Al 2022 le opere di un autore italiano morto prima del 1952 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Graziadio Isaia Ascoli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Graziadio Isaia Ascoli

Graziadio Isaia Ascoli (1829 – 1907), linguista, glottologo e glottoteta italiano.

Citazioni di Graziadio Isaia Ascoli[modifica]

  • Ho già toccato della grave esagerazione in cui si cade immaginando che il cinese abbisogni d'un nuovo carattere o, peggio ancora d'una voce affatto nuova, per ogni singola modificazione di ciascuna idea. Ed è ripetere un'antica esagerazione il parlarci ancora delle vita intera spesa indarno da' cinesi stessi per bene apprendere la loro lingua; com'è finalmente oltremodo arrisicato l'attribuire a quest'idioma un'immobilità assoluta.[1]
  • Linguista più operoso del Biondelli non saprei citare in Italia. [...] A' giorni nostri, in cui, per l'amplissimo sviluppamento delle indagini sugli idiomi e sulle letterature delle differenti nazioni, l'abbondanza[2] de' materiali impone a chi aspira ad esauriente erudizione di restringersi entro a confini sempre in più modesti: potria sembrare strano l'ardimento che portava il Biondelli ad estendere cotanto il campo della sua operosità.[3]

Incipit di Proemio all'«Archivio Glottologico italiano»[modifica]

Un vocabolario che si viene stampando in Firenze sotto auspicj gloriosissimi, rappresenta un principio, o un'innovazione, di cui gli riesce far mostra nella prima parola del suo frontispizio, poiché egli si annunzia per nòvo anziché nuovo, così riproducendo la odierna pronuncia fiorentina, ch'egli trova urgente di rendere comune a tutta l'Italia, siccome parte integrale dell'odierno linguaggio di Firenze, il qual dev'essere, in tutto e per tutto, quello dell'Italia intiera. La medesima pronuncia fiorentina gli suggerirà, ed egli dovrà accettare, sotto pena di non lieve incoerenza: mòre per muore; sòla per suola; fòri per fuori; io nòto per nuoto; io sòno per suono; còco per cuoco; òmini per uomini, e via discorrendo.

Note[modifica]

  1. Da Studj critici, Estratto dagli Studj orientali e linguistici, fasc. III, Editori del Politecnico, Milano, 1861, p. 289.
  2. Nel testo "abbondaza".
  3. Da Studj critici, Estratto dagli Studj orientali e linguistici, fasc. III, Editori del Politecnico, Milano, 1861, pp. 281-282.

Bibliografia[modifica]

  • Graziadio Isaia Ascoli, Proemio all'«Archivio Glottologico italiano», in Scritti sulla questione della lingua, a cura di Corrado Grassi, G. Einaudi, Torino, 1975.

Altri progetti[modifica]