Indovinelli siciliani

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Raccolta di indovinelli siciliani.

Indovinelli siciliani[modifica]

Indovinelli[modifica]

  • Aju na mánnara i pecuri russi: | quannu piscianu piscianu tutti.[1]
Ho una mandria di pecore rosse: quando pisciano pisciano tutte.[soluzione 1]
  • Quann'iddu è vivu è niura la sua vesta, | e quann'è mortu culurita l'ha. | Cui l'indovina ci dugnu la testa | di chista vistiola ca nu nn'à.[2]
Quando è vivo è nera la sua veste e quando è morto l'ha colorita. A chi l'indovina do la testa di questa bestiola che non ne ha.[soluzione 2]

Dubbi[modifica]

  • Dimmi cu' vivi acqua e piscia vinu; | dimmi cu' ti saluta di luntanu; | dimmi cu' senza peri fa caminu; | dimmi cu' si currumpi e torna sanu; | dimmi cu' va a sona a matutinu; | dimmi cu' jetta li spaddi a lu chianu; | dimmi cu' manna focu di cuntinu; | dimmi cu' luci cumu juorni chiaru.[3]
Dimmi chi beve acqua e urina vino; dimmi chi ti saluta da lontano; dimmi chi senza piedi fa cammino; dimmi chi si corrompe e torna sano; dimmi chi va a suonare a mattutino; dimmi chi getta le spalle al piano; dimmi chi manda fuoco di continuo; dimmi chi fa luce come giorno chiaro.[soluzione 3]

Note[modifica]

  1. Citato in Studi in poesia popolare per Giuseppe Pitrè, Luigi Pedone-Luariel Editore, Palermo, 1872, p. 343.
  2. Citato in Studi in poesia popolare per Giuseppe Pitrè, Luigi Pedone-Luariel Editore, Palermo, 1872, p. 214.
  3. Citato in Canti popolari siciliani, raccolti ed illustrati da Giuseppe Pitrè, preceduti da uno studio critico dello stesso autore, vol. I, Luigi Pedone-Lauriel Editore, Palermo, 1870, p. 421.

Soluzioni[modifica]

  1. Gli embrici del tetto.
  2. Il gambero.
  3. La viti vivi acqua e piscia vinu; | l'amicu ti saluta di luntanu; | la littra è senza peri e fa caminu; | lu mari si currumpi e torna sanu; | lu sacristanu sona a matutinu; | lu morti jetta li spaddi a lu chianu; | lu suli manna focu di continu; | la luna luci comu jornu chiaru. (citato in Canti popolari siciliani, p. 422)
    La vite beve acqua e piscia vino; l'amico ti saluta da lontano; la lettera è senza piedi e fa cammino; il mare si corrompe e torna sano; il sacrestano suona a mattutino; il morto getta le spalle al piano; il sole manda fuoco di continuo; la luna fa luce come giorno chiaro.

Voci correlate[modifica]