Proverbi siciliani

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Raccolta di proverbi siciliani.

Indice
0-9 · A · B · C · D · E · F · G · H · I · J · K · L · M · N · O · P · Q · R · S · T · U · V · W · X · Y · Z · ?

A[modifica]

  • A bon vasceddu nun manca timuni.[1]
A un buon vascello non manca il timone.
  • A miu pariri mi sentu un liuni, Cu' sa si ad àutru un lebbru cci paru.[2]
Per come la vedo io mi sento un leone, chi sa se agli altri sembro un lepre.
  • A navi rutta ogni ventu è cuntrariu.[3]
A nave rotta ogni vento è contrario.
  • A pignata chi vugghi, nun c'incugnano muschi.[4]
A pignatta che bolle, non s'avvicinano mosche.
Non ci si prende gioco di chi mostra di essere pronto a reagire.
oppure
Non provocare chi è facile all'ira.
  • 'A quattara ca va all'acqua, o si rumpi o si ciacca.[5]
La brocca che va a prendere l'acqua, o si rompe o si spacca.
  • Ad un bon'omu nun cci manca spadda.[2]
Ad un buon uomo non manca aiuto.
  • Amicu ca m'a datu la castagna, ora m'a ddari 'u sucu di la vigna.[5]
Amico che mi hai dato le castagne, ora devi darmi il sugo della vigna.
  • Ammatula ca t'allisci e fai cannola, 'u santu è di mammuru e nun sura.[5]
Inutile che ti imbelletti e ti fai i boccoli ai capelli, il santo è di marmo e non suda.
  • Apri porta di ferru pugnu d'oru.[4]
Un pugno d'oro apre la porta di ferro.
  • Assai beni balla, cui la fortuna sona.[6]
Danza assai bene, l'uomo per cui la fortuna suona.

B[modifica]

  • Beatu chiddu oceddu, chi fa lu nidu a lo so paisi.[7]
Beato quell'uccello che fa il nido al suo paese.
  • Beatu cui pri autru si castiga.[7]
Beato chi attraverso gli altri si castiga.
Chi impara dagli errori altrui.
  • Biddizza senza grazia è comu l'isca senz'ami.[8]
Bellezza senza grazia è come l'esca senza ami.
  • Bisogna masticari amaru, cui voli a tempu agghiuttiri duci.[9]
Bisogna che mastichi amaro chi vuole a suo tempo inghiottire dolce.
  • Bisogna munciri la pecura senza farila gridari.[9]
Bisogna mungere la pecora senza farla gridare.
  • Bisogna travagghiari comu si mai si murissi, e pinsari sempri chi s'avi a muriri.[9]
Bisogna lavorare come se non si morisse mai e pensare sempre che si deve morire.
  • Bona parola è menzu pagamentu.[9]
Buona parola è mezzo pagamento.
  • Bucca amara, feli jetta.[10]
Bocca amara getta fiele.
  • Bucca amara, tenila cara.[10]
Bocca amara, tienitela buona, temila.

C[modifica]

