Proverbi siciliani

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Raccolta di proverbi siciliani.

Indice
0-9 · A · B · C · D · E · F · G · H · I · J · K · L · M · N · O · P · Q · R · S · T · U · V · W · X · Y · Z · ?

A[modifica]

  • A bon vasceddu nun manca timuni.[1]
A un buon vascello non manca il timone.
  • Amicu ca m'a datu la castagna, ora m'a ddari 'u sucu di la vigna.[2]
Amico che mi hai dato le castagne, ora devi darmi il sugo della vigna.
  • Ammatula ca t'allisci e fai cannola, 'u santu è di mammuru e nun sura.[2]
Inutile che ti imbelletti e ti fai i boccoli ai capelli, il santo è di marmo e non suda.
  • 'A quattara ca va all'acqua, o si rumpi o si ciacca.[2]
La brocca che va a prendere l'acqua, o si rompe o si spacca.

C[modifica]

  • Càliti juncu ca passa la china.[2]
Incurvati giunco che passa la piena.
  • Chianta la vigna unni teni la vutti.[1]
Pianta la vigna dove tieni le botti.
  • Ci dissi 'u papici 'a nuci: dammi tempu ca ti pèrciu.[2]
Disse il bruco alla noce: dammi tempo che ti perforo.
  • Cu' avi mala donna pri cumpagna, Avi lu priatoriu a stu munnu.[3]
Chi ha una cattiva donna per compagna, ha il purgatorio (già) in questo mondo.
  • Cu' fa ligna a mala banna, 'a sciri 'nconddu.[2]
Chi fa la legna in un brutto posto, deve portarla fuori a spalla.
  • Cu' futti futti, Diu pirduna a tutti.[2]
Chi frega frega, Dio perdona tutti.
  • Cu' ha lingua passa 'u mari.[2]
Chi ha lingua, passa il mare.
  • Cu mangia fa muddichi.[2]
Chi mangia fa briciole.
  • Cu' scecchi caccia e fimmini criri, facci di pararisu nun ni viri.[2]
Chi guida somari e crede alle donne, non vede faccia di paradiso.
  • Cu' si cucca 'cche picciriddi, 'a mattina si susi pisciatu.[2]
Chi va a letto con i bambini, al mattino si alza pisciato.

D[modifica]

  • Di 'na spina nni nasci 'na rosa, E di 'na rosa nni nasci 'na spina.[4]
Da una spina nasce una rosa, da una rosa nasce una spina.
Da una cattiva madre nasce una buona figlia, da una buona madre nasce una cattiva figlia.[5]

F[modifica]

  • Fai bene e scordalu, fai male e pensaci.[2]
Se fai bene, dimenticatene; se fai male, pensaci.
  • Fimmina senza amuri è rosa senza oduri.[2]
Donna senza amore è una rosa senza odore.

I[modifica]

  • I chiacchiri su' chiacchiri, ma 'a putiara voli i picciuli.[2]
Le chiacchiere sono chiacchere, ma la bottegaia vuole i soldi.

L[modifica]

  • L'asinu porta la pagghia, e l'asinu si la mancia.[1]
L'asino porta la paglia, e l'asino se la mangia.
  • L'omu è comu lu mari: S' 'un porta oi porta dumani.[6]
L'uomo è come il mare: se non porta oggi porta domani.
  • L'omminu pp'a parola, 'u voi pp'e corna.[2]
L'uomo per la parola, il bue per le corna.
  • Li suldati fanno la guerra e s'ammazzanu, e li re s'abbrazzanu.[7]
I soldati fanno la guerra e si ammazzano, e i re si abbracciano.
  • Lu munnu 'un s'ha persu mai pi fimmini, ma pi dinari.[8]
Il mondo non si è mai perso per le donne, ma per i soldi.
  • Lu muttu anticu, È lu Vanceliu nicu.[9]
Il motto antico è il piccolo Vangelo.
  • Lu vicinu è sirpenti, si nun ti vidi ti senti.[10]
IL vicino è serpente, se non ti vede ti sente.

M[modifica]

  • 'Mbriachi e picciriddi, 'u Signuri aiuta.[2]
Ubriachi e bambini, il Signore li aiuta.
  • Mariuolu e viulinu, ti diverti a lu matinu.[11]
Ladro e violino, ti diverti al mattino.
  • Megghiu pugna all'occhi, chi sgracchi a lu capizzu.[12]
Meglio pugni agli occhi che scaracchi al capezzale.
Val meglio un marito giovane che anche la faccia a pugni, anzichè un vecchio catarroso e cagionevole che tossisca e sputi.[13] 
  • Mettiti megghiu 'i tia e ammaccici i spisi.[2]
Mettiti con quelli migliori di te e fanne le spese.
  • Morsi 'u figghiozzu, finìu 'u cumparatu.[2]
Morto il figlioccio, finito il comparatico.
  • Multi so' signuri di citati, e su schiavi di li donni.[8]
Molti sono signori di città e sono schiavi delle donne.

