Neffa

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da I messaggeri della Dopa)
Jump to navigation Jump to search
Neffa

Neffa, pseudonimo di Giovanni Pellino (1967 – vivente), cantautore, rapper e produttore discografico italiano.

Citazioni di Neffa[modifica]

  • Il titolo dell'album [Arrivi e partenze] me l'ha dato il mio vicino di casa – camionista poeta – io abito appena fuori Bologna e c'è una stazioncina ferroviaria che mi fa molto da metrò, in dieci minuti sono a Bologna, e appesi in cucina avevo gli orari; così il mio amico mi ha detto: perché il disco non lo chiami Arrivi e partenze? E io ho detto: Perché no![1]

Citazioni tratte da canzoni[modifica]

Neffa & i messaggeri della dopa[modifica]

Etichetta: Polygram Italia, 1996, autoprodotto.

  • È il ritorno del guaglione sulla traccia, | il tipico stile del mistico chico sul ritmico boomcha. (da In linea, n. 2)
  • Cielo grigio piombo io non lascio che mi prenda. (da Aspettando il sole, n. 3)
  • Quello che è stato è già passato e mo il passato se lo tiene. (da Aspettando il sole, n. 3)
  • Piove già da un tot, | la pioggia bagna la mia pelle ma mi asciugherò | perché so che il tempo è ciclico | e so che un po' di tempo è quello che ci vuole. (da Aspettando il sole, n. 3)
  • In dopa trovo la mia cura, | in dopa mischio le radici e la cultura | e ho energia pura, | la musica mi detta le parole, | caccio queste rime e so che prima o poi ritorna il sole. (da Aspettando il sole, n. 3)
  • Se non capisci le parole | puoi sentire il funk. (da Puoi sentire il funk, n. 5)
  • Neffa e i Messaggeri in giro già da un tot, | con le rime in stile sulla traccia rappresentano. (da La ballotta, n. 6)
  • L'approccio di un guaglione non è detto che ti piaccia, | è tipo Michael Jordan quando schiaccia. (da La ballotta, n. 6)
  • Mi resta giusto il tempo per pensare, | Gesù Gesù è un altro giorno da svoltare. (da Solo un altro giorno, n. 8)
  • Ti rimando a casa col microfono nella cartella. (da To the Death, n. 10)
  • Via, lascia che sia | musica che avvolge l'energia, questo suono in azione. (da I fieri BBoyz, n. 11)
  • Un chico come me crede al funk dopo la morte. (da I fieri BBoyz, n. 11)
  • Novetre novequattro novecinque e novesei, | se compri questo disco mandi un chico in hitparade. (da I messaggeri Pt. 2, n. 13)
  • Io sto nel mio come Dio sta nel tutto. (da El chico loco, n. 14)
  • Si muore una volta sola, ma si vive ogni giorno. (da Lo spirito della dopa, n. 15)

107 Elementi[modifica]

Etichetta: BlackOut/Polygram, 1998, prodotto da Neffa, Deda, Alien Army.

  • Lascio che sia il diavolo in me ad avere gara dura. (da Il resto è nella mente, n. 1)
  • Il braccio segue nella stecca, la otto in buca, | chi perde paga, la fortuna è cieca. (da Guerra e pace, n. 2)
  • Non puoi tradire la tua gente, | non cercare l'uomo nell'uomo, | il suono dentro un altro suono. (da Non tradire mai, n. 3)
  • Cane mangia cane sangue chiama sangue, | fotta non ci estingue l'energia non finge. (da Solo fumo, n. 4)
  • Troppi parolai credersi Mogol, troppe voci senza soul. (da Carcere a vita, n. 5)
  • Quindi vada come vada sicuro è per la vita | 'sta partita da giocare fino a che è finita. (da Tutto può succedere, n. 6)
  • La balotta dei crudi sa che il funk è in me, | vai con la sigla B-Boy qui chi v'è. (da Freaky Funk Flow Pt 1, n. 8)
  • L'anima lascia una scia che chiama energia, | ma nella luce delle 6:00 è scivolata via. (da Vento freddo, n. 10)
  • Se dici Elvis io dico Miles Davis, | se dici spacca Jamiroquai io dico spacca Sly. (da Suona ancora, n. 13)
  • Lacrime di luci al neon nella strada, | la mia mente vaga ma aqui no pasa nada. (da Navigherò la notte, n. 15)
  • La notte porta consiglio, | specie se a volte malate giornate portano scompiglio. (da Navigherò la notte, n. 15)
  • Il tempo stringe anche per me ma si fa la parte che si sa, | la storia è scritta nella mente e nel DNA. (da Elementi, n. 16)
  • Sarà l'ordinario a fare la magia, | come un cerchio nell'istante prima che si chiuda. (da Nella luce delle 06:00, n. 19)
  • E se l'uomo viene dall'uomo, grande madre, | che hanno fatto a tuo figlio? Ripeto: che hanno fatto a tuo figlio? (da Parole liquide, n. 20)

Chicopisco[modifica]

Etichetta: Universal Music, 1999, prodotto da Neffa e Fritz da Cat.

  • Sentimi, ma non puoi prendermi, | credi di conoscermi e forse finirà così; | io sono l'incognita chiusa dentro l'anima. (da XYZ, n. 4)

Arrivi e partenze[modifica]

Etichetta: Mercury, 2001, prodotto da Neffa.

