Raffaello Sanzio

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Autoritratto di Raffaello

Raffaello Sanzio (1483 – 1520), pittore e architetto italiano.

Citazioni su Raffaello Sanzio[modifica]

  • Anche Raffello, dunque, che può considerarsi, tra i grandi, l'artista più scrupolosamente aderente al soggetto – tanto da potersi perfino considerare il padre incolpevole di tutte le posteriori accademie, le quali non videro in lui, altro che un perfetto illustratore –; anche Raffaello, dicevo, è prima di tutto un pittore e come tale non può contentarsi di sole intenzioni narrative e sentimentali, ma là dove arriva all'arte vi giunge sempre e soltanto attraverso puri valori figurativi. (Matteo Marangoni)
  • Come Michelangelo aveva raggiunto la padronanza perfetta del corpo umano così Raffaello era riuscito a toccare la meta verso la quale aveva teso invano la generazione precedente: la composizione perfetta e armoniosa di figure in libero movimento. (Ernst Gombrich)
  • Dalle sue mani sono uscite cose divine. (Fëdor Michajlovič Dostoevskij)
  • L'affresco di San Pietro incarcerato e liberato è stato una rivelazione per me. Nessun pittore, che abbia fatto studio esclusivo degli effetti di luce, è mai giunto ad un tanto effetto, ad una tanta potenza d'illusione. Altro che Gherado delle notti! Eppure, si badi, qui si tratta d'un affresco enorme, non d'una pittura ad olio, nella quale le bravure sono assai più facili ed i colori più vividi. Dunque il Sanzio sapeva e poteva gareggiare con chicchessia nelle cose difficili, negli sforzi, negli scherzi; ma non volle: preferì quel modo suo sereno ed agevole. Non volle, perché? Debbe aver giudicato l'arte esser tutt'altro. (Vittorio Imbriani)
  • L'ideale di Raffello consiste in un equilibrio morale calmo e sereno, che ignora completamente la passione. (Matteo Marangoni)
  • La vita di Raffaello Santi (o Sanzio) forma un completo contrasto con quella di Leonardo. Se questi, che visse a lungo, produsse poco, Raffello, morto a 37 anni, ha lasciato, invece, un'opera immensa, che è pervenuta, quasi intera, sino a noi. (Salomon Reinach)
  • Le Logge di Raffaello e i grandi dipinti della Scuola d'Atene, ecc., li ho visti oggi per la prima volta, ed è come se uno volesse studiare Omero su di un manoscritto parzialmente deteriorato e cancellato.[1] Il piacere che viene dalla prima impressione è incompleto; solo quando si è veduto e studiato tutto, a poco a poco e parte per parte, il godimento è totale. Ben conservati sono soprattutto i soffitti delle Logge, raffiguranti storie bibliche; la pittura è così fresca come fosse di ieri, ma solo per la minor parte è di mano di Raffaello; comunque tutta splendidamente eseguita in base ai suoi disegni e sotto la sua direzione. (Johann Wolfgang von Goethe, Viaggio in Italia)
  • Molti scrittori d'arte hanno detto, e si ripete dall'universale, che Raffaello ebbe tre distinte maniere: l'una che chiamasi umbra o peruginesca[2], l'altra fiorentina, e romana la terza. Anzi v'ha chi nella maniera romana discerne due periodi che si potrebbero contrassegnare, ponendo ad esempio dell'uno la Madonna di Foligno, e dell'altro la Trasfigurazione. Il quale giudizio se contiene a mio avviso qualche parte di vero, ha però molto di artificioso e d'inesatto. (Marco Minghetti)

Epitaffio[modifica]

  • Ille hic est Raphael, timuit quo sospite vinci rerum magna parens et moriente mori.
Qui giace Raffaello: da lui, quando visse, la natura temette d'essere vinta, ora che egli è morto, teme di morire.
[scritto da Pietro Bembo per la tomba di Raffaello nel Pantheon a Roma]

Note[modifica]

  1. A quell'epoca i dipinti erano deteriorati anche a causa di cattivi restauri.
  2. Per l'influenza che esercitò su di lui il suo maestro Pietro Perugino.

Altri progetti[modifica]