Roberto Mancini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Roberto Mancini

Roberto Mancini (1964 – vivente), ex calciatore e allenatore di calcio italiano.

Citazioni di Roberto Mancini[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Il presidente è Mantovani... Se i giocatori li comprassi io, lui cosa ci starebbe a fare?[1]
  • [Rivolgendosi a Paolo Mantovani] Presidente, finché Bersellini siede in panchina, per me qui non c'è futuro.[2]
  • Contro il Villarreal pensavo fosse necessario marcare stretto Riquelme, il miglior giocatore. Non l'ho fatto e mi sono pentito. Un giocatore importante va sempre limitato.[3]
  • L'abbraccio con Mourinho? Ci siamo salutati con una stretta di mano, come si fa con ogni collega. Non è avvenuto niente di particolare. José è un grande allenatore e un grande personaggio. La sua Inter? La squadra era già forte e si è ancora rinforzata, anche quest'anno sarà la compagine da battere.[4]
  • Molti la chiamano Inter, io preferisco chiamarla Internazionale: un nome, un obiettivo.[5]
  • Complimenti per lo stadio. La Juve, come sem­pre, arriva prima degli altri. È un grande van­taggio, era ora di vedere un impianto decente anche in Italia.[6]
  • [Rispondendo alla domanda: «Che cosa farebbe dello scudetto 2006?»] Non so, non sono parte in causa e mi tiro fuori. Ci sarà ben qualcuno che prima o poi deciderà. E comunque senti tuoi gli scudet­ti che vinci sul campo.[6]
  • [Riferito a Massimo Moratti] [...] per un campione non può esserci un presidente migliore, perché non solo tifa per te ma ti concede qualcosa più del normale (nel tempo c'è chi se ne è un po' approfittato).[7]
  • [Su Mario Balotelli nel 2013] È migliorato, ma non penso che possa cambiare del tutto. I suoi errori li farà sempre, anche quando avrà 30 anni, ma questo è normale, l'importante è che capisca che deve dare sempre il massimo in campo.[8]
  • [Sulla Juventus Football Club] L'avversaria più forte e, insieme, una patente di grandezza. Se la affronti con possibilità di vittoria concrete – e io sono stato fortunato, mi è successo di prevalere più di una volta – vuol dire che il tuo valore è elevato. È automatico.[9]
  • Giocare contro l'Italia è dura, perché c'è sempre ed è tosta da affrontare.[10]
  • [Su Mario Balotelli] Mario è un ragazzo a cui voglio bene. È un bravo ragazzo e anche un gran calciatore. Sono d'accordo con chi dice che deve fare la prima punta. Anche a me è capitato di farlo giocare esterno d'attacco. Ma è una punta che ha tiro, ha fisico, è forte di testa.[10]
  • [Su Francesco Totti] Si tratta di un giocatore tecnicamente straordinario e questo gli consente di fare quelle cose che sta facendo anche alla sua età. [...] Mi sono sempre rivisto in Totti, ci siamo assomigliati molto come calciatori.[11]
  • Penso che un giocatore italiano meriti di giocare in nazionale, mentre chi non è nato in Italia, anche se ha dei parenti, credo non lo meriti. È la mia opinione.[12]
  • Lo amo come giocatore per quello che mette sul campo. Se avessimo tutti Medel con quel cuore vinceremmo ogni partita. Tutti Medel? Facciamo 24 Medel e un Messi.[13]
  • [Famosa gaffe] Quando giocavo con la Roma e con la Lazio, conobbi Marco Mezzaroma.[14] [15]
  • [Maurizio Sarri] È un razzista, uomini come lui non devono stare nel calcio. Ha usato parole razziste, ha inveito contro di me poi mi ha urlato frocio e finocchio, sono orgoglioso di esserlo se lui è un uomo. Da uno come lui che ha 60 anni non lo accetto, si deve vergognare. Il quarto uomo ha sentito e non ha detto niente. Non voglio parlare della partita, non mi interessa niente. Uno di 60 anni che si comporta così è una vergogna, si può anche litigare, ma non così, sono andato a cercarlo e mi ha chiesto scusa negli spogliatoi, ma io gli ho detto di vergognarsi. In Inghilterra non metterebbe più piede in campo.[16]
  • Il calcio è fatto di cervello, non solo di tecnica o qualità.[17]
  • Io non guardo nulla, non leggo i giornali, non sento le radio e non guardo i canali privati, se non qualche porno…[18]

Citazioni su Roberto Mancini[modifica]

