrong way around to go about acting. And I’ve found that every Method actor always asks why but they never ask how. They always say, “What's my motivation?” I say your motivation Is your pay check, that’s it. But act, for fuck’s sake. They read like parrots, or mumble; they don’t project. When I say the camera photographs thought, it does, but it's a total concentration on identifying with your character. If you don't do that, if the thought is not there, the camera will just photograph an empty cranium.[3]

Note[modifica]

  1. (EN) Dall'intervista di William Green sul Telegraph Sunday Magazine, Writer waiting in the wings, dirkbogarde.co.uk, 23 marzo 1980.
  2. (EN) Citato in David Castel su Films and Filming, Dirk Bogarde's cup is full – and his septic tank is overflowing…, dirkbogarde.co.uk, ottobre 1975.
  3. (EN) Dall'intervista di Interview, Dirk Bogarde, dirkbogarde.co.uk, gennaio 1991.

Filmografia[modifica]

Altri progetti[modifica]