Edin Džeko

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Edin Džeko (2018)

Edin Džeko (1986 – vivente), calciatore bosniaco.

Citazioni di Edin Džeko[modifica]

  • [Raccontando la sua infanzia durante la Guerra in Bosnia ed Erzegovina.] A me come a tanti bambini hanno rubato l'infanzia. È stato il periodo più brutto della mia vita. A Sarajevo vivevamo in 15 in 37 metri quadrati. Ci svegliavamo a volte senza avere quasi nulla per fare colazione. Mio padre era al fronte e tutti i giorni, quando suonavano le sirene, avevo paura di morire. Andavamo nei rifugi senza sapere mai quanto tempo dovevamo restarci. Certe esperienze rendono più forti e fanno apprezzare la vita nei momenti giusti. Quando hai avuto paura per la tua vita e quella dei tuoi familiari, i problemi del calcio sono niente al confronto. Non ho segnato? Fa niente, segnerò alla prossima partita. Le cose importanti sono altre.[1]
  • [Sul suo ruolo di capitano.] La prima volta che sono stato capitano è stato negli ultimi sei mesi a Wolfsburg, poi sono andato al Manchester City. Negli ultimi sei anni sono stato capitano della Bosnia e sono orgoglioso. Poi esserlo a Roma dopo Totti e De Rossi è un grande onore in questa società meravigliosa. Io già da prima mi sentivo uno dei capitani, perché penso che ogni squadra abbia più di un leader dentro e fuori dal campo al di là della fascia.[2]

Note[modifica]

  1. Dall'intervista di Massimo Cecchini , Roma, Dzeko: "Ho visto la guerra, non posso aver paura di niente", gazzetta.it, 30 ottobre 2015.
  2. Dall'intervista Roma, Dzeko: "Essere capitano dopo Totti e De Rossi è un grande onore", in "AS Roma Story - Dzeko", uno speciale interamente dedicato al capitano giallorosso, sport.sky.it, 9 aprile 2020.

Altri progetti[modifica]