Modi di dire siciliani

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Indice
0-9 · A · B · C · D · E · F · G · H · I · J · K · L · M · N · O · P · Q · R · S · T · U · V · W · X · Y · Z · ?

A[modifica]

  • Acqua davanti e ventu darreri.[1]
Mare davanti e vento in poppa (dietro).
Buon viaggio: liberami dalla tua spiacevole, sgradita presenza!
  • Assittarsi supra la cartedda di la munnizza.[2]
Sedersi sopra il cesto della spazzatura.
Insolentire, ringalluzzire, insuperbirsi.[3]
  • Aviri lu cori como 'na granfa di purpu.[4]
Avere il cuore come un tentacolo di polipo.
Essere avarissimo.[5]
  • Aviri cchiù facenni chi nun hannu li furni di Pasqua.[6]
Avere più faccende (impegni) di quante ne hanno i forni di (a) Pasqua.

C[modifica]

  • Cui passa di li fossi e non è sagnatu, o Lummardu non c'è, o è malatu.[7]
Chi passa da "Le Fosse" e non viene salassato (nel portafoglio), o Lombardo non c'è, o è malato.[8]
  • Cunfittari strunza.[9]
Confettare uno stronzolo.[10]
Far cortesia a chi non la merita.[11]
  • Cunta e ricunta lu diavulu sinni pigghia 'na junta.[12]
Conta e riconta, il diavolo se ne prende in sovrappiù.
Si motteggiano quelli che con ingordigia contano e ricontano sempre il denaro.[13]

E[modifica]

  • E s'un t'abbasta lu to' sintimentu... va' pri cunzigghiu ni Vinizianu.[14]
E se non ti basta il tuo sentimento... vai a consigliarti[15] da Veneziano.
  • Esseri figghiu di la gaddina bianca.[16]
Essere figlio della gallina bianca.
Il beniamino, il prediletto.[17]
  • Esseri lu giurnali di lu paisi.[18]
Essere il giornale del paese.
Saper tutto ciò che succede, essere intrigante.[19]

F[modifica]

  • Figghiu di la gaddina niura.[20]
Figlio della gallina nera.
Dicesi di chi è poco curato, meno trattato degli altri.[21]
  • Fari scialibbia.[22]
Mangiare e bere senza risparmio, banchettare con abbondanza, allegramente; far baldoria, scialare.

H[modifica]

  • Hai vistu lu voi? Né biancu né niviru.[23]
Hai visto il bue? Nè bianco né nero.
Per accennare che non bisogna ridire ciò che si vede e si ode.[24]

I[modifica]

  • Isti, vinisti e chi zuorbi facisti?[25]
Sei andato sei tornato, e che cosa hai combinato?[26]

L[modifica]

  • La furtuna lu pigghia pri li capilli.[6]
La fortuna lo affera per i capelli.
  • La gamma fa zoccu voli lu dinocchiu.[27]
La gamba fa quello che fa il ginocchio.[28](La gamba fa ciò che vuole il ginocchio.)
Chi è meno è ubbidiente a chi è più.[29]
  • Lu carvuni si nun tingi mascaria.[30]
Il carbone se non tinge macchia (copre con una maschera).
La buona fama s'oscura anco per calunnie.[31]
  • Lupu malatu agneddu salvatu.[32]
Lupo malato agnello salvato.

M[modifica]

  • Mettirisi la strata 'mmenzu li gammi.[27]
Mettersi la strada in mezzo alle gambe.[28]
Mettersi a camminar velocemente.[29]

N[modifica]

  • N'un miriri e sbiriri![33]
In un attimo! In un baleno!
  • Nun è santu chi sura.[34]
Non è santo che suda.
È avaro.

O[modifica]

  • Ogni furmicula havi lo sò puncigghiuni.[35]
Ogni formica ha il suo pungiglione.
Chi più chi meno ognuno s'adira.[36]

P[modifica]

  • Pigghiari 'na cosa cu furia.[37]
Prendere una cosa con furia.
Dedicarvisi tutto, con impeto e forza.[38]
Pescare profondo, a fondo.
Saper con fondamento[40]
  • Primi furii di capitanu novu.[37]
Prime furie di capitano nuovo.
Si dice della vigoria e volontà mostrata da principio da alcuno nelle faccende.[38]

R[modifica]

  • Raccumannari lu furmaggiu a li surci.[37]
Affidare il formaggio ai sorci.

