Edoardo Vianello

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Edoardo Vianello

Edoardo Vianello (1938 – vivente), attore e cantante italiano.

Citazioni di Edoardo Vianello[modifica]

Da Guarda come dondolo

Intervista di Gianfranco Gramola, Intervisteromane.net, 1999.

  • Mi sarebbe piaciuto vivere 2750 anni fa, quando cioè stava per essere fondata Roma e sarei voluto essere Romolo, perché la mia grande gioia è sempre quella di essere il primo a fare qualcosa. E aver fondato Roma sarebbe potuta essere una grande soddisfazione!
  • [Sulla città di Roma] È senza dubbio ancora la città più bella del mondo, anche se ha perso l'occasione più volte di poterlo diventare ancora di più. Manca un gusto dell'arredo urbano, la volontà di far risplendere le bellissime ville di cui Roma è ricca, la capacità di esaltare la bellezza dei monumenti.
  • Ignoro le cattiverie che possano dire o scrivere su di me. Per me conta essere sempre corretto nei miei comportamenti. Non posso controllare i giudizi e i pregiudizi degli altri.

Citazioni tratte da canzoni[modifica]

Io sono Edoardo Vianello[modifica]

Etichetta: RCA Italiana, 1963.

  • A Abbronzatissima | sotto i raggi del sole, | come è bello sognare | abbracciato con te. (da Abbronzatissima[1], lato A, n. 1)
  • Sulle labbra tue dolcissime | un profumo di salsedine | sentirò per tutto il tempo | di questa estate d'amor. (da Abbronzatissima[1], lato A, n. 1)
  • Mentre tutta la gente è assopita | sulla sabbia bruciata dal sol, | ci scambiamo nell'acqua salata | un dolcissimo bacio d'amor! (da Pinne, fucile ed occhiali[1], lato A, n. 5)
  • Guarda come dondolo, | guarda come dondolo con il twist, | con le gambe ad angolo, | con le gambe ad angolo ballo il twist. | Sarà perché io dondolo, | saranno gli occhi tuoi che brillano, | ma vedo mille, mille, mille lucciole | venirmi incontro insieme, insieme a te! (da Guarda come dondolo[1], lato B, n. 1)

I Watussi/Prendiamo in affitto una barca[modifica]

Etichetta: RCA Italiana, 1963.

  • Nel continente nero, | alle falde del Kilimangiaro, | ci sta un popolo di negri | che ha inventato tanti balli, | il più famoso è l'Hully Gully. (da I Watussi[1])
  • Siamo i Watussi, | siamo i Watussi, | gli altissimi negri. | Ogni tre passi, | ogni tre passi | facciamo sei metri. | Noi siamo quelli che nell'equatore | vediamo per primi la luce del sole. | Noi siamo i Watussi. (da I Watussi[1])
  • Siamo i Watussi, | siamo i Watussi, | gli altissimi negri. | Quello più basso, | quello più basso | è alto due metri. (da I Watussi[1])
  • Alle giraffe | guardiamo negli occhi. | Agli elefanti | parliamo negli orecchi. (da I Watussi[1])
  • Ogni capanna del nostro villaggio | ha perlomeno tre metri di raggio. | Siamo i Watussi. (da I Watussi[1])

Note[modifica]

  1. a b c d e f g h i Testo di Carlo Rossi.

Filmografia[modifica]

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]