Francesco Filippini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Filippini, autoritratto

Francesco Filippini (1853 – 1895), pittore italiano.

Citazioni di Francesco Filippini[modifica]

  • Che la vita del pittore (dell'artista) ne ho sempre dubitato, né occorre arrivare a questa tenera età [35 anni] per convincersene. Tolto qualche ingegno potentissimo e qualche dozzina di nullità fortunate, il resto cerca come può di mettere insieme il pranzo con la colazione de giorno seguente, e se ci arriva è già bravo. (Milano, a Luigi Lombardi, 1888)[1]
  • La barcaccia della vita non può tirare avanti senza soffi di musica.[1]
  • Ormai le mostre sono tanto frequenti da mettere nausea non solo per gli artisti ma più e meglio al prossimo. (Milano, a Luigi Lombardi, 1888)[1]
  • [Cerco] un luogo veramente alpestre piuttosto al di sopra dei 1000 metri, un sito dove si possa vivere discretamente senza pelature e non frequentato da villeggianti e forestieri… e anche la quasi sicurezza di poter avere delle modelle e possibilmente dei costumi.[1]

Citazioni su Francesco Filippini[modifica]

  • [Ritorno dal pascolo di Filippini] è un dipinto desolato in cui le pecore tosate sembrano assumere valore di simbolo, con quel tramonto sanguigno là in fondo. (Ugo Ojetti)
  • Francesco Filippini [...] diede le prime conclusioni paesistiche alla pittura lombarda derivata dall'impressionismo romantico di Tranquillo Cremona. I suoi dipinti, tutti scrupolosamente eseguiti sul vero, dalla precisa rappresentazione delle cose ottenute con un esattissimo senso delle tinte pacate, e come riassunte da una intonazione generale profonda, fanno tutti apparire una grandezza pànica e un sentimento raccolto di poesia, che dà la misura dell'originalità dell'artista. (Giorgio Nicodemi)

Note[modifica]

Altri progetti[modifica]