S[modifica]

  • Stari comu lu vermi 'ntra lu furmaggiu.[37]
Stare come il verme nel formaggio.
Vivere agiatamente, comodamente.
  • Stricari ad unu'na cosa 'nta lu mussu.[41]
Mettersi o cacciarsi la via o la strada tra le gambe.
Mettersi o cacciarsi la camminar velocemente.[42]
  • Stuppa mi dasti e stuppa ti filavi, tu mi tincisti ed io t'anniricavi.[43]
Stoppa mi hai dato e stoppa ti ho filato, tu mi macchiasti ed io t'annerii.
Si dice di due ugualmente furbi, o tristi di cui l'uno per ingannar l'altro resta ingannato.[44]

T[modifica]

  • Tuttu bonu e binidittu.[45]
Tutto buono e benedetto! (formula di augurio)

U[modifica]

  • Unni cci chiovi cci sciddica.[46]
Dove gli piove gli scivola.
Gli va sempre tutto bene.[47]

V[modifica]

  • Va sucati un prunu.[48]
Va' a succhiarti una prugna.
Va' a quel paese...

Z[modifica]

Vestito con molta ricercatezza. Elegantissimo.

Note[modifica]

  1. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 1081.
  2. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 169.
  3. Spiegazione in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 169.
  4. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano: compilato da Antonino Traina: volume unico, Giuseppe Pedone Lauriel Editore, Palermo, 1868, p. 782.
  5. La spiegazione è in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 782.
  6. a b Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 419.
  7. Citato in Antonino Cristoadoro, Origine della Chiesa di M. SS. della Concordia – detta volgarmente delle fosse – Notizie ricavate da varii autori e cronache patrie, 1 giugno 1890, riportato in Giuseppe Rasà Napoli, Guida e breve illustrazione delle Chiese di Catania e sobborghi, Catania 1900, p. 444.
  8. Il giureconsulto Giuseppe Lombardo e Longo si fece concedere – durante la seconda metà del XVIII secolo – da una residente della vecchia strada delle Fosse (oggi via Sant'Euplio) a Catania, tal 'gna Barbara, un antico altarino rappresentante Maria SS. della Concordia, intenzionato a restaurarla e a costruirvi una cappelletta, cosa che fece a spese dei passanti lungo la medesima strada, "salassati" con una offerta forzata; vedi nota precedente.
  9. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 987.
  10. La traduzione è in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 987.
  11. L'interpretazione è in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 987.
  12. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 815.
  13. Cfr. Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 815.
  14. Citato in Giuseppe Pitré, Antonio Veneziano nella leggenda popolare siciliana in Archivio Storico Siciliano XIX, 1894.
  15. Letteralmente: "vai per consiglio".
  16. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 423.
  17. La spiegazione è in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 423.
  18. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 436.
  19. La spiegazione è in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 436.
  20. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 422.
  21. La spiegazione è in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 422.
  22. Citato in Michele Castagnola, Fraseologia sicolo-toscana, p. 359.
  23. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 1100.
  24. La spiegazione è in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 1100.
  25. Citato in Valter Donati, Mariettina, Youcanprint Self-Publishing, Tricase (LE), 2017, p. 18.
  26. La traduzione è in Mariettina, p. 19.
  27. a b Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 426.
  28. a b La traduzione è in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 426.
  29. a b La spiegazione è in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 426.
  30. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 171.
  31. La spiegazione è in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 171.
  32. Citato in AA. VV., Proverbi & modi di dire. Sicilia. Audi, vidi e taci si voi campari 'n paci, SeBook.
  33. Citato in Philippe Collas, L'île du Lundi, French Pulp édition, Parigi, 2018, ISBN 9791025103324, p. 63
  34. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 852.
  35. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 418.
  36. La spiegazione è in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 418.
  37. a b c d Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 417.
  38. a b La spiegazione è in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 417.
  39. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 741.
  40. La spiegazione è in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 741.
  41. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 983.
  42. La spiegazione è in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 983.
  43. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 989.
  44. La spiegazione è in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 989.
  45. Citato in Lionardo Vigo, Raccolta amplissima di canti popolari siciliani, Tipografia Galatola, Catania, p. 516.
  46. Citato in Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 192.
  47. Cfr. Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 192.
  48. Citato in Александра Петрова (Aleksandra Petrova), Аппендикс (Appendix), p.118
  49. Citato in Traina, Nuovo vocabolario Siciliano-Italiano, p. 1117.

Voci correlate[modifica]