Henry John Temple, III visconte Palmerston

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Henry John Temple

Henry John Temple terzo visconte Palmerston (1784 – 1865), politico inglese.

Citazioni di Henry John Temple[modifica]

  • Gli abusi che la maggioranza della popolazione [di Roma] meno sopporta, sono tanto redditizi e convenienti per coloro che detengono il potere, e lo spirito del governo pontificio è così avverso a qualsiasi innovazione che, forse, ci sarebbero voluti gli sforzi congiunti e solleciti di tutti i principali governi europei, per ottenere dal collegio dei cardinali una reale ed efficace riparazione dei torti che il popolo romano lamenta; in ogni caso, è certo che il governo di Roma non cercherà mai verosimilmente di rimuovere il malcontento con miglioramenti, finché può sperare di reprimere l'espressione di questo malcontento con il pronto intervento delle truppe austriache.[1]

Attribuite[modifica]

  • [Ultime parole] Morire, caro il mio dottore, è l'ultima cosa che farò!
Die, my dear doctor, that's the last thing I shall do![2]

Note[modifica]

  1. Da una lettera a Seymour, 21 agosto 1832, ripr. in Emilia Morelli, La politica estera di Tommaso Bernetti, Roma 1953, pp. 213-14; citato in Denis Mack Smith, Il Risorgimento italiano. Storia e testi, Gius. Laterza & Figli, 1968; edizione Club del Libro, 1981, p. 91.
  2. (EN) Citato in The dictionary of biographical quotation, Taylor & Francis, p. 584.

Altri progetti[modifica]