  • C'è un occhiu chi tuttu vidi, e un oricchi chi tuttu senti.[11]
C'è in Occhio che tutto vede, e un Orecchio che tutto sente.
  • Càliti juncu ca passa la china.[5]
Incurvati giunco che passa la piena.
  • Cani di vuccirìa è lordu di sangu, e mortu di fami.[12]
Cane di mercato (cane randagio, malandato) è sporco di sangue, e morto di fame.
  • Casa granni inchila di spini.[13]
Casa grande riempila di spine.
Grandi ricchezze, grandi preoccupazioni.
  • Casa quantu stai, vigna quantu bivi, terra quantu vidi, rendita quantu poi..[13]
Casa quanto te ne occorre per abitare, vigna quanta te ne serve per bere, terra quanta ne puoi abbracciare con lo sguardo, rendita quanta ne puoi ottenere.
  • Cavaddu auriatu jetta càuci.[14]
Cavallo bardato d'oro sferra calci.
Gli agi e le morbidezza declinano in vizi e turpitudini.[15]
  • Centu latri nun ponno spugghiari un nudu.[11]
Cento ladri non possono spogliare un uomo nudo.
  • Centu pri unu cui paga un dinaru.[11]
Cento volte per uno (riceve) chi paga un denaro.
Dio rimunera al centuplo il caritatevole.
  • Chi fa chiddu chi nun divi, c'avveni chiddu chi nun cridi.[16]
A chi fa quello che non deve, accade quello che non crede.
  • Chianta la vigna unni teni la vutti.[1]
Pianta la vigna dove tieni le botti.
  • Chiavi d'oru apri ad ogni parti.[17]
La chiave d'oro apre ogni serratura e da' accesso a qualsiasi luogo.
  • Chiddu chi guasta la vecchiaja, nun c'è mastru chi lu conza.[17]
Quello che guasta la vecchiaia, non c'è maestro che lo ripari.
  • Chiddu chi si schifa, veni tempu chi s'addisia.[18]
Quello che si disprezza viene tempo che si desidera.
  • Chiddu è lu bonu, chi vidi, e chi taci.[17]
L'uomo buono è quello che vede, e che tace.
  • Chiddu è lu riccu chi campa filici.[17]
Il Ricco è colui che vive felice.
  • Ci dissi 'u papici 'a nuci: dammi tempu ca ti pèrciu.[5]
Disse il bruco alla noce: dammi tempo che ti perforo.
  • Ci vonnu ccippi di centu cantara Chi lu focu di pagghia pocu dura.[19]
Ci vogliono ceppi di cento cantari[20], poiché il fuoco di paglia dura poco.
Né l'entusiasmo degli inizi o una semplice infatuazione che come fuoco di paglia arde breve e violento e lascia fredda cenere possono sostenere un impegno di lunga lena e di grande durata.
  • Comu la 'mpastasti, scanatilla.[21]
Come l'hai impastata, spianatela.
  • Comu si campa, si mori.[21]
Come si vive, si muore.
  • Cosi longhi addiventanu serpi.[22]
Cose lunghe diventano serpi.
Le questioni su cui a lungo si indugia finiscono col diventare fastidiosi ed inestricabili grovigli.
  • Cu' avi mala donna pri cumpagna, Avi lu priatoriu a stu munnu.[23]
Chi ha una cattiva donna per compagna, ha il purgatorio (già) in questo mondo.
  • Cu' bonu sedi malu pensa.[24]
Chi ben siede mal pensa o posa.[25]
E vale anco che il sazio non crede al digiuno.[25]
  • Cu' d'avanti ti pici, d'arreri ti tinci.[26]
Chi davanti ti dipinge, di dietro ti tinge.
Chi ti loda in presenza, ti biasima in assenza.[27]
  • Cu' dona l'offiziu nun dona giudiziu.[28]
Chi dà l'ufficio (la carica, l'incarico) non dà il giudizio (che deve possedere chi è stato investito della carica).
  • Cu' fa ligna a mala banna, 'a sciri 'nconddu.[5]
Chi fa la legna in un brutto posto, deve portarla fuori a spalla.
  • Cu' futti futti, Diu pirduna a tutti.[5]
Chi frega frega, Dio perdona tutti.
  • Cu gaddu, e senza gaddu Dio fa jornu.
Col gallo e senza il gallo Dio fa sorgere il giorno.[29]
Ciò che deve accadere accade, concorrano o meno le circostanze accessorie.
