Grey's Anatomy (quattordicesima stagione)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Grey's Anatomy.

Grey's Anatomy, quattordicesima stagione.

Episodio 1, Abbatti la casa[modifica]

  • Una dolorosa ironia per i medici è che spesso dobbiamo farti stare peggio per poterti curare. Se un osso non guarisce bene lo dobbiamo rompere di nuovo, se una cicatrice è troppo spessa la dobbiamo rimuovere e creare una nuova ferita. Dobbiamo abbattere per poter ricostruire. (Meredith)
  • April: Sì, siamo qui per le matricole Dr. Webber...quei totali incapaci...
    Alex: I peggiori studenti di medicina che tu continui a trascinare per tutto l'ospedale.
    Webber: Oh, quindi voi pensate di essere stati migliori di loro. Karev, tu ce l'hai fatta per il rotto della cuffia grazie a un saggio che hai scritto sul cancro ai testicoli che poi avevo scoperto essere una menzogna già allora. Kepner, tu sei stata bocciata e licenziata due volte! Sono stato io a crescervi, a farvi diventare i chirurghi che siete oggi, quindi non venite a dirmi a chi devo o non devo insegnare o come devo o non devo farlo!
  • Studiamo medicina perché vogliamo imparare a riparare un osso rotto. Ma impariamo in fretta che spesso dobbiamo rendere le cose peggiori prima di poterle migliorare. È rischioso e spaventoso per i chirurghi e per i pazienti ma di solito ne vale la pena. Tu hai una seconda chance di vita e noi dobbiamo essere gli architetti di quella chance. È una vittoria...quando funziona. (Meredith)

Episodio 2, Distratti dal dolore[modifica]

  • C'è un modo di dire che si sente spesso negli ospedali, ed è così: il dolore è inevitabile, la sofferenza è facoltativa. Ma dubito che la persona che l'ha coniato abbia subito un grande intervento chirurgico...o forse non parlava del dolore fisico ma dell'altro tipo di dolore, quello peggiore. Forse parlava del dolore cocente, lancinante, furente che ti dice che sei un fallito e un truffatore. La sofferenza è facoltativa. Quella persona non sapeva di cosa parlava. (Meredith)
  • Megan: Aspetta, è arrivata tardi al matrimonio?
    Owen: Era nel panico.
    Megan: E tu l'hai sposata lo stesso?
    Owen: Teddy, puoi spiegare che il matrimonio non è così semplice come mia sorella vorrebbe?
    Teddy: Io sono d'accordo con lei.
    Owen: Tu hai sposato un paziente perché gli serviva la tua assicurazione sanitaria!
    Teddy: Perché sarebbe morto senza!
    Megan: Mi sembra una cosa nobile!
    Teddy: Infatti.
    Owen: Sì e ti sei innamorata di lui!
    Megan: Davvero?
    Teddy: Lui era pazzesco!
  • Quando non riusciamo ad evitare il dolore, cerchiamo di capirlo...con piccole citazioni concise che ci schiariscano le idee. Tipo, soffrire è facoltativo, oppure, il tempo guarisce ogni ferita...e quella che preferisco, ogni sofferenza ha uno scopo. Dio,spero che questa sia vera. (Meredith)

Episodio 3, Vai alla grande o vai a casa[modifica]

  • Vi svelo un segreto...i medici non sono déi. Ci piace farvi pensare che abbiamo una risposta a tutto. Dovete fidarvi di noi tanto da lasciarvi tagliare le carni e frugare all'interno. Perciò è meglio se pensate che sappiamo il fatto nostro. È meglio se non sapete che proprio come voi, noi siamo ansiosi, insicuri, arrabbiati. Dovete lasciarci intervenire su di voi con un bisturi. Quindi è meglio se non sapete che come voi, noi siamo distrutti. (Meredith)
  • Carina: No, no, no, non ossitocina sintetica, parlo di ossitocina naturale, nessuno è allergica a quella.
    Ben: Bene, come faccio?
    Arizona: Presumo si riferisca alla stimolazione dei capezzoli...può aumentare il livello naturale di ossitocina del corpo.
    Ben: No, quello non lo faccio!
    Arizona: Non saresti tu a doverlo fare!
    De Luca: Potremmo andare a pranzo?
    Carina: Non parlo di stimolazione al piano di sopra, parlo di stimolazione al piano di sotto, con orgasmo, certo.
    Arizona: Certo.
    Ben: Certo.
    Webber: Come scusa?
    Ben: Le acque si sono già rotte perciò non credo che dovrebbe entrare...niente là dentro.
    Carina: Ok, non dovrebbe entrare niente. C'è un piccolo fascio di nervi perfetto all'esterno, dottore.
    Ben: Sì, sì, lo so bene...ma...ma...
    Arizona: Ma noi, sì, troveremo un altro sistema.
    Ben: Grazie.
    Carina: Da quanto è in travaglio la puerpera?
    Ben: 20...
    Arizona: Direi quasi 20 ore.
    Carina: E le mancano ancora 6 cm...sono ore e ore di dolore inutile e rischio di complicanze, quando il corpo ha un meccanismo perfetto per accelerare il processo. Non è un caso se la natura ha messo il punto G nel canale del parto.
    Webber: È la prima volta che sento queste tre cose nella stessa frase!
  • Meredith: Perché la borsa?
    Riggs: Ho accumulato parecchie ferie e pensavo di prendermi una vacanza, vedere che succede ora.
    Meredith: No.
    Riggs: Non hai voce in capitolo, ok? Non siamo amici, lo hai chiarito.
    Meredith: Perché sono arrabbiata. Perché hai avuto un regalo che io non avrò mai...e lo stai sprecando, lo stai buttando via. Avevamo lo stesso sogno e quando non hai voluto lottare per lei, l'hai tradito e così tradisci me.
    Riggs: Non ti ho tradito. Lei non vuole stare con me perché pensa che io sia innamorato di te e infatti lo sono o lo ero e non voglio guardarla in faccia e mentire.
    Meredith: Dio, certe volte sei esasperante! Nathan, la vita è complicata e Megan lo capisce. Non devi mentire...devi lottare. Dimostrale che ami lei, ricordale perché si è innamorata di te. Falle capire che lei è la tua prima e unica scelta. Ti prego non sprecare tutto.
  • Allora come si fa? Come salviamo le vite quando la nostra va a rotoli? Tanto per cominciare non operiamo mai senza un assistente. Esaminiamo il caso clinico. Riuniamo l'équipe e accettiamo di non dover fare tutto da soli. (Meredith)

Episodio 4, È stata una vera sorpresa[modifica]

  • Ci sono 100 miliardi di neuroni nel cervello umano che si connettono continuamente. Che ci aiutano con la matematica, ci fanno ricordare dove sono le chiavi, la voce di nostro padre...lavorano sodo tutto il tempo. Perciò quando il cervello è difettoso serve un lavoro di ricablaggio e non si può sbagliare. (Amelia)
  • Quando devi sottoporti ad un intervento, temi di non risvegliarti. Ma se l'intervento è al cervello, temi il risveglio. Ma tanto non sarai in te quando succederà. (Amelia)
  • Il problema dei malintesi è che si dipanano sempre quando è troppo tardi, quindi bisogna stare sempre molto attenti con i nostri legami. Hanno bisogno di tempo, di cura e di attenzioni. Hanno bisogno di attenzione e risolutezza. Noi ricolleghiamo tutto quello che possiamo, il più attentamente possibile. E poi dobbiamo pregare Dio...di aver fatto la cosa giusta. (Amelia)

Altri progetti[modifica]