Fuga da Alcatraz

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Fuga da Alcatraz

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Escape from Alcatraz

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1979
Genere azione, drammatico
Regia Don Siegel
Soggetto J. Campbell Bruce
Sceneggiatura Richard Tuggle
Produttore Don Siegel
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Fuga da Alcatraz, film statunitense del 1979 con Clint Eastwood, regia di Don Siegel.

Frasi[modifica]

  • Benvenuto ad Alcatraz. (Guardia carceraria a Frank Morris)
  • Abbottonati il colletto... ragazzo! (English a Frank Morris)
  • Addio... ragazzo! (English a Frank Morris)
  • Dieci anni fa stavo in un bar in Alabama e due stronzi hanno cominciato a darmi addosso: è stato il loro primo sbaglio. Tirarono fuori i coltelli ed è stato il secondo sbaglio. Non sapevano neanche usarli e questo è stato l'ultimo sbaglio che hanno fatto... (English a Frank Morris)
  • Vale sempre la pena rischiare se vuoi qualcosa. (Frank Morris a Tornasole)
  • Ci siamo, servirebbero un trapano ed una torcia per finire il lavoro. Uhm... sai se c'è una ferramenta qua in giro? (John Anglin a Frank Morris)
  • Io forse ho trovato un modo per uscire. (Frank Morris)
  • Se disobbedisci alle regole della società ti mandano in prigione, se disobbedisci alle regole della prigione... ti mandano da noi! (Direttore Warden a Frank Morris)

Dialoghi[modifica]

  • Charley Puzo: Quando compi gli anni?
    Frank Morris: Non lo so.
    Charley Puzo: Cristo, che razza di infanzia hai avuto?
    Frank Morris: Breve...
  • Wolf Grace: Io sono Wolf, da dove sei stato trasferito?
    Frank Morris: Da Atlanta.
    Wolf Grace: Bella città Atlanta?
    Frank Morris: Non l'ho mai vista.
  • Direttore Warden: Nome?
    Frank Morris: Morris
    Direttore Warden: Ma che strano. La tua cartella dice... Frank Lee Morris. Se disobbedisci alle regole della società ti mandano in prigione, se disobbedisci alle regole della prigione... ti mandano da noi! Mmm, Alcatraz... è una prigione diversa dalle altre negli Stati Uniti. Qui, ogni detenuto deve restare in isolamento...in una cella individuale. A differenza dei miei predecessori, i direttori Johnson e Blackwell, io non dò nessun tipo di premio per buona condotta, e non riconosco comitati di detenuti. I detenuti qui non mettono il becco in quello che si fa,lo fanno e basta.Non avete il permesso di ricevere giornali o riviste...con notizie di cronaca. La conoscenza del mondo esterno si limita... a quello che vi dico io. Da oggi in poi...il tuo universo sarà costituito solo da quello che succede in questo edificio. Ti raderai una volta al giorno, due volte la settimana farai la doccia, e i capelli una volta al mese. E adesso... quello che ti è permesso: puoi parlare, puoi lavorare. Gli altri istituti fanno lavorare tutti, ma qui da noi è un privilegio che ti devi guadagnare, e ti garantisco che è un privilegio a cui terrai moltissimo! Le visite: ne hai diritto a due al mese. Non possono essere ex-detenuti di questa o di qualcun'altra prigione federale. Tutti i nomi che sottoporrai verranno controllati dall' FBI. A quali nomi stavi pensando?
    Frank Morris: Adesso non me ne viene nessuno.
    Direttore Warden: Non hai famiglia?
    Frank Morris: No, non ho famiglia.
    Direttore Warden: Alcatraz è....eh... una prigione che vanta la massima sicurezza e pochissimi privilegi. Noi non creiamo buoni cittadini! Però creiamo dei buoni detenuti! Borseggio,rapina a mano armata, furto...con scasso. Sei evaso da parecchie prigioni tu, vero? Per questo ti trovi qui. Alcatraz è stata fatta... per tenere tutte le uova marce in un paniere solo, e io sono stato scelto appositamente per garantire che non fuoriesca la puzza, da questo paniere! Da quando sono direttore, qualcuno ha cercato di scappare. Ma la maggioranza è stata ripresa, chi non è stato ripreso è stato ucciso... o è annegato nella baia. Nessuno è mai riuscito ad evadere da Alcatraz...e nessuno evaderà! (Morris lancia un'occhiata quasi indifferente di sfida al direttore e gli dà le spalle uscendo dalla stanza)
  • English: Che vuoi ragazzo?