  • Cu' ha lingua passa 'u mari.[5]
Chi ha lingua, passa il mare.
  • Cu' havi fami nun cerca cumpanaggiu, e cu' havi sonnu nun cerca capizzu.[30]
Chi ha fame non cerca companatico e chi ha sonno non cerca guanciale.
A chi è affamato ogni cibo è grato.[31]
  • Cu li donni si ridi a la trasuta, e si chianci a la nisciuta.[32]
Con le donne si ride all'inizio (all'entrata) e si piange alla fine (all'uscita).
  • Cu mangia fa muddichi.[5]
Chi mangia fa briciole.
  • Cu' scecchi caccia e fimmini criri, facci di pararisu nun ni viri.[5]
Chi guida somari e crede alle donne, non vede faccia di paradiso.
  • Cu' si cucca 'cche picciriddi, 'a mattina si susi pisciatu.[5]
Chi va a letto con i bambini, al mattino si alza pisciato.
  • Cui a tempu fa lu pazzu, è saviizza.[33]
Chi al momento giusto fa il pazzo, dimostra (è) saggezza.
  • Cui ama l'amicu nun stima dinari.[33]
Chi ama l'amico non fa conto del denaro.
  • Cui avi fami, nun cerca cumpagnia.[34]
Chi ha fame non cerca compagnia.
  • Cui avi un occhiu sulu, spissu l'annetta.[34]
Chi ha un occhio solo, se lo pulisce spesso.
Chi ha poco di qualcosa ne ha la più grande cura.
  • Cui a tia pari chi dormi, e riposa Chiddu porta la cruci chiu gravusa.[29]
Chi a te sembra che dorma e riposi, lui porta la croce più gravosa.
  • Cui di sceccu fa cavaddu, lu primu cauci è so.[35]
Chi di un asino fa un cavallo, il primo calcio è suo.
Chi innalza con la propria generosità un ingrato, per primo sarà ricambiato con l'ingratitudine.
  • Cui dici la verità, va 'mpisu.[35]
Chi dice la verità, finisce impiccato.
  • Cui fa mali, scorcia la so peddi.[16]
Chi fa il male scortica la sua tessa pelle.
  • Cui 'mpresta lo sò culu, 'un ha unni s'assittari.[36]
Chi dà in prestito il suo didietro, non ha dove sedersi.
  • Cui mori pri li funci, nun c'è nuddu chi lu chianci.[37]
Chi muore avvelenato dai funghi (chi si è esposto intenzionalmente, temerariamente ad un pericolo scontato), non c'è nessuno che lo pianga.
  • Cui nun po muzzicari, nun mustrasse li denti.[38]
Chi non può mordere, non mostri i denti.
  • Cui nun voli focu , levassi li ligna.[39]
Chi non vuole fuoco, tolga il legno.
Chi non vuole aspri contrasti tolga l'esca che li alimenta.
  • Cui picca avi, caru teni.[40]
Chi ha poco, se lo tiene caro.
  • Cui porta 'ngruppa è cacciatu di sedda.[40]
Chi porta in groppa è sbalzato di sella.
Chi mostra troppo docile condiscendenza viene duramente umiliato.
  • Cui si fa gabbu, ci cadi lu labbru.[41]
A chi si fa beffe degli altri, (gli) cade il labbro.
Chi mette gli altri in canzonatura per le loro mancanze può a sua volta incorrere nelle medesime.
  • Cui robba fa un peccatu, cui è rubbatu nni fa centu.[42]
Chi ruba fa un peccato, chi viene derubato ne fa cento.
  • Cui scava lu fossu, lu primu ci cadi.[42]
Chi scava il fosso ci cade per primo.
  • Cui simina spini, nun ricogghi rosi.[43]
Chi semina spine non raccoglie rose.
  • Cui tocca pici, s'imbratta li manu.[44]
Chi tocca pece, s'imbratta le mani.
Chi causa il male agli altri non resta immune dal dolore.
  • Cui veni appressu, cunta li pedati.[45]
Chi viene dopo conta le pedate.
Ci penseranno i posteri nell'avvenire.[46]
Di chi non pensa a quelli che dovranno succedergli, o vuol far il suo tornaconto senza badare al danno che sarà de' successori.[47]
  • Cunti senza l'osti si fanno dui voti.[48]
I conti senza l'oste si fanno due volte.
Uno è il conto del cliente, altro quello dell'oste.
  • Custa caru lu figghiu parrinu.[48]
Costa caro il figlio prete.
Arduo è il cammino della virtù.

