Ildebrando Bencivenni

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Ildebrando Bencivenni (–), scrittore italiano.

Bagolino e Bagolone[modifica]

Incipit[modifica]

I
Dove si fa conoacenza con due monelli

C'erano una volta...
Abbiate pazienza: questo «c'erano una volta» non vuol mica dire che degli anni ne sian passati di molti: no davvero. Infatti, i personaggi della mia storia son sempre vivi, e tutti li conoscono, e serban memoria de' fatti ch'io racconterò.
Dovete soltanto intendere che le non son cose proprio di ieri.
C'eran dunque una volta un babbo e una mamma, né ricchi né poveri; ma siccome non desideravano più di quel che avevano, se la passavano benino ed eran contenti.
Lui, il sor Cecco, faceva il sarto; lei, la sora Brigida, faceva la stiratora: lavoravano tutt'e due, e de' crucci in casa non n'avrebbero avuti; ma ... a ognuno a questo mondo gli toccan le sue.

Citazioni[modifica]

  • Chi non conosce se stesso? Io mi guardo nello specchio, e non c'ò pericolo che mi scambi per un altro. (p. 113)
  • Dentro di noi ci sono tanti congegni, che non li sospettiamo nemmeno, come in una macchina.
    Che ci vuole per adoperar bene una macchina? (p. 113)

Bibliografia[modifica]

  • Ildebrando Bencivenni, Bagolino e Bagolone, Adriano Salani Editore, Firenze 1912.