    Frank Morris: Il mastino mi ha mandato a lavorare qui.
    English: Ma tu sai leggere, ragazzo?
    Frank Morris: Sì, se è roba scritta in inglese, ragazzo.
    English: Tu tratti tutti come Wolf?
    Frank Morris: Voleva entrare in intimità...io no!
    English: Porta quel carrello alle celle.
    Frank Morris: Non fanno venire qui a leggere?
    English: Tu vedi sedie in giro?
    Frank Morris: Come mai?
    English: Perchè questa è la Roccia, Amico! E qui per loro devi fare solo una cosa: scontare la pena! E il tempo...non passa mai. La Roccia fa un effetto diverso a seconda dei tipi: o gli tira fuori la forza o li spezza in due.
    Frank Morris: E a te che effetto ha fatto? Che succede quando si esce?
    English: Io non esco più. Dieci anni fa...stavo in un bar in Alabama, e due stronzi hanno cominciato a darmi addosso.È stato il loro primo sbaglio. Tirarono fuori i coltelli, ed è stato il secondo sbaglio.Non sapevano neanche usarlo, e questo è l'ultimo sbaglio che hanno fatto. Io ho avuto due condanne a 99 anni...ti pare che possa uscire?
    Frank Morris: Potevi avere le attenuanti della legittima difesa...
    English: Quegli stronzi erano bianchi, amico! Erano come te! Quando arrivai qui, mi misero in una di quelle celle buie, nel blocco D, dopo un pò cominciai ad uscire di cervello. Mi tagliai il tendine d'Achille per venirne fuori. Capirai quando vedrai il blocco D.
    Frank Morris: Dimmi una cosa, hai finito di ammazzare bianchi?
    English: Perchè?
    Frank Morris: Beh, è meglio saperlo, prima di voltarti un'altra volta le spalle!
  • Frank Morris: Perchè quel fiore?
    Chester ''Doc'' Dalton: È una cosa che sta dentro di me. Una cosa che non possono mettere dietro le sbarre. Io sono Doc. Tu dipingi?
    Frank Morris: No.
    Chester ''Doc'' Dalton: Perchè no? Hai paura di morire?
    Frank Morris: No, non credo.
    Chester ''Doc'' Dalton: Beh, meglio per te. Hai ferito Wolf, e Wolf si vendicherà!
  • (Morris vede English in cima alla scalinata del cortile, e cerca di raggiungerlo) Treat: Dove vai, bianco?
    English: Treat! (Morris ha il permesso da English di sedersi accanto a lui)
    Frank Morris: Che hanno di speciale questi gradini?
    English: Più in alto stai seduto, e più alto è il tuo rango. Sono come i gradini della scala sociale,e anche qui bisogna conquistarseli.
    Frank Morris: E tu stai in cima...
    English: Già! Ora secondo me ci sono due motivi...se non ti sei seduto al mio gradino: o hai troppa paura oppure odi i negri. Allora cos'è, ragazzo? Hai troppa paura?Eh?
    Frank Morris: No...è solo che odio i negri. (Dopo la risposta ironica, Morris si sedie accanto ad English)...E così, non è mai scappato nessuno.
