Isola Tiberina

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
L'isola durante una piena del Tevere (30 novembre 2005)

Citazioni sull'Isola Tiberina, isola fluviale nel centro di Roma.

  • Cominciò l'Isola Tiberina il suo nascimento per la testimonianza di Livio dai fasci di grano tolto dai campi di Tarquinio superbo, e gettato per odio nel Tevere; ivi arrestatisi insieme con le arene portatevi dal fiume formarono a poco a poco quest'Isola, ajutandola in appresso i Romani con bastioni, aggere[1], pietre quadrate, e altro. Volendo qualche tempo dopo[2] ergere ad Esculapio un Tempio per cui mandarono solenne ambasceria al suo celebre Tempio in Epidauro, ne riportarono un serpente, il quale, essendo essi nel Tevere, si fuggì, e si nascose nell'Isola. Onde pensarono ergerli un famoso Tempio nella medesima con un Ospedale per ricevervi coloro che infermi vi venivano ad effetto di risanare, e allora fortificarono l'Isola di nuove pietre quadrate, dandogli la forma di una Nave. (Ridolfino Venuti)
  • Nella medesima isola Tiberina esponevansi per testimonianza di Svetonio i poveri schiavi infermi di morbo incurabile; e sembra che neppure si ricevessero al coperto, per cui l'imperator Claudio comandò che se fortunatamente guarivano, si rendesse loro la libertà colla salute. (Giuseppe De Matthaeis)
  • Quasi nel mezzo della città, il Tevere forma un'isola, tanto celebre negli antichi tempi pei monumenti che conteneva. La sua origine, stando agli scrittori dell'antichità, deriva dall'espulsione dei Tarquinii[3], in seguito alla quale, il Senato decretò che i beni di quella famiglia fossero confiscati, conceduti al popolo e posti a sacco. Le messi che biondeggiavano nel campo tra la città e il Tevere, furono tagliate e gittate nel fiume, di guisa che, arrestandosi l'acqua pei cumuli delle biade gettate, formò una specie di argine che a poco a poco si cangiò in vera e propria isoletta. (Gustavo Strafforello)

Note[modifica]

  1. Argine, terrapieno difensivo ottenuto ammassando del terreno a sostegno di un muro o di una fortificazione.
  2. Per motivo della peste nell'anno 462 di Roma (Livii Epitome lib. XI.) [N.d.A.]
  3. Gli ultimi tre re di Roma di origine etrusca.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]