D[modifica]

  • Di 'na spina nni nasci 'na rosa, E di 'na rosa nni nasci 'na spina.[49]
Da una spina nasce una rosa, da una rosa nasce una spina.
Da una cattiva madre nasce una buona figlia, da una buona madre nasce una cattiva figlia.[50]
  • Di stu munnu tantu si nn'havi quantu si nni tira cu li denti.[51]
Di questo mondo se ne ha tanto quanto se ne tira con i denti.
  • Diavulu 'mburnutu, ancilu apparebit.[52]
Diavolo lustrato, avrà aspetto d'angelo.
  • Doppu l'avaru veni lu sfragaru.[53]
Dopo l'avaro viene lo scialacquatore.
  • Dui sunnu li putenti, cui tantu avi e cui nun avi nenti.[54]
Due sono i potenti, chi ha tanto e chi non ha niente.

E[modifica]

  • È avvezzu lu lupu a li gridati.[55]
Il lupo è avvezzo alle grida.
Il malfattore è insensibile ad ammonimenti e minacce.
  • È mala cosa truzzari la petra.[55]
È cosa cattiva (sconsiderata, dannosa) cozzare contro la pietra.
  • È megghiu sapiri picca, chi parrari assai.[55]
È meglio sapere poco che parlare assai.
  • È megghiu testa d'asinu, chi cuda di liuni.[55]
È meglio testa d'asino che coda di leone.
  • È megghiu testa di lucerta, chi cuda di scursuni.[55]
È meglio testa di lucertola che coda di serpe.
  • È patruni di lu munnu cu' lu disprezza, e scavu cu lu prezza.[51]
È padrone del mondo chi lo disprezza e schiavo chi lo tiene in pregio.

F[modifica]

  • Fa bonu pranzu, no bonu vuccuni, Ma bonu cori di bonu patruni.[56]
Fa buon pranzo non un buon boccone, ma buon cuore di un buon padrone
  • Fai bene e scordalu, fai male e pensaci.[5]
Se fai bene, dimenticatene; se fai male, pensaci.
  • Fimmina senza amuri è rosa senza oduri.[5]
Donna senza amore è una rosa senza odore.

G[modifica]

  • Gatta di firraru s'addurmenta a sonu di marteddu.[57]
Gatta di fabbro si addormenta a suono di martello.
Non destano alcuna emozione le cose cui si è abituati.
  • Geniu fa biddizza.[57]
Il gusto, l'inclinazione fa (la) bellezza.
  • Giustamenti lu saggiu addunca dissi Parrami prima acciò ti canuscissi.[57] [wellerismo]
Giustamente dunque il saggio disse: Parlami prima perché io ti conosca.
  • Guai a cui strudi la farina, e sparagna la canigghia.[58]
Guai a chi spreca la farina e risparmia la crusca.
  • Guaina nun fa bona lama.[58]
Il fodero non fa una buona lama.
  • Guarda li panni di cui s'annega.[59]
Guarda gli abiti di chi si annega.
Impara dai mali altrui.
  • Guarda lu mari e teniti a la terra.[58]
Guarda il mare e tieniti (saldo) alla terra.

I[modifica]

  • I chiacchiri su' chiacchiri, ma 'a putiara voli i picciuli.[5]
Le chiacchiere sono chiacchere, ma la bottegaia vuole i soldi.

J[modifica]

  • Jardinu senza cani, è senza patruni.[60]
Giardino senza cane è senza padrone.
  • Jornu curtu, pisci longu; jornu longu, pisci curtu.[61]
Giorno corto, pesce lungo; giorno lungo, pesce corto.
I pesci di buona qualità sono lunghi in inverno e corti in estate.[62]

L[modifica]

