Eva Robin's

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Eva Robin's nel 2017

Eva Robin's o Eva RobinS, nota come cantante anche con il nome di Cassandra, pseudonimo di Roberto Maurizio Coatti (1958 – vivente), attrice, cantante e personaggio televisivo italiano.

Citazioni di Eva Robin's[modifica]

  • I personaggi dello spettacolo hanno sempre qualche cosa che deve far sognare. Se si entra nella normalità vera del discorso privato di un personaggio si infrange un sogno che la gente ha a proposito di queste star irraggiungibili.[1] 
  • Il nome me l’hanno dato gli altri. Quando ero piccolina ed ero molto più bionda di adesso, assomigliavo ad Eva Kant, la donna di Diabolik. Ero una donna da fumetto. I fumetti mi sono sempre piaciuti, mi aiutano a sognare. Ma poi a seconda del caso io mi chiamo Roberta, Roberto, se voglio scandalizzare, oppure Eva o qualsiasi altro nome. I nomi sono abbinabili uno con l’altro, uno vive della natura dell’altro e viceversa.[1]
  • Io uso l’immagine della seduttrice per difendere una parte di me che è molto indifesa e fragile. La seduzione è la mia corazza. La mia vera essenza è un omino piccolo piccolo. Una specie di lillipuziano, oppure un feto, qualcosa che non è mai diventato un uomo.[1]
  • Qualsiasi personaggio del mondo dello spettacolo è un mostro. Se mi desse fastidio non avrei tolto i veli, non mi sarei mostrata, non avrei fatto di me stessa un caso. Non mi dà fastidio essere un mostro. Mi piace, ci convivo tranquillamente. E’ una maniera per sopravvivere in questa società.[1]

Citazioni su Eva Robin's[modifica]

La chiamai per un programma che si chiamava Primadonna e che andava in onda alle sette di sera su Italia 1. Programma, ahimè, poco fortunato visto che chiuse due mesi dopo dalla messa in onda. Cercavamo una conduttrice e io pensai subito a lei. La vidi per la prima volta in Sardegna. Era di una bellezza mozzafiato. Con il suo sex appeal sedusse popolo e Paese. (Irene Ghergo)

Note[modifica]

  1. a b c d Dall'intervista di Claudio Sabelli Fioretti, Eva Robin's – Il Secolo XIX, 4 gennaio 1990, sabellifioretti.it.

Altri progetti[modifica]