Ernesto Ferrero

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Ernesto Ferrero (1938 – vivente), scrittore e critico letterario italiano.

Incipit di alcune opere[modifica]

I migliori anni della nostra vita[modifica]

"È l'uomo più intelligente che abbia mai conosciuto. Un genio. Un capitalista di tipo speciale. Non accumula profìtti. Accumula qualcosa di più importante, di più duraturo. Accumula prestigio." Il treno correva nella notte verso Roma. Dopo Livorno, verso Castiglioncello, brandelli di mare nero e ciuffi di pini, corolle di luci tremule schizzavano all'improvviso fuori delle gallerie. Stavamo in piedi nel corridoio, a parlare. Ascoltavo con devozione la voce di Giulio Bollati che mi svelava i se-greti dell'Olimpo di via Biancamano, in cui ero stato appena ammesso. Era la primavera del 1963.

[Ernesto Ferrero – I migliori anni della nostra vita – Edizioni Feltrinelli]

L'anno dell'indiano[modifica]

Rideva. Rideva con tutto se stesso, il petto, i muscoli, le viscere, ogni intima fibra. Rideva della contentezza di esistere e di essere amato. Rideva per conto del mondo, anche di quelli che al riso non vogliono abbandonarsi. Era un riso d'artista e d'atleta, insieme convulsivo e armonico, animale e filosofico, spontaneo e riflessivo. Ogni volta sembrava che eseguisse la sua risata come il trapezista il salto mortale, o il discobolo il lancio dell'attrezzo. Dopo ogni risata si guardava in giro per controllare se il suo numero aveva avuto successo.
Adesso è facile capire che era teatro, lo spettacolo messo in scena per noi, gli italiani del 1924, il suo pubblico adorante. Che importa? Possiamo rinunciare a tutto, non alla nostra antica fame di favola, d'incantamento. Il burattinaio americano ci ha nutrito per un anno intero. Ci ha divertito, rallegrato, esaltato. Cos'altro dobbiamo chiedergli? Quanti altri sono stati altrettanto generosi con noi?

[Ernesto Ferrero – L'anno dell'indiano – Giulio Einaudi Editore]

Lezioni napoleoniche[modifica]

Il busto di marmo candidissimo di Napoleone troneggiava nel giardino della villa di mio nonno, a Diano Marina, sotto l'alto ombrello dei pini, tra le siepi di mortella e di pittosforo. Era il volto di un dio greco, composto e rilassato. Libero dalle servitù del tempo e dalle miserie degli uomini comuni, spirava bellezza, serenità, fermezza. L'anonimo scultore aveva fatto un buon lavoro. L'imperatore ne sarebbe rimasto contento, anche se diceva di non amare i ritratti troppo stilizzati o abbelliti. Gli occhi di marmo guardavano lontano, sollecitavano l'ammirazione e il rispetto. Anche un bambino poteva capire che a quell'uomo misterioso nulla riusciva impossibile, che il miracolo era il suo mestiere.

[Ernesto Ferrero – Lezioni napoleoniche – Arnoldo Mondadori Editore]

N.[modifica]

Stava seduto al tavolo dello studiolo, di traverso. Sprimacciava con irritazione le carte che il generale Drouot gli aveva passato, il budget del 1815, come se tra quelle si fosse nascosto uno scarabeo o un cerambice, entrato per caso dalla finestra in cerca di tepore. S'è lamentato tra i denti che il costo delle divise era eccessivo. Controllava che il totale delle singole voci fosse giusto, perché non si fidava di nessuno. «Portate le candele», ha detto seccamente. Fuori della Villa dei Mulini la tela del cielo, azzurro chiara, s'era mutata in grigio cenere nel giro di pochi minuti. Il signor Rathéry, il segretario particolare, era passato nella saletta degli ufficiali della guardia a cercare il generale Cambronne. Tra mezz'ora sarebbe venuto il mamelucco Alí ad annunciare la cena.

[Ernesto Ferrero, N., Einaudi, 2000]

Altri progetti[modifica]