  • L'asinu porta la pagghia, e l'asinu si la mancia.[1]
L'asino porta la paglia, e l'asino se la mangia.
  • L'omu è comu lu mari: S' 'un porta oi porta dumani.[63]
L'uomo è come il mare: se non porta oggi porta domani.
  • L'omminu pp'a parola, 'u voi pp'e corna.[5]
L'uomo per la parola, il bue per le corna.
  • L'uffiziu si duna a cui nun lo dumanna.[64]
L'ufficio (la carica, l'incarico) si dà a chi non lo chiede.
A chi non è motivato dalla sola ambizione e che potrebbe perciò essere il più degno.
  • La bona o La vera nova la porta lu zoppu.[65]
La buona o la vera notizia la porta lo zoppo.
La verità o la buona nuova si sa tardi.[66]
  • La Bucca è un aneddu, ma capi quantu 'na navi ed un vasceddu.[10]
La bocca è come un anello, ma contiene quanto una nave ed un vascello.
  • La Carni di l'omu si mancia cu li meli.[12]
La carne dell'uomo si mangia col miele.
Con belle parole, lusinghe e garbate maniere si ottiene tutto.
oppure
La vendetta, specie se lungamente covata, si compie con grande voluttà.
  • La fimmina è comu lu gattu: cchiù chi l'allisci, cchiù la cuda crisci.[67]
La donna è come il gatto: più la carezzi, più la coda cresce.
  • La manu curri spuntania a lu cori[68]
La mano corre spontanra al cuore.
Ognuno opera come il cuore gli consiglia.[69]
  • La tavula (–o La Mensa) è 'na brutta corda.[70]
oppure
  • La tavula è turtura.[70]
La tavola è una brutta corda.,
oppure
La tavola è tortura.
Perché fa confessare.[71]
  • La testa a la padedda e la cuda a mari.[70]
La testa (del pesce) alla padella e la coda a mare.
Il pesce deve essere freschissimo.
  • Li re stannu 'ntra li càmmari e cummannanu, E li populi si scànnanu.[72]
I re stanno dentro le camere e comandano, e i popoli si scannano.
  • Li suldati fanno la guerra e s'ammazzanu, e li re s'abbrazzanu.[73]
I soldati fanno la guerra e si ammazzano, e i re si abbracciano.
  • Lu cafè santiannu e lu ciucculatti ripusannu (o – pastiggiannu).[74]
Il caffè sacramentando e il cioccolato riposando (o sorseggiando).
Cioè il caffè si vuol prendere caldo di molto (quasi bestemmiando dal dolore scottandosi) e il cioccolato freddo.[75]
  • Lu Cuscinu è un gran cunsiggheri.[48]
Il cuscino è un gran consigliere.
  • Lu Diavulu è suttili, e fila grossu.[52]
Il Diavolo è sottile e fila grosso.
  • Lu Diavulu fa li cosi ammucciuni, e poi sona la campanedda.[52]
Il Diavolo fa le cose alla chetichella e poi suona la campanella.
  • Lu gangunïari fa passari lu sonnu.[74]
Il mangiucchiare fa passare il sonno.
  • Lu munnu è longu, ed havi la cuda.[76]
Il mondo è lungo e ha la coda.
Con la sua inesauribile riserva di sorprese il mondo resta difficile da comprendere e dominare interamente anche per l'uomo che ne abbia una lunga esperienza.
  • Lu munnu è di cu' lu sapi buffuniari.[51]
Il mondo è di chi lo sa canzonare.[77]
  • Lu munnu 'un s'ha persu mai pi fimmini, ma pi dinari.[78]
Il mondo non si è mai perso per le donne, ma per i soldi.
  • Lu Cuscinu è un gran cunsiggheri.[48]
Il cuscino è un gran consigliere.
  • Lu muttu anticu, È lu Vanceliu nicu.[79]
Il motto antico è il piccolo Vangelo.
  • Lu piccadu è chiddu chi nesci e no chiddu chi trasi.[80]
Il peccato è quello che esce e non quello che entra.
Peccato è la maldicenza e non quello che si mangia.[81]
  • Lu vicinu è sirpenti, si nun ti vidi ti senti.[82]
IL vicino è serpente, se non ti vede ti sente.

M[modifica]

  • 'Mbriachi e picciriddi, 'u Signuri aiuta.[5]
Ubriachi e bambini, il Signore li aiuta.
  • Manciari senza vìviri È celu annuvulatu ca 'un pò chiòviri.[83]
Mangiare senza bere è (come) un cielo nuvoloso da cui non può cadere pioggia.
  • Mariuolu e viulinu, ti diverti a lu matinu.[84]
Ladro e violino, ti diverti al mattino.
  • Megghiu pugna all'occhi, chi sgracchi a lu capizzu.[85]
Meglio pugni agli occhi che scaracchi al capezzale.
Val meglio un marito giovane che anche la faccia a pugni, anzichè un vecchio catarroso e cagionevole che tossisca e sputi.[86] 
  • Mettiti megghiu 'i tia e ammaccici i spisi.[5]
Mettiti con quelli migliori di te e fanne le spese.
  • Morsi 'u figghiozzu, finìu 'u cumparatu.[5]
Morto il figlioccio, finito il comparatico.
  • Multi so' signuri di citati, e su schiavi di li donni.[78]
Molti sono signori di città e sono schiavi delle donne.