N[modifica]

  • Nè ciuri senza oduri, nè sabbato senza suli, nè fimmina senza amuri.[14]
Né fiore senza odore, né sabato senza sole, né donna senza amore.
  • Nun su' li donni chi nun gustanu, su' li dinari chi nun bastanu.[8]
Non sono le donne che non piacciono[15], sono i soldi che non bastano.

O[modifica]

  • 'O cacatu 'u culu cci feti.[2]
A chi se l'è fatta addosso, puzza il sedere.
  • Occhi ch'aviti fattu chianciri, chianciti.[16]
Occhi che avete fatto piangere, (anche voi) piangete.
  • Ognunu è patruni di pulizziarisi 'u culu c'un corpu di lupara.[2]
Ognuno è padrone di pulirsi il sedere con un colpo di lupara.

P[modifica]

  • Picciotti e muli vonu stari suli.[2]
Giovani e muli vogliono stare soli.

Q[modifica]

  • Quannu l'amicu nun parra a prima vuci, voddiri ca 'u riscussu nun ci piaci.[2]
Quando l'amico non risponde a prima voce, significa che il discorso non gli piace.
  • Quannu 'u diavulu t'accarizza, voli l'arma.[2]
Quando il diavolo ti accarezza, vuole l'anima.

S[modifica]

  • Se canta cùcchiti e se nun canta strìchiti.[2]
Se (la fortuna) canta, va' pure a dormire; se non canta (non ti è favorevole) puoi rotolarti per terra.
  • Sìnnucu picciottu, paisi arruvinato.[2]
Sindaco giovane, paese rovinato.
  • Soni e canzuni su' comu lu ventu, Lu tavirnaru voli li dinari.[17]
Suoni e canzoni sono come il vento, l'oste vuole i soldi.
  • Sunaturi di chitarra e piscaturi di cimetta, miatu la casa ca l'aspetta.[2]
Suonatore di chitarra e pescatore con la lenza, disgraziata quella casa che li aspetta.
  • Supra 'o vagnatu, cci chiovi.[2]
Sul bagnato, piove.

T[modifica]

  • Ti dissi lèviti, e ancora batti a cura.[2]
Ti ho detto togliti di torno [al cane], e ancora batti la coda.
  • Tri sunu li putenti: 'u papa, 'u re e cu nun avi nenti.[2]
Tre sono i potenti: il papa, il re e chi non possiede niente.

U[modifica]

  • Unni ci su campani, ci su bbuttani.[2]
Dove ci sono campane, ci sono puttane.
  • 'U sceccu 'a potta, 'u sceccu sa mangia.[2]
L'asino la porta, l'asino se la mangia.
  • 'U voi ci dici curnutu 'o sceccu.[2]
Il bue dice cornuto all'asino.

Z[modifica]

  • Zoccu fa la matri a lu cufularu, fa la figghia a lu munnizzaru.[18]
Ciò che fa la madre al focolare, fa la figlia all'immondezzaio.
Come la madre, così la figlia.
oppure:
I figli seguono i costumi dei genitori.

Note[modifica]

  1. a b c Citato in Scarcella 1846.
  2. a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af Citato in Benvenuti e Di Rosa.
  3. Citato in Pitrè, Proverbi e canti popolari siciliani, 1869, p. 14.
  4. Citato in Pitrè, Proverbi e canti popolari siciliani, 1869, p. 12.
  5. Per l'interpretazione Cfr. Pitrè, Proverbi e canti popolari siciliani, 1869, p. 12.
  6. Citato in Pitrè, Proverbi e canti popolari siciliani, 1869, p. 22.
  7. Citato in Pitrè, vol. III, p. 90.
  8. a b c Citato in Pitrè, Proverbi e canti popolari siciliani, 1869, p. 24.
  9. Citato in Pitrè, Proverbi e canti popolari siciliani, 1869, p. 9.
  10. Citato in Pitrè, Canti popolari siciliani, vol. I, p. 50.
  11. Citato in Canti popolari siciliani raccolti ed illustrati da Giuseppe Pitrè, vol I, Luigi Pedone-Lauriel , Palermo, 1870, p. 34 Google Books
  12. Citato in Pitrè, vol III, p. 347.
  13. La spiegazione i Di Giuseppe Pitrè. Cfr. Pitrè, vol III, p. 347.
  14. Citato in Pitrè, Proverbi e canti popolari siciliani, 1869, p. 15.
  15. Agli uomini che, delusi dalle donne, ne diventano critici implacabili.
  16. Citato in Pitrè, vol.III, p. 91.
  17. Citato in Pitrè, vol. III.
  18. Citato in Pitré, Proverbi e canti popolari siciliani, 1869, p. 12.

Bibliografia[modifica]

Voci correlate[modifica]