  • Ad ogni rinnovo di contratto, Mancini propone a Mantovani: "...Se mi fa capitano rinuncio a cinquanta milioni...". E Mantovani gode. (Renzo Parodi)
  • Ci sono tecnici, li conosco, che si presentano pensando alla campagna acquisti generosa, chiedendo sempre e comunque il meglio, convinti che qui all'Inter si possa ottenere tutto. Mancini, invece, è un allenatore preparato, ha un metodo di lavoro e le sue richieste sono sempre state proiettate su giocatori utili al suo modo di giocare. È un allenatore che privilegia il talento. E questo a me piace. (Massimo Moratti)
  • Da lui ho imparato il lavoro sul campo perché Mancio in questo è il migliore di tutti. All'Inter, da suo assistente, io curavo la fase difensiva, lui quella offensiva. Se sono diventato un allenatore, lo devo a Roberto e per questo lo ringrazio. Non dimentico mai ciò che ha fatto per me, anche quando giocavamo insieme. A volte abbiamo litigato perché se subivamo un gol, lui dava sempre la colpa a noi difensori e io mi arrabbiavo di brutto. Alla fine però eravamo e siamo come fratelli. (Siniša Mihajlović)
  • Il bel calcio ce l'ha nel dna, non a caso è partito subito con grandi squadre. Lui e Montella sono i due veri allenatori italiani che potrebbero arrivare al livello di Ancelotti. (Teo Teocoli)
  • La svolta all'Inter c'è stata con l'arrivo di Mancini. Prima c'erano grandissimi giocatori, ma non una leadership come in Juve o Milan: l'ha portata lui. Abbiamo avuto un rapporto ottimo. Abbiamo litigato, ma anche festeggiato e ci siamo emozionati. E ora mi sembra ancora più maturo, prima si sentiva ancora calciatore. (Nicolás Burdisso)
  • Lui è stato un gran giocatore, ha visto grandi campioni, lui per primo lo è stato e per questo gradisce giocatori tecnici. Quando ero infortunato e non in forma forse l'ho deluso, ma mi ha fatto piacere che la sua idea sia rimasta sempre quella di un calcio di qualità. L'essenza del suo calcio è la qualità della giocata. (Hernanes)
  • Mancini l'8 marzo cosa fai??[19] (striscione)
  • Mancini? Per non vederlo più alla Sampdoria deve succedere qualcosa: o muore; o smetto io; o smette lui. (Paolo Mantovani)
  • Mi manca Mancini? Un po' sì, perché Pellegrini è un brav'uomo, ha anche vinto un titolo, ma è un po' noioso. Anche Mancini è un brav'uomo, ha vinto il titolo, ma è decisamente uno con gli attributi: si agita, grida, combatte. Sì, un po' mi manca. Se potessimo unire Mancini e Pellegrini sarebbe fantastico. È più probabile che Mancini torni al City piuttosto che gli Oasis si riuniscano. (Noel Gallagher)
  • Se non gioca Mancini non vado allo stadio. Non mi diverto. (Paolo Mantovani)
  • Veramente Mikhailichenko lo conoscevo poco e non ho mai spinto col presidente. Roberto invece si era innamorato. Lui sì che spingeva... (Gianluca Vialli)
  • Vorrei avere l'inventiva di Baggio, i piedi di Mancini, la potenza di Vialli. (Attilio Lombardo)

Note[modifica]

  1. Dall'intervista a Il Lavoro del 2 luglio 1993.
  2. Citato in AA. VV., Quelli che il baciccia, Fratelli Frilli Editori, Genova 2002.
  3. Citato in Mancini parla del suo 2006, Ilgiornale.it, 27 dicembre 2006.
  4. Citato in Mourinho punge la Serie A "Un prodotto che non piace", Gazzetta.it, 17 novembre 2008.
  5. Citato in Inter allo scudetto n. 17 Ecco la storia di tutti gli altri, Gazzetta.it, 16 maggio 2009.
  6. a b Citato in Mancini: «Sento miei solo gli scudetti vinti sul campo», Tuttosport.com, 16 settembre 2011.
  7. Da Inter, Mancini: "Quando Moratti veniva a casa mia per vedere insieme le partite in tv", Gazzetta.it, 16 ottobre 2013.
  8. Citato in Mancini: "Balotelli è migliorato, ma non cambierà: farà i suoi errori anche a 30 anni", Gazzetta.it, 7 marzo 2013.
  9. Dall'intervista di Paolo Condò, Mancini rivela il suo top "Rigiocare Juve-Samp", Gazzetta.it, 18 gennaio 2014.
  10. a b Citato in Francesco Velluzzi, «Insigne, Immobile e l' Argentina di Messi. Io mi gioco questi...», La Gazzetta dello Sport, 9 giugno 2014, p. 13.
  11. Dal programma sportivo Tikitaka, 19 gennaio 2015; citato in Inter, Mancini: "Mi sono sempre rivisto in Totti, è fantastico. Destro? È cresciuto parecchio...", Laroma24.it, 20 gennaio 2015.
  12. Citato in Nazionale, Mancini: "In azzurro solo gli italiani: no agli oriundi", Repubblica.it, 23 marzo 2015.
  13. Citato in Inter, Mancini premia la grinta: "Con 24 Medel e un Messi le vinceremmo tutte", Goal.com, 31 agosto 2015.
  14. In carriera Mancini non ha mai giocato con la Roma.
  15. Citato in Crac Img, Mancini: "Mezzaroma? Lo conobbi quando giocavo nella Roma", Gazzetta.it, 23 settembre 2015.
  16. Dalle dichiarazioni rilasciate a Rai Sport dopo la partita di Coppa Italia, Napoli-Inter; citato in Coppa Italia, Mancini attacca Sarri: «È un razzista, mi ha dato del fino....», Tuttosport.com, 19 gennaio 2016.
  17. Dall'intervista rilasciata al termine della partita di Serie A Inter-Carpi, 24 gennaio 2016; citato in Mancini furioso dopo Inter-Carpi: urla negli spogliatoi, sotto accusa soprattutto Icardi, Goal.com, 25 gennaio 2016.
  18. In occasione della conferenza stampa durante il ritiro estivo dell'Inter a Riscone di Brunico, 13 luglio 2016; citato in Daniele Mari, Mancini dribbla le domande su Icardi con una battuta…a luci rosse, FcInter1908.it, 13 luglio 2016.
  19. Striscione esposto dalla tifoseria bianconera in occasione della sfida Juventus-Inter del 27 gennaio 2016, valevole per la semifinale di andata della Coppa Italia 2015-2016. Tale striscione fa riferimento all'episodio avvenuto il 19 gennaio precedente, in cui Roberto Mancini, tecnico dell'Inter, era stato oggetto di insulti omofobi da parte dell'allenatore del Napoli Maurizio Sarri, in occasione della sfida dei quarti di finale della stessa competizione tra partenopei e nerazzurri.

Altri progetti[modifica]