N[modifica]

  • Nè ciuri senza oduri, nè sabbato senza suli, nè fimmina senza amuri.[87]
Né fiore senza odore, né sabato senza sole, né donna senza amore.
  • Nun cc'è megghiu sarsa di la fami.[88]
Non c'è miglior salsa della fame.
  • Nun si dona l'uffiziu a cu' lu dimanna.[28]
Non si dà l'ufficio (la carica, l'incarico) a chi lo chiede.
Ma a chi lo merita.
  • Nun su' li donni chi nun gustanu, su' li dinari chi nun bastanu.[78]
Non sono le donne che non piacciono[89], sono i soldi che non bastano.
  • Nun ti fari mettiri la fadedda di (da) tò mugghieri.[90]
Non fari mettere la sottana da tua moglie.
  • Nutrica lu scursuni 'ntra la manica, si quadía e ti mùzzica.[14]
Nutri la serpe nella manica, si riscalda e ti morde.
Non essere generoso con chi non ne è degno.

O[modifica]

  • 'O cacatu 'u culu cci feti.[5]
A chi se l'è fatta addosso, puzza il sedere.
  • Occhi ch'aviti fattu chianciri, chianciti.[91]
Occhi che avete fatto piangere, (anche voi) piangete.
  • Ognunu è patruni di pulizziarisi 'u culu c'un corpu di lupara.[5]
Ognuno è padrone di pulirsi il sedere con un colpo di lupara.

P[modifica]

  • Picciotti e muli vonu stari suli.[5]
Giovani e muli vogliono stare soli.

Q[modifica]

  • Quannu l'amicu nun parra a prima vuci, voddiri ca 'u riscussu nun ci piaci.[5]
Quando l'amico non risponde a prima voce, significa che il discorso non gli piace.
  • Quannu ti voi fari gabbu di lu zoppu, bisogna chi tu fussi drittu.[92]
Perché ti possa fare beffe dello zoppo, occorre che tu sia diritto.
Chi burla lo zoppo badi d'esser diritto.[93]
Chi burla altrui badi s'egli è degno d'esser burlato.[94]
  • Quannu 'u diavulu t'accarizza, voli l'arma.[5]
Quando il diavolo ti accarezza, vuole l'anima.
  • Quattru sunnu li nnimici di l'omu: Dimoniu, antimoniu, matrimoniu, e Tribunali di Patrimoniu.[95]
Quattro sono i nemici dell'uomo: Demonio, antimonio, matrimonio, e Tribunali di Patrimonio.

R[modifica]

  • Ricchizza fa superbia, superbia povertà.[96]
La ricchezza genera la superbia, la superbia la povertà.
  • Ricchizzi e sanitati, – Criditinni mitati, Si menu nni criditi – Megghiu faciti.[96]
Ricchezze e salute, – credetene la metà, se meno ne credete – meglio fate.
  • Rispetta lu vecchiu unni lu trovi..[72]
Rispetta l'anziano dovunque lo incontri.

S[modifica]

  • Se canta cùcchiti e se nun canta strìchiti.[5]
Se (la fortuna) canta, va' pure a dormire; se non canta (non ti è favorevole) puoi rotolarti per terra.
  • Sìnnucu picciottu, paisi arruvinato.[5]
Sindaco giovane, paese rovinato.
  • Soni e canzuni su' comu lu ventu, Lu tavirnaru voli li dinari.[97]
Suoni e canzoni sono come il vento, l'oste vuole i soldi.
  • Sunaturi di chitarra e piscaturi di cimetta, miatu la casa ca l'aspetta.[5]
Suonatore di chitarra e pescatore con la lenza, disgraziata quella casa che li aspetta.
  • Supra 'o vagnatu, cci chiovi.[5]
Sul bagnato, piove.

T[modifica]

  • Ti dissi lèviti, e ancora batti a cura.[5]
Ti ho detto togliti di torno [al cane], e ancora batti la coda.
  • Tri sunu li putenti: 'u papa, 'u re e cu nun avi nenti.[5]
Tre sono i potenti: il papa, il re e chi non possiede niente.
  • Tutti semo d'un'acqua tanti ciumi.[98]
Tutti siamo tanti fiumi di una (sola) acqua.

U[modifica]

  • 'U sceccu 'a potta, 'u sceccu sa mangia.[5]
L'asino la porta, l'asino se la mangia.
  • 'U voi ci dici curnutu 'o sceccu.[5]
Il bue dice cornuto all'asino.
  • Unu pecca, e in tronu è missu, L'autru pecca, è crucifissu.[99]
Uno pecca ed è messo in trono, l'altro pecca, è crocifisso.
  • Unni ci su campani, ci su bbuttani.[5]
Dove ci sono campane, ci sono puttane.

