Guido Sommavilla

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Guido Sommavilla (1920 – 2007), religioso, scrittore, critico letterario e teologo italiano.

Il bello e il vero[modifica]

Incipit[modifica]

Nelle pagine di questo libro chi leggerà troverà una sfida che il teismo di sempre, specie cristiano, lancia agli ateisimi scaturiti dall'illuminismo, alcuni dei quali, in certe forme e dopo metamorfosi varie, non sembrano affatto estinti.

Citazioni[modifica]

  • Anche il panteismo è ateismo, perché dire che tutto è Dio è lo stesso che dire che Dio non è.
  • Chi può a priori sentenziare o decidere che è assurdo, cioè in sé contraddittorio, un Dio onnipotente, in ogni senso infinito, anche come amore, che per amore ha voluto il mondo affinché altri esseri potessero avere un giorno parte al suo bene divino?
  • Il teismo, specie quello cristiano, non attacca gli atei, ma semmai li chiama, porge loro annunci o tutt'al più avvisi di garanzia.
  • Kafka è, almeno fra i non cattolici, una mosca bianca nel cielo del Novecento letterario e culturale postcristiano illuministico.
  • Kafka è un maestro di disperazione e di nichilismo, ma unicamente nel senso che ne è un grande diagnostico, un appassionato inquisitore e denunciatore.
  • L'ateismo vorrebbe sostituire la fede in un mistero con la fede, più difficile ancora, in un assurdo.
  • La libertè [illuministica] che si persegue è unicamente la libertà (liberale) da ostacoli da ostacoli, imposizioni, coazioni, e non la libertà di scelta tra bene e male con annessa responsabilità.
  • La sfida della grande poesia è il male più brutto, il male tragico, l'irreparabile perdizione o distruzione o condanna dell'innocente.
  • Non la bellezza ma la giustizia, e la passione per essa, è quanto muove radicalmente la penna, è l'anima che incalza l'anima dei grandi poeti.

Citazioni su Guido Sommavilla[modifica]

  • Padre Guido Sommavilla, letterato e filosofo, morto nel mese di settembre a 87 anni, era anzitutto un gesuita. Di quelli antichi, dalla grande formazione, che potevano occuparsi di politica oppure di paleontologia, mantenevano però salda la loro appartenenza e non mancavano mai di far seguire alla loro firma SI: Societatis Iesu, della Compagnia di Gesù. (Elio Guerriero)

Bibliografia[modifica]

  • Guido Sommavilla, Il bello e il vero: scandagli tra poesia, filosofia e teologia, Editoriale Jaca Book, 1996.