Eugenio Bersellini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Eugenio Bersellini (1936 – 2017), allenatore di calcio italiano.

  • Palla a noi, giochiamo noi. Palla a loro, giocano loro. (citato in Flamigni 1995)

Citazioni su Eugenio Bersellini[modifica]

  • Aveva la faccia da duro Bersellini, naso piatto e fronte larga, le orecchie come i cavolfiori del rugbista da mischia e i modi spicci solo in apparenza. Bastava conoscerlo un po' meglio per capire che era un buono e preferiva far parlare il campo piuttosto che perdersi in frasi di circostanza e moine. I suoi giocatori lo chiamavano Il Tigre e i presidenti lo amavano perché sgobbava e aveva le palle, come si dice quando mancano metafore migliori e si perdono le parole. (Michele Dalai)
  • E del resto Mantovani era certo, anzi certissimo, che Bersellini fosse un grande allenatore. (Mario Contini, ne Il Lavoro, 13 marzo 1995)
  • In una saletta dell'aeroporto Eugenio Bersellini radunò la squadra ed alla presenza del presidente Mantovani fece una terribile e furibonda ramanzina concludendo così: "Presidente questi qui le rubano lo stipendio!". (Paolo Borea)
  • Presidente [rivolto a Paolo Mantovani], finché Bersellini siede in panchina, per me qui non c'è futuro. (Roberto Mancini)

Bibliografia[modifica]

  • Pino Flamigni, Il derby delle parole, Erga Edizioni, Genova 1995.

Altri progetti[modifica]