V[modifica]

  • Vali chiu un corpu di mastru, chi dui di manuali.[100]
Vale più un colpo di maestro, che due di manovali.
  • Vinu meli finu, pri cui nun lu sa biviri è vilenu.[101]
Vino miele fino, per chi non lo sa bere è veleno.
  • Voi campari, lascia campari[102]
Vuoi vivere (?), lascia vivere.
Vivi e lascia vivere. (Proverbi italiani)
  • Voi chi na cosa nun si saccia? né si dica né si faccia.[102]
Vuoi che una cosa non si sappia? né si dica né si faccia.
  • Voi tu sapiri cu nun avi corna, Cui s'affaccia a lu soli, e nun fa umbra.[102]
Vuoi sapere chi non ha le corna?, chi s'affaccia al sole e non fa ombra.

Z[modifica]

  • Zoccu fa la matri a lu cufularu, fa la figghia a lu munnizzaru.[103]
Ciò che fa la madre al focolare, fa la figlia all'immondezzaio.
Come la madre, così la figlia.
oppure:
I figli seguono i costumi dei genitori.
  • Zoccu (– o Quantu) si dici 'n tavula, divi arristari 'ntra la tuvagghia.[104]
Ciò che (– o Quanto) si dice a tavola, deve restare nella tovaglia.
  • Zuccaru nun guasta bevanda.[105]
Zucchero non guastò mai vivanda.[106]
Le cose buone non son mai sgradite.

Note[modifica]

