Johann Nestroy

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Johann Nestroy

Johann Nepomuk Eduard Ambrosius Nestroy (1801 – 1862), cantante lirico, attore e commediografo austriaco.

Citazioni di Johann Nestroy[modifica]

  • Che cos'è nazionale? Il fatto che nessuno capisca una parola della lingua che tu parli. (da Häuptling Abendwind, 1862; citato in Eric Hobsbawm, cap. V, p. 101)
  • Fate quel che vi pare; il destino ha l'ultima parola nelle faccende umane. Ecco la vera tirannide. Secondo i princìpi del Progresso, è da gran tempo che il destino avrebbe dovuto essere abolito. (da Sie sollen ihn nicht haben, 1850; citato in Eric Hobsbawm, cap. XVI, p. 373)
  • Sono stati i Fenici a inventare il denaro. Ma perché così poco?[1]

Note[modifica]

  1. Citato in Pietro Di Lorenzo, L'odore dei soldi. Piccola filosofia del denaro da Platone a Wall Street, Castelvecchi, 2008, p. 36

Bibliografia[modifica]

  • Eric J. Hobsbawm, Il trionfo della borghesia 1848/1875, traduzione di Bruno Maffi, Laterza, Roma-Bari, 1976.

Altri progetti[modifica]