Proverbi siciliani

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Raccolta di proverbi siciliani.

Indice
0-9 · A · B · C · D · E · F · G · H · I · J · K · L · M · N · O · P · Q · R · S · T · U · V · W · X · Y · Z · ?

A[modifica]

  • A bon vasceddu nun manca timuni.[1]
A un buon vascello non manca il timone.
  • Amicu ca m'a datu la castagna, ora m'a ddari 'u sucu di la vigna.[2]
Amico che mi hai dato le castagne, ora devi darmi il sugo della vigna.
  • Ammatula ca t'allisci e fai cannola, 'u santu è di mammuru e nun sura.[2]
Inutile che ti imbelletti e ti fai i boccoli ai capelli, il santo è di marmo e non suda.
  • 'A quattara ca va all'acqua, o si rumpi o si ciacca.[2]
La brocca che va a prendere l'acqua, o si rompe o si spacca.

C[modifica]

  • Càliti juncu ca passa la china.[2]
Incurvati giunco che passa la piena.
  • Chianta la vigna unni teni la vutti.[1]
Pianta la vigna dove tieni le botti.
  • Ci dissi 'u papici 'a nuci: dammi tempu ca ti pèrciu.[2]
Disse il bruco alla noce: dammi tempo che ti perforo.
  • Cu' fa ligna a mala banna, 'a sciri 'nconddu.[2]
Chi fa la legna in un brutto posto, deve portarla fuori a spalla.
  • Cu' futti futti, Diu pirduna a tutti.[2]
Chi frega frega, Dio perdona tutti.
  • Cu' ha lingua passa 'u mari.[2]
Chi ha lingua, passa il mare.
  • Cu mangia fa muddichi.[2]
Chi mangia fa briciole.
  • Cu' scecchi caccia e fimmini criri, facci di pararisu nun ni viri.[2]
Chi guida somari e crede alle donne, non vede faccia di paradiso.
  • Cu' si cucca 'cche picciriddi, 'a mattina si susi pisciatu.[2]
Chi va a letto con i bambini, al mattino di alza pisciato.

F[modifica]

  • Fai bene e scordalu, fai male e pensaci.[2]
Se fai bene, dimenticatene; se fai male, pensaci.
  • Fimmina senza amuri è rosa senza oduri.[2]
Donna senza amore è una rosa senza odore.

I[modifica]

  • I chiacchiri su chiacchiri, ma 'a putiara voli i picciuli.[2]
Le chiacchiere sono chiacchere, ma la bottegaia vuole i soldi.

L[modifica]

  • L'asinu porta la pagghia, e l'asinu si la mancia.[1]
L'asino porta la paglia, e l'asino se la mangia.
  • L'omminu pp'a parola, 'u voi pp'e corna.[2]
L'uomo per la parola, il bue per le corna.

M[modifica]

  • 'Mbriachi e picciriddi, 'u Signuri aiuta.[2]
Ubriachi e bambini, il Signore li aiuta.
  • Mettiti megghiu 'i tia e ammaccici i spisi.[2]
Mettiti con quelli migliori di te e fanne le spese.
  • Morsi 'u figghiozzu, finìu 'u cumparatu.[2]
Morto il figlioccio, finito il comparatico.

O[modifica]

  • 'O cacatu 'u culu cci feti.[2]
A chi se l'è fatta addosso, puzza il sedere.
  • Ognunu è patruni di pulizziarisi 'u culu c'un corpu di lupara.[2]
Ognuno è padrone di pulirsi il sedere con un colpo di lupara.

P[modifica]

  • Picciotti e muli vonu stari suli.[2]
Giovani e muli vogliono stare soli.

Q[modifica]

  • Quannu l'amicu nun parra a prima vuci, voddiri ca 'u riscussu nun ci piaci.[2]
Quando l'amico non risponde a prima voce, significa che il discorso non gli piace.
  • Quannu 'u diavulu t'accarizza, voli l'arma.[2]
Quando il diavolo ti accarezza, vuole l'anima.

S[modifica]

  • Se canta cùcchiti e se nun canta strìchiti.[2]
Se (la fortuna) canta, va' pure a dormire; se non canta (non ti è favorevole) puoi rotolarti per terra.
  • Sìnnucu picciottu, paisi arruvinato.[2]
Sindaco giovane, paese rovinato.
  • Sunaturi di chitarra e piscaturi di cimetta, miatu la casa ca l'aspetta.[2]
Suonatore di chitarra e pescatore con la lenza, disgraziata quella casa che li aspetta.
  • Supra 'o vagnatu, cci chiovi.[2]
Sopra il bagnato, piove.

T[modifica]

  • Ti dissi lèviti, e ancora batti a cura.[2]
Ti ho detto togliti di torno [al cane], e ancora batti la coda.
  • Tri sunu li putenti: 'u papa, 'u re e cu nun avi nenti.[2]
Tre sono i potenti: il papa, il re e chi non possiede niente.

U[modifica]

  • Unni ci su campani, ci su bbuttani.[2]
Dove ci sono campane, ci sono puttane.
  • 'U sceccu 'a potta, 'u sceccu sa mangia.[2]
L'asino la porta, l'asino se la mangia.
  • 'U voi ci dici curnutu 'o sceccu.[2]
Il bue dice cornuto all'asino.

Note[modifica]

  1. a b c Citato in Scarcella 1846.
  2. a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af Citato in Benvenuti e Di Rosa.

Bibliografia[modifica]

  • Adagi, motti, proverbi e modi proverbiali siciliani compilati dal dottor Vincenzo Scarcella, Stamperia Fiumara, Messina, 1846.
  • Stefano Benvenuti e Salvatore Di Rosa, Proverbi italiani, Club degli Editori, 1980.

Voci correlate[modifica]