  1. a b c Citato in Scarcella 1846.
  2. a b Citato in Pitrè, Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, 1880, p. 258.
  3. Citato in Scarcella, 1846, p. 29.
  4. a b Citato in Scarcella, 1846, p. 30.
  5. a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af Citato in Benvenuti e Di Rosa.
  6. Citato in Scarcella, 1846, p. 33.
  7. a b Citato in Scarcella, 1846, p. 37.
  8. Citato in Scarcella, 1846, p. 38.
  9. a b c d Citato in Scarcella, 1846, p. 39.
  10. a b c Citato in Scarcella, 1846, p. 41.
  11. a b c Citato in Scarcella, 1846, p. 45.
  12. a b Citato in Scarcella, 1846, p. 43.
  13. a b Citato in Scarcella, 1846, p. 44.
  14. a b Citato in Pitrè, Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, 1880, p. 241.
  15. L'interpretazione è di Pitrè. Cfr. Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, p. 241.
  16. a b Citato in Scarcella, 1846, p. 46.
  17. a b c d Citato in Scarcella, 1846, p. 46.
  18. Citato in Scarcella, 1846, p. 47.
  19. Citato in Scarcella, 1846, p. 48.
  20. Antica unità di misura dei pesi: 1 cantaro corrisponde a 80 chilogrammi.
  21. a b Citato in Scarcella, 1846, p. 48.
  22. Citato in Scarcella, 1846, p. 50.
  23. Citato in Pitrè, Proverbi e canti popolari siciliani, 1869, p. 14.
  24. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 909.
  25. a b In Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 909.
  26. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 102.
  27. In Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 102.
  28. a b Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 669.
  29. a b Citato in Scarcella, 1846, p. 51.
  30. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano , p. 363.
  31. In Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 363.
  32. Citato in Scarcella, 1846, p. 71.
  33. a b Citato in Scarcella, 1846, p. 52.
  34. a b Citato in Scarcella, 1846, p. 54.
  35. a b Citato in Scarcella, 1846, p. 57.
  36. Citato in Pitrè, Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, 1880, p. 243.
  37. Citato in Scarcella, 1846, p. 61.
  38. Citato in Scarcella, 1846, p. 63.
  39. Citato in Scarcella, 1846, p. 64.
  40. a b Citato in Scarcella, 1846, p. 65.
  41. Citato in Scarcella, 1846, p. 68.
  42. a b Citato in Scarcella, 1846, p. 66.
  43. Citato in Scarcella, 1846, p. 67.
  44. Citato in Scarcella, 1846, p. 69.
  45. Citato in Scarcella, 1846, p. 71.
  46. In Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 272.
  47. In Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 728.
  48. a b c d Citato in Scarcella, 1846, p. 73.
  49. Citato in Pitrè, Proverbi e canti popolari siciliani, 1869, p. 12.
  50. Per l'interpretazione Cfr. Pitrè, Proverbi e canti popolari siciliani, 1869, p. 12.
  51. a b c Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 617.
  52. a b c Citato in Scarcella, 1846, p. 74.
  53. Citato in Scarcella, 1846, p. 80.
  54. Citato in Scarcella, 1846, p. 81.
  55. a b c d e Citato in Scarcella, 1846, p. 82.
  56. Citato in Pitrè, Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, 1880, p. 90.
  57. a b c Citato in Scarcella, 1846, p. 91.
  58. a b c Citato in Scarcella, 1846, p. 92.
  59. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 693.
  60. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano: compilato da Antonino Traina : volume unico, Giuseppe Pedone Lauriel Editore, Palermo, 1868, p. 511 Google Books
  61. Citato in Pitrè, Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, 1880, p. 91.
  62. L'interpretazione è di Pitrè. Cfr. Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV p. 91.
  63. Citato in Pitrè, Proverbi e canti popolari siciliani, 1869, p. 22.
  64. Citato in Pitrè, Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, 1880, p. 260.
  65. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 652.
  66. Interpretazione in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, Cfr. p. 652.
  67. Citato in Pitrè, Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, 1880, p. 231.
  68. Citato in Pitrè, Cfr. Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, 1880, p. 260.
  69. L'interpretazione è in Pitrè, Cfr. Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, 1880, p. 260.
  70. a b c Citato in Pitrè, Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, 1880, p. 94.
  71. L'interpretazione è di Pitrè. Cfr. Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, p. 94.
  72. a b Citato in Pitrè, Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, 1880, p. 240.
  73. Citato in Pitrè, vol. III, p. 90.
  74. a b Citato in Pitrè, Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, 1880, p. 96.
  75. L'interpretazione è di Pitrè. Cfr. Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV p. 96.
  76. Citato in Pitrè, Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, 1880, p. 257.
  77. La traduzione è in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 656.
  78. a b c Citato in Pitrè, Proverbi e canti popolari siciliani, 1869, p. 24.
  79. Citato in Pitrè, Proverbi e canti popolari siciliani, 1869, p. 9.
  80. Citato in Pitrè, Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, 1880, p. 98.
  81. L'interpretazione è di Pitrè, Cfr. Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, p. 98.
  82. Citato in Pitrè, Canti popolari siciliani, vol. I, p. 50.
  83. Citato in Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, 1880, p. 97.
  84. Citato in Canti popolari siciliani raccolti ed illustrati da Giuseppe Pitrè, vol I, Luigi Pedone-Lauriel , Palermo, 1870, p. 34 Google Books
  85. Citato in Pitrè, vol III, p. 347.
  86. La spiegazione i Di Giuseppe Pitrè. Cfr. Pitrè, vol III, p. 347.
  87. Citato in Pitrè, Proverbi e canti popolari siciliani, 1869, p. 15.
  88. Citato in Pitrè, Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, 1880, p. 92.
  89. Agli uomini che, delusi dalle donne, ne diventano critici implacabili.
  90. Citato in Pitrè, Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, 1880, p. 232.
  91. Citato in Pitrè, vol.III, p. 91.
  92. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 1117.
  93. La traduzione è in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 1117.
  94. L'interpretazione è in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 1117.
  95. Citato in Pitrè, Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, 1880, p. 190.
  96. a b Citato in Scarcella, 1846, p. 147.
  97. Citato in Pitrè, vol. III.
  98. Citato in Pitrè, Proverbi siciliani raccolti e confrontati, IV, 1880, p. 191.
  99. Citato in Scarcella, 1846, p. 171.
  100. Citato in Scarcella, 1846, p. 172.
  101. Citato in Scarcella, 1846, p. 174.
  102. a b c Citato in Scarcella, 1846, p. 175.
  103. Citato in Pitré, Proverbi e canti popolari siciliani, 1869, p. 12.
  104. In Proverbi siciliani raccolti e confrontati con quelli degli altri dialetti d'Italia da Giuseppe Pitrè, vol. IV, Luigi Pedone Lauriel, Palermo, 1880, p. 112
  105. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 1118.
  106. La traduzione è in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 1118.

Bibliografia[modifica]

Voci correlate[modifica]