  • Lascio dietro me | gente che sembrava amichevole | e un uomo nello specchio stanco con un cuore che a volte non crede, | per venire qui ho preso la via lunga e difficile | sbagli che si fanno | in fondo è andata bene e sono salvo. (da Sano e salvo, n. 6)
  • So che ormai, | non si può | ritornare indietro ancora: | ti perderò. (da Ti perderò, n. 8)
  • Non vorresti prenderti una pausa | per pensare e andare via, | solo via senza trucchi o alibi. (da Tutto il tempo, n. 11)
  • Se tu vuoi andare avanti, | andrai dove vuoi, | puoi scalare montagne | senza perderti mai, | ma non puoi | risvegliare i sogni che hai vissuto. (da Andare avanti, n. 13)

I molteplici mondi di Giovanni, il cantante Neffa[modifica]

Etichetta: Sony, 2003, prodotto da Neffa.

  • Prima di andare via | spero che balli un po' | con me, | sopra la musica | ora il tuo corpo si muove, | può essere l'ultima | buona occasione per me | di redenzione insieme a te. (da Prima di andare via, n. 2)

Alla fine della notte[modifica]

Etichetta: Ariola, 2006, prodotto da Neffa.

  • È meglio una delusione vera | di una gioia finta. (da Il mondo nuovo, n. 2)
  • Però poi arrivi tu, | ti siedi dove vuoi e butti giù | la mia malinconia di vivere | e tutto sembra già possibile per me. (da Il mondo nuovo, n. 2)
  • Capita che mi sveglio all'alba quando l'aria è fresca | pensando alle mie illusioni di un'estate ormai persa. (da Il mondo nuovo, n. 2)
  • Già si vedono | lampi all'orizzonte però, | nei tuoi occhi io mi salverò, | già si sentono tuoni aprire il cielo però | grida forte e sai che correrò. (da Cambierà, n. 8)
  • Ora mi senti e ti sento | siamo una sola anima | e celebriamo il momento | e il tempo che verrà, | se chi decide ha deciso | che ora la guerra è la necessità, | io stringo i pugni e mi dico | che tutto cambierà. (da Cambierà, n. 8)

Sognando contromano[modifica]

Etichetta: 2009.

  • Sono pronto per rialzarmi ancora, | è il momento che aspettavo è ora, | nonostante questo cielo sembri chiuso su di me | nessuno mi vede, | nessuno mi sente | ma non per questo io non rido più. (da Lontano dal tuo sole, n. 2)
  • Sulla strada | troppe stelle spente, | la tua mano ora servirebbe, | troppa gente alza il dito | e poi lo punta su di me, | nessuno mi crede, davvero innocente | ma non per questo io non vivo più. (da Lontano dal tuo sole, n. 2)
  • Meglio che non dici a nessuno | che in fondo ancora stai sperando, | meglio che non alzi la voce | se rompi il silenzio cantando. (da Nessuno, n. 6)
  • Giorni d'estate che corrono via | verso le spiagge lontane, | giorni che vanno e ci lasciano qui | dove la pioggia cadrà. (da Giorni d'esatte, n. 10)

Molto calmo[modifica]

Etichetta: Best Sound, Sony Music, 2013, prodotto da Franco Godi.

  • Ci vuole poco a perdersi nelle storie che non esistono, | ognuno su una strada e poi fino a dove arriverà, | impariamo in fretta che si deve pretendere il massimo | però a volersi bene solo qualcuno ce la fa. (da Storie che non esistono, n. 2)
  • Devi stare molto calmo, devi stare molto calmo, | molto calmo | quando pensano per te, quando senti su di te, | la pressione che c'è, | quando tutti intorno a te hanno le idee confuse | e le micie accese, | quando parli e lei non c'è, | è qualcosa che non puoi | controllare e sale, | quando scopri che anche tu non ti sai fermare | e vuoi fare male. (da Molto calmo, n. 3)
  • Non riesco a non pensare a te | anche quando non vorrei | una via d'uscita anche se c'è, sembra sia introvabile, | ai miei amici che continuano a dirmi che non fai per me | rispondo che non voglio più star male perché non sei tu | ma la notte tardi vieni qui | e mi prendi le mani, | il tuo sguardo si fa serio e poi mi parli, e dici | questa volta io ritorno per restare, per sempre | ma finisce che era un sogno | al mio risveglio io ti cerco e non so dove sei. (da Dove sei, n. 4)
  • I tuoi occhi non li scorderò | finché avrò da vivere | stai sicura che li troverei fra altri mille intorno a me. (da Dove sei, n. 4)
  • Pensa se questi muri non ci fossero, | se i telefoni non suonassero per un attimo, | pensa a noi camminando fra i satelliti, | guarda in basso, il mondo adesso è così piccolo. (da Per sognare ancora, n. 6)
  • Pensa se ci sentissimo più liberi | abbastanza da non volere più nasconderci, | se incontrandoci su un percorso senza ostacoli | cancellassimo tutti quanti i nostri limiti. (da Per sognare ancora, n. 6)

Resistenza[modifica]

Etichetta: Pisco Music S.r.l, Sony Music, 2015.

  • Che importa se non faccio più in tempo adesso, | che vuoi che sia se poi il mondo mi scorderà, | caffè caldo dentro la tazzina, via la suoneria dal telefono, | resta tutto il tempo per le mie cattive abitudini. (da Sigarette, n. 4)
  • Che importa se la gioia è di turno altrove | tanto nel mio stereo c'è un blues che mi salverà, | forse se cambiassi prospettiva le ombre lunghe non si vedrebbero, | forse poi i ricordi di me e te non brucerebbero così. (da Sigarette, n. 4)
  • Quanta strada avrò fatto a vuoto lo sa Dio | e altre volte chissà dove stavo andando, | quanto tempo mi ci è voluto per capire | che nessuno è mai come te la stava raccontando. (da Per fortuna c'è il mare, n. 5)

Note[modifica]

  1. Dall'intervista a RaiNews24, 2001.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]