    English: Nessuno ce l'ha mai fatta. Qui hanno cercato tutti un sistema, ma non esiste. Vedi quelle guardie? Nelle altre carceri ce ne è una per ogni sette detenuti. Qui invece... ce n'è una per ogni tre detenuti. Se caghi di notte invece che di mattina, vogliono sapere perchè! Eheh, ma ammettiamo che tu ci provi lo stesso: prima però devi uscire dalla cella. Ogni sbarra ha dentro sei sbarre più piccole inserite in un tubo d'acciaio, con dell'altro acciaio fuso dentro. E non c'è modo di scavare un tunnel, mmh...cazzo! Quest'isola è tutta una roccia! Vedi quell'acqua? C'è più di un miglio da fare a nuoto per arrivare a terra, e con le correnti che ci sono è come se fossero dieci. E l'acqua è così fredda che le braccia si intorpidirebbero nel giro di pochi minuti. E anche se sai nuotare benissimo, beh non avresti assolutamente il tempo di farcela. Qua ti contano dodici volte ogni giorno che ha fatto Iddio! Ad un certo punto ti convinci che è solo una conta questo letamaio! Una conta che dura una vita intera. Noi contiamo le ore, i mastini contano noi, e i re dei mastini contano quelli che contano!
  • Tornasole: Stanotte ho dormito di merda, però ho odorato la colla. Ti aiuta a passare la notte.
    Frank Morris: E se ti perquisiscono la cella?
    Tornasole: E allora mi sbattono nel pozzo. Ma vale la pena rischiare!
    Frank Morris: Vale sempre la pena rischiare se vuoi qualcosa.
    Tornasole: Anche un evasione? Forse c'è una strada per uscire. Ti passa sopra la testa. Sì, i condotti di ventilazione, sopra il nostro blocco!
    Frank Morris: E come ci arrivi sopra il blocco?
    Tornasole: Chiami il mastino e ti fai dare la chiave.
    Frank Morris: (con tono ironico) Grazie..
  • Tornasole: Chi è il pescefresco?
    Frank Morris: (intento a sollevare manubri) È qui di fronte a te.
    Tornasole: Come ti chiami, figliolo?
    Charley Puzo: Charley Puzo
    Tornasole: Charley PUZZO?! Eheheh!
    Charley Puzo: Puzo, Puzo! Charley Puzo!
    Tornasole: Ahah. sei proprio un nome buffo, figliolo! Ahahaha!
    Charley Puzo: Ah sì? E tu come ti chiami?
    Tornasole: Al Capone!
    Charley Puzo: Credevo che fossi morto!
    Tornasole: Io, morto?! Io ho un sacco di soldi, non morirò mai! Senti, sai giocare a poker?
    Charley Puzo: Non molto..
    Tornasole: Non importa, io ho appena imparato! Domani giochiamo a poker, a presto figliolo.
    Frank Morris: Ci vediamo, Al Capone!
    Charley Puzo: Non mi pare vero, ho conosciuto Al Capone!
    Frank Morris: Infatti non è vero.
  • Direttore Warden: Morris!
    Frank Morris: Signore..
    Direttore Warden: Mi dicono che c'è stato un incidente nel tuo laboratorio.
    Frank Morris: Un incidente? Ah, lei parla di Doc. Già, a qualcuno non piaceva quello che dipingeva e quel qualcuno non lo farà dipingere più.
    Direttore Warden: Bisognava avvertire Doc di stare attento a quel che dipingeva.
    Frank Morris: Ha perfettamente ragione, Signore...c'è sempre la possibilità che qualche stronzo si possa offendere! Non è così?
    Direttore Warden: Bisogna stare più attenti. Torna in fila!
  • Guardia del blocco: Leggi sempre la Bibbia?
    Frank Morris: Eh già...ti si aprono un sacco di porte!(nasconde il tagliaunghie dentro il libro)
  • Charley Puzo: Ho fatto 35 anni oggi. Un bel compleanno...quando compi gli anni?
    Frank Morris: Non lo so.
    Charley Puzo: Cristo, che razza di infanzia hai avuto?
    Frank Morris: Breve!
    Charley Puzo: Io ho sempre desiderato di vedere San Francisco, ma certo che vederla così...
    Frank Morris: Perchè ti hanno mandato alla Roccia?
    Charley Puzo: Un paio di anni fa cominciai a rubare auto, per sfizio più che altro. Di solito le smantellavo e vendevo i pezzi. Mi mandarono al penitenziario.
    Frank Morris: E sei finito ad Alcatraz per questo?
    Charley Puzo: Mmm, non proprio. C'era un mastino che ci godeva a stuzzicarmi. E così quando sono uscito, sono tornato e gli ho fregato la macchina. Purtroppo l'ho portata oltre il confine dello Stato, è diventato un crimine federale e quel gran figlio di puttana mi ha fatto spedire alla Roccia!
  • John Anglin: Dev'essere Mercoledì.
    Clarence Anglin: Perchè?
    John Anglin: Sformato di merda! Danno sempre sformato di merda il mercoledì.
    Charley Puzo: Io il sapore non lo sento, mangio solo per abitudine.
    John Anglin: Che film c'è Venerdì?
    John Anglin: Ah, qualche stronzata di Western. Ehi, ci potrebbero far vedere qualche bel film di Gangster, oh-oh-o! Ahahah
    Frank Morris: Io forse ho trovato un modo per uscire!(John,Clarence e Charley lo ascoltano con molta attenzione. Frank nota però un altro carcerato ''intruso'' che sta ascoltando) Che hai da guardare?!(assicurandosi che non ascolta più, espone il piano) Secondo me...questo blocco è diventato molto vecchio, e l'aria umida sta corrodendo il cemento, e il sale ha arrugginito il metallo. Io ho un tagliaunghie, ho scavato intorno alla griglia della cella. Se ci lavoro sodo, riesco a levare quella griglia, a allargare il buco e ad arrivare al passaggio che porta sopra il nostro blocco, e magari anche al tetto.
    Clarence Anglin: E come lo nascondiamo il buco?
    Frank Morris: Beh, possiamo strappare le reclame delle riviste, non se ne accorgeranno, e farci cartone pressato. Ci dipingiamo la griglia e ce la mettiamo sopra, magari... nascondendolo con un'asciugamano o una vestaglia, o qualcosa del genere.Io ho chiesto una fisarmonica e la metterò davanti alla mia grata.
    Clarence Anglin: Supponiamo di farcela a uscire. Alla prima conta se ne accorgeranno.
    Frank Morris: Ce ne andremo di notte, se ne accorgeranno la mattina. Dobbiamo fare delle teste finte, le faremo di cartapesta e con un pò di calce. Le mettiamo sulle brande e non si insospettiranno. (si rivolge a Clarence) Tu fai il barbiere, fregherai i capelli.
    Clarence Anglin: Già. Certo.
    John Anglin: E come la attraversiamo la baia?
    Frank Morris: È qui che entri tu, John, che lavori in magazzino. Ruberai degli impermeabili... e anche un pò di mastice. Ci faremo una zattera e qualche salvagente, ho letto come si fa su una rivista specializzata. Penseranno che andiamo a San Francisco, invece andremo dritti a Angel Island.
    Charley Puzo: E io che faccio?
    Frank Morris: Tu farai la guardia mentre io scavo, e io la farò mentre scavi tu. E voi due farete lo stesso.
    Charley Puzo: Quante... probabilità abbiamo?
    Frank Morris: Scarse...
    John Anglin: Io ci sto!
    Clarence Anglin: Anch'io!
    Charley Puzo: Voglio andarmene!
  • Frank Morris: Adesso capisco perchè si chiama ''la Roccia''. Lavorando col tagliaunghie si riesce a far poco...(Frank decide di sporcare il cucchiaio mettendoselo sotto la scarpa, per poter poi fingere di prendere uno di ricambio e conservarlo per scavare) Ehy, Guardia!...Potrei andare a cambiare questo cucchiaio?Sembra che qualcuno se lo sia ficcato nel culo!
    John Anglin: E io vorrei chiedere di andare a lavorare in cucina.
    Guardia:...Andate!
  • Frank Morris: (mentre suona la fisarmonica in cella, nota English che passa col carrello delle riviste) Hai avuto una visita!
    English: Mia figlia sta per sposarsi, con un bianco. Proprio come te!
    Frank Morris: Congratulazioni!
    English: Aha, vuoi una rivista?
    Frank Morris: Sì, che cosa mi consigli?
    English: Mmm...Ebano. (Morris, contrariato, suona una nota stonata con la fisarmonica)
    Frank Morris:
    Ehy, English. È possibile saldare due pezzi di metallo...qui in cella?
    English: Ti serve per scavare... o pugnalare?!
    Frank Morris: Scavare.
    English: Non è facile...però ti posso insegnare.Stai pensando d'andartene?...Non c'è stato un giorno da quando sto qui alla Roccia che non abbia pensato di squagliarmela. Quella volta invece di tagliarmi il tendine...avrei dovuto tagliarmi la gola!
  • (Puzo riceve una tela e un'astuccio di colori a tempera per dipingere in cella) Guardia: Perchè hai ordinato questa roba? Non mi sembri il tipo dell'artista!
    Charlie Puzo: Tu non riconosceresti neanche la faccia di Raffaello.
    Guardia: Io non vedo nessun Raffaello, vedo solo una faccia di merda!
  • (A mensa Morris poggia sul tavolo un crisantemo, il direttore in lontananza se ne accorge, e si avvicina) Tornasole: E quello perchè?
    Frank Morris: Oh niente...è un ricordo di Doc.
    Tornasole: Già, quei crisantemi li abbiamo piantati quindici anni fa, ed erano molto importanti per Doc, e anche per me. Charley Puzo: Una volta avevo un giardino.
    Clarence Englin: Che ci coltivavi, la gramigna? ahahah
    Direttore Warden: Questo è contro i regolamenti, Morris. E tu lo sai. (Il direttore prende il crisantemo, lo appallottola fino a distruggerlo, Tornasole istintivamente reagisce e cerca di afferrare il fiore, ma viene colto da infarto fulminante) Barella!
    Frank Morris: Chiamo gli infermieri.
    Guardia: Non ce n'è bisogno...
    Direttore Warden: Ci sono uomini destinati a non lasciare mai Alcatraz! ( i detenuti , Morris in particolare, guardano preoccupati il direttore, convinti che abbia scoperto il loro piano d'evasione) ...Vivi! (il direttore se ne va e getta a terra il crisantemo accartocciato)
  • Wolf: Mi sei mancato, Morris! E ho un regalino per te. Te lo darò...più tardi!
    Guardia: Andiamo, vieni via!
    John Englin: O tu ammazzi lui, o lui ammazzerà te.
    Frank Morris: Cercherò di stargli alla larga.Puoi tenere pronte zattere e salvagente per stasera? D'accordo.Ci vediamo tutti sopra appena spengono le luci.
  • (Wolf si avvicina con un vetro tagliente, passato da un altro detenuto, a Morris per cercare di ucciderlo in cortile, ma nel mentre viene bloccato da English) English: Dove te ne vai, Wolf?
    Wolf: Vado a fare una passeggiata!
    English: Facciamola insieme! Dopo sei mesi di isolamento...ti fa bene un pò di moto, no eh?
  • Direttore Warden: Buongiorno, sergente! Che ha trovato?
    Sergente: Delle foto e un taccuino di Clarence Englin, in uno strano sacchetto. Deve averlo fatto con un impermeabile.
    Direttore Warden: Quindi sono certamente affogati!
    Sergente: Perchè?
    Direttore Warden: Se era così importante da portarselo dietro, non lo avrebbero perso...
    Sergente: Forse l'hanno perso per far credere che sono affogati.
  • (il direttore nota in acqua un crisantemo e lo raccoglie) Vicedirettore: Direttore, è arrivato un messaggio dal sovraintendente. Vuole che lei prenda il primo aereo per Washington.
    Direttore Warden: Su quest'isola ci crescono i crisantemi?
    Vicedirettore: Non mi pare di averne visti. Perchè?
    Direttore Warden: una mia curiosità.
    Vicedirettore: Le correnti erano deboli... e la nebbia era leggera stanotte. Se sono scappati ieri sera, hanno un vantaggio di nove ore e mezza.Chissà se ce l'hanno fatta.
    Direttore Warden: Sono affogati!
    Vicedirettore: Sì certo. (il direttore, furioso per l'evasione dei carcerati, stringe forte il crisantemo e lo scaglia in mare)

